Come Usare il File Robots.txt di Blogger

Accedendo su Blogger nella sezione Impostazioni > Preferenze di Ricerca > File Robots.txt personalizzato troverete una frase ben evidenziata che vi invita ad utilizzare i robots con cautela perché un uso scorretto potrebbe far sì che il vostro blog sia ignorato dai motori di ricerca. Esso serve per indicare ai motori di ricerca ciò che non si desidera indicizzare, come nel caso di determinate pagine del blog con informazioni personali, riservate o che per qualche altro motivo come ad esempio non rappresentano il tema generale del blog non si vuole promuovere. In questo caso bisogna adottare delle restrizioni. Se seguite la mia spiegazione ed alcuni miei consigli non vi succederà niente di tutto questo.

Prima di effettuare una qualunque personalizzazione vi conviene eseguire il salvataggio di ciò che è contenuto nel file robot.txt standard incollando quel poco che è presente al suo interno su un documento di testo. Per vedere quello che c'è e salvarlo dovrete aprire una nuova scheda del browser ed aggiungere all'url dell'homepage del vostro blog /robots.txt ed aprire questa pagina.

Nel caso di un blog gratuito il formato del link è il seguente:
http://nomeblog.blogspot.com/robots.txt

Nel caso di un dominio personalizzato il link da incollare è di questo tipo:
http://nomeblog.com/robots.txt

Ovviamente dovete sostituire alla parola nomeblog quello del vostro blog. Ad esempio questo è il file robots di Scuolissima:


Adesso che avete capito a cosa serve ed avete anche salvato cosa era presente in precedenza, ritornate sul Robots.txt e cliccate su Modifica, poi alla domanda Abilitare contenuti del file robots.txt personalizzato? rispondete spuntando la risposta Si. Si aprirà uno spazio bianco in cui dovete incollare ciò che era presente in precedenza, nel mio caso ho incollato questo:


All'interno del file robots.txt potete inserire fino ad un massimo di 10.000 caratteri che sono molti per le poche cose che si possono fare. Di norma è bene lasciare tutto per com'è in quanto i creatori di Blogger cercano di dare il meglio sull'aspetto SEO per i propri blog ma chi vuole provare ed è cosciente di ciò che fa può utilizzarlo per alcuni scopi limitati.

Se si vuole ad esempio bloccare l'indicizzazione di tutte le immagini dovete inserire queste due righe:
User-agent: Googlebot-Image
Disallow: /

Se volete togliere l'indicizzazione di una pagina del blog o di un articolo dovete inserire questi codici prima di Allow: / :
Disallow: /2012/06/titolo-post1.html
Disallow: /p/nome-pagina1.html
Che però dipendono dal nome che avete dato al vostro articolo e alla vostra pagina. Difatti negli articoli altre al nome dovete cambiare anche la data.

Oppure se volete potete caricare la sitemap del vostro blog direttamente nel file robots senza andare su Google Webmaster Tools, quello che dovete fare è incollare questo codice:

Sitemap: http://nomeblog.blogspot.com/atom.xml?redirect=false&start-index=1&max-results=500
Sitemap: http://nomeblog.blogspot.com/atom.xml?redirect=false&start-index=501&max-results=500

Al posto di nomeblog inserite quello del vostro blog e se avete acquistato il dominio allora dovete togliere la parola .blogspot inoltre siccome la sitemap di blogger è suddivisa ogni 500 articoli, dovrete inserire una nuova riga simile a quella precedente, ad esempio nella prima c'è index=1 e gli articoli si indicizzano fino a 500, nella seconda c'è index=501 e gli articoli si indicizzano fino a 1000 e così via. Alle prossime sitemap dovete inserire 1501, 2001, 2501 ecc.

LEGGI ANCHE: Come inviare la sitemap per blogger con Google Webmaster
Continua a leggere »

Come aggiungere capelli con Photoshop

Un altro tutorial che potrebbe essere di vitale importante per una grande categoria di persona, in particolare quella maschile, riguarda la crescita di capelli ma non mediante prodotti alle erbe o medicinali ma in una foto attraverso Photoshop. In fondo un po' tutti vorrebbero apparire perfetti, almeno nelle foto da impostare come profile personale di un social network o un sito di incontri e qualche centimetro di capello in più per ricoprire quei vuoti sulla testa renderà il vostro aspetto molto più attraente (ma questo è comunque un fattore relativo. Se volete aggiungere un po' di capelli dove ve ne mancano seguite questa guida che è anche molto semplice da eseguire.




Cercate la vostra immagine, poi cliccate su di essa con il pulsante destro del mouse e pigiate su Apri con Adobe Photoshop. Io ho scelto il famoso (e discutibile) cantante napoletano Gigi D'Alessio che anche lui pecca in quantità di capelli, adesso cercherò di farglieli crescere senza trapianto e parrucchino.



Un metodo che vi consiglio di adoperare è lo Strumento Timbro clone funzionante semplicemente premendo il tasto S. Quello che dovete fare è scegliere una zona di capelli omogenea e riprodurla dove è presente una mancanza. Per fare questo premete Alt e contemporaneamente fate click col mouse su una zona per memorizzare quel determinato colore di capelli. Fatto questo potete utilizzarlo come un normale pennello e leggermente, centimetro per centimetro aggiungeteli al resto del capo. 



Se non fosse che Gigi D'Alessio tutti lo ricordiamo con pochi capelli nessuno se ne sarebbe accorto che quei capelli aggiunti in seguito fossero frutto di una modifica con Photoshop. In effetti ho aggiunto molti capelli in più, capelli che probabilmente possedeva solo a 20 anni... Nelle vostre foto non conviene mai esagerare altrimenti il trucco di photoshop verrà scoperto.
Continua a leggere »

Come inserire i Commenti di Facebook su Wordpress

Come ogni blog la cosa più importante è che questo riceva commenti ma su Wordpress è statisticamente provato che i commenti occupano una gran parte del database in particolar modo nei siti in cui per commentare occorre effettuare una registrazione. Siccome la maggior parte dei domini economici hanno uno spazio piuttosto piccolo molti tendono a disabilitare la funzione di registrazione in modo da non sprecare spazio per utenti che potrebbero registrarsi e non frequentare più il blog, da questa limitazione nasce l'esigenza di trovare un modo per ricevere commenti attraverso plugin che non occupano database come quello di Facebook che ha tratto parecchio vantaggio in quanto installando il suo plugin è possibile avere commenti con una minor quantità di spam.

Per far funzionare questo plugin dovrete prima crearvi una applicazione su Facebook, che è una operazione gratuita e per farlo leggete la mia guida. Dopodiché dovrete inserire all'interno del plugin nella sezione Generale i codici alfanumerici dell'App ID e App Secret. Infine Salvate le modifiche.

Il vostro plugin è pienamente funzionante e volendo potete andare su Comment box per scegliere dove abilitare i commenti di Facebook sul vostro blog ma non è questo il punto perché ho creato questo articolo difatti c'è un modo per ricevere commenti senza intaccare lo spazio del database ed anche se ricevete link di spam non dovrete preoccuparvi più di tanto in quanto col metodo che sto per descrivervi i commenti non si indicizzano.

Versione semplificata del plugin è Facebook Comments Plugin che è funzionale solo per i commenti mentre non possiede le altre cose come i pulsanti per condividere e mettere Mi Piace.

Se oltre a non occupare database non volete nemmeno indicizzare i commenti di Facebook dovete inserirli tramite codice; vi consiglio di adottare questa pratica solamente se ricevete commenti banali e brevi e che non avete voglia di moderare perché in fondo i commenti sono la parte attiva di un blog ed aiutano nella maggior parte dei casi ad indicizzarlo meglio sui motori di ricerca.

Questo è il codice da inserire subito dopo un vostro post, magari mediante il plugin Header and Footer in modo da poterlo inserire senza effettuare modifiche nel tema del vostro blog:
<div id="fb-root"></div>
<script>(function(d, s, id) {
  var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0];
  if (d.getElementById(id)) return;
  js = d.createElement(s); js.id = id;
  js.src = "//connect.facebook.net/it_IT/all.js#xfbml=1&appId=INSERITE APP ID";
  fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs);
}(document, 'script', 'facebook-jssdk'));</script>

<div class="fb-comments" data-href="<?php the_permalink(); ?> " data-width="570" data-num-posts="5"></div>
Dovete inserire la vostra APP ID e poi potete variare la larghezza e il numero dei commenti da visualizzare.


In entrambi i modi i commenti di Facebook appariranno in questo modo anche con vista Moderatore. Sta a voi la scelta se applicarli in modo da salvare i commenti sul database o di non tenerne traccia, ogni blog fa storia a sé.
Continua a leggere »

Tesina sugli hacker - Terza Media

Collegamenti per tesina di terza media sugli hacker e le truffe informatiche.


Storia: La guerra fredda

Geografia: USA

Italiano: Luigi Pirandello

Scienze: Virus come l'Aids

Tecnica: Crimini informatici

Arte: ---

Musica: ---

Inglese: The Watergate, significato del termine "Geek"

Francese: ---

Ed. Fisica: ---

LEGGI ANCHE: Film per geek sugli hacker
Continua a leggere »

Tutorial per Photoshop in italiano

Quante volte avete letto nel web o nei social network sotto qualche foto la frase "E' stata fatta con Photoshop"? Credo molte volte, soprattutto se le sovrapposizioni di una immagine, l'inserimento di effetti speciali, e caratteristiche fisiche sono state eseguite in molto esagerato rispetto alla versione originale dell'immagine/foto. Se non si conosce la base di Photoshop diventa difficile effettuare personalizzazioni ed aggiungere effetti ad un'immagine ma se si prova leggendo una guida passo passo tale operazione può essere eseguita da chiunque. Non sono bravissimo con Photoshop ma spero di essere un punto di riferimento per coloro che sono ancora alle prime armi e vogliono imparare qualche trucco seguendo i miei tutorial che di tanto in tanto posterò in questa sezione.

Ovviamente chi volesse collaborare inserendo un po' del suo bagaglio culturale può aggiungere qualcosa alle guide qui presenti lasciando un commento che verrà aggiunto al tutorial iniziale se ritenuto utile oppure se siete capaci potete inviare un vostro tutorial scritto da voi ed in modo originale utilizzando l'apposito modulo.

Tra i diversi tutorial inseriti, ovviamente tutti in italiano, spiegati passo passo con immagini vi sono:
  1. Aggiungere bordo a un testo
  2. Aggiungere i capelli mancanti
  3. Aggiungere nuovi font
  4. Aumentare il volume dei capelli
  5. Colorare un immagine in bianco e nero
  6. Curvare una scritta
  7. Ingrandire il seno
  8. Rendere trasparente lo sfondo di una immagine
  9. Togliere lo sfondo da una immagine
  10. Sbiancare i denti
  11. Scontornare
Continua a leggere »

Come ingrandire il seno con Photoshop

La moda del rifarsi il seno ha colpito parecchie donne ed anche ragazze giovane che preoccupate delle loro piccole dimensioni trovano nella chirurgia la loro soluzione ed invece oltre alla spesa folle per sistemarselo, bisognerà fare dei controlli periodici per vedere se nel corso del tempo avrà un decadimento o provocare infezioni. Vi sono anche donne che però prendono alla leggera questa loro "piccola" imperfezione (scusate il gioco di parole) e preferiscono il ritocco con Photoshop a quello del chirurgo. Ma come si fa ad aumentare le dimensioni del seno usando il famoso programma per modificare le immagini, Photoshop? E' molto semplice e seguendo questo semplice tutorial sono convinto che in 5 minuti imparerete anche voi a gonfiare i seni di qualsiasi celebrità e perfino il vostro.

Quello che vi occorre, però, è trovare un immagine che mostra visibilmente la carenza di seno, non deve per forza essere un topless ma quanto meno una foto in costume, o con addosso una maglietta piuttosto stretta ed aderente per risaltarne le curve.



Aprite Photoshop, poi andate su File > Apri ed inserite l'immagine della persona presente nella foto a cui volete aumentare le dimensioni del seno. Avrei messo volentieri la mia foto se fossi femmina ma non lo sono e così ho cercato in rete un vip con un seno non rifatto, e devo ammettere che non è stato facile trovarlo ma alla fine la mia attenzione è ricaduta sulla ex velina Federica Nargi (che però alla fine ha deciso di ricorrere pure lei alla chirurgia estetica).


Sulla parte destra di Photoshop l'immagine che avete appena caricato viene chiamata Livello 0, adesso cliccate con il pulsante destro del mouse su di essa e cliccate su Duplica Livello, in questo modo si aprirà una schermata che vi permetterà di creare il Livello 0 Copia, cliccate su Ok per confermare. 


A questo punto cliccate su Livello 0 Copia in modo che rimanga selezionato ed illuminato con un colore bluastro come mostrato nell'immagine sopra. Questo serve per lavorare sul nuovo livello creato.



Date uno sguardo nel menù in alto e cliccate su Filtro e poi su Fluidifica. Dopo un iniziale caricamento dovrebbe apparire la vostra immagine, se è uguale allora passate alla fase successiva, se invece vi appare di colore azzurro, non preoccupatevi e cliccate come indicato dalla freccia su Modalità Avanzata.


Nella modalità avanzata vi appariranno parecchie funzionalità in più, ma per il momento voi dovrete cliccare sul bottone Nessuna per togliere la maschera azzurra.


Adesso che l'immagine è correttamente visibile dovrete cliccare sullo Strumento Gonfiamento che ha come simbolo un cerchio con 4 freccette attorno. Adesso posizionate il mouse su una delle tette della persona dell'immagine e dovete fare in modo che il cerchio non solo ricopra l'intera tetta ma deve essere anche leggermente più grande. Per modificare le dimensioni dello strumento gonfiamento, dopo averlo selezionato cliccate su  dimensioni pennello e scegliete il valore adatto, che nel mio caso era 50


Adesso posizionate nuovamente il mouse su una tetta e fate click su di essa e noterete che subirà un rigonfiamento, poi passate all'altra tetta e cliccatela 2-3 volte. Potete anche utilizzare (sempre su fluidifica) lo strumento Altera in Avanti, con raffigurato una mano con l'indice verso il basso per spostare leggermente il seno, per accentrarlo e per correggere la dimensione del busto dopo l'ampliamento del seno. Mi raccomando a non esagerare in quanto l'attenzione che ricade quasi sicuramente sul seno e quindi si capirebbe immediatamente che il seno è un fake creato con Photoshop. Nel caso della Nargi anche se apparisse su una copertina di un giornale con l'immagine che ho creato con Photoshop non si vedrebbe che il seno è finto perché è venuta discretamente bene ma nel caso di una immagine personale, il ritocco potrebbe risultare evidente e per questo motivo dovrete adottare ulteriori trucchi per rendere il seno più vero. Ad esempio se dobbiamo fare i pignoli sul seno destro della Nargi è presente un ombra che sul seno sinistro non c'è, il che vuole dire che bisogna lavorare su luci ed ombre


Se siete ancora su fluidità, cliccate su Ok e poi ritornare nella Home di Photoshop, poi cliccate con il pulsante destro sullo strumento sfoca e scegliete lo sfumino (anche questo con il dito indice verso il basso) e passatelo su di essa, quasi a formare una curva d'ombra sul seno dove ne era privo, per compensare l'ombra dell'altro seno, per dare un tocco di realtà. Se volete essere ancora più perfezionisti prendete lo strumento sfoca e schiarite un po' la parte di seno tra il costume e l'ombra che avete appena creato.

Si può dire che il tutorial per ingrandire il seno è finito, spero tanto che siete riusciti a sfatare questo mito leggendo la mia guida e se avete dubbi su quanto scritto non esitate a lasciare un commento.
Continua a leggere »

Come Pulire il Database Wordpress di Aruba

Uno dei punti deboli di chi installa Wordpress è lo spazio del database che a differenza di Blogger, argomento di cui aveva già affrontato nel trovare le differenze tra le due piattaforme è limitato ed in particolar modo chi ha installato il suo blog su Aruba ha a disposizione solamente 100 MB. La dimensione di 100 MB non è molto ma neanche poco dato che potrete inserirgli circa 10.000 articoli di media lunghezza con un immagine ciascuno, centinaia di tag e decine di categorie. Tale database però potrebbe non bastare a coloro che caricano molte immagini, difatti avevo un blog di gossip che ho deciso di eliminarlo da Aruba proprio per questo motivo, le spese superavano i guadagni solamente per il database che lo consumavo troppo in fretta.

Il database come già detto si consuma in base al contenuto inserito ma solitamente (il 90% delle volte) viene sprecato nella installazione di plugin superflui come il plugin del voto con le stelline o i pollici in sù, il plugin che mostra quante persone hanno visitato un determinato articolo oppure il plugin che mostra gli articoli più letti.

Adesso voglio raccontarvi una mia esperienza su un plugin che potrebbe essere un qualsiasi altro plugin ma che vi comporta lo stesso identico problema.
Un plugin che mi ha consumato parecchio database è quello degli articoli più letti e prende il nome di Popular Posts Data che in un mese e mezzo mi aveva occupato 250 kb per la sua cache. Ed a poco serviva l'altro plugin utile per la maggior parte dei casi per pulire il database che si chiama Wp-Optimize perché non riusciva ad alleggerirlo e per questo motivo presi la decisione di disattivarlo ed eliminarlo. Però era rimasto ugualmente lì e quindi quei 250 kb sembravano sprecati, fino ad oggi, che ho deciso di scrivere questa semplice guida per eliminare alcuni plugin inutili presenti su un altro mio blog di prova.


Andate nella pagina Mysql di Aruba ed inserite i dati di attivazione del servizio MySql arrivatevi per email dopo pochi giorni dalla registrazione. Poi fate click su quale dei 5 database state utilizzando (solitamente è uno solo ed ha un numero al suo fianco, questo numero corrisponde al numero di tabelle al suo interno).


All'interno del database dovrete fare molta attenzione a ciò che andate ad eliminare (cliccando sulla X rossa), consiglio per prima cosa di fare un backup in caso di perdita di dati e poi di eliminare solo tabelle dal nome che ha il plugin che avete eliminato, nel mio caso: wp_pupularpostsdata, wp_populardatapostscache, wp_rating. Se invece non siete sicuri di ciò che state eliminando lasciatelo così com'è e magari chiedete aiuto a persone più esperte prima di procedere a tentativi o adoperate un plugin affidabile come Wp Optimize.
Continua a leggere »

Come spostare il titolo dei post prima del nome del blog su Blogger

Non so per quale motivo ma da sempre Blogger presenta un inconveniente non facilmente risolvibile attraverso il pannello di amministrazione, ma solamente attuando una modifica al modello. Questo problema si presenza nei risultati di ricerca (Google per intenderci) dove appare prima il nome del blog e successivamente il titolo dei post. Eccovi un esempio errato:

NOME BLOG | TITOLO DEL POST

Detto così non sembra affatto una cattiva impostazione ma in ottica SEO lo è, difatti l'ideale sarebbe mostrare prima il titolo del post rispetto al nome del blog perché le parole del titolo presenti sulla sinistra si indicizzano meglio rispetto a quelli presenti sulla destra. Ho notato che alcuni blog che hanno come nome del dominio una keyword di piccole dimensioni traggono ugualmente vantaggi nonostante hanno inserito il titolo del post solo dopo rispetto al nome del blog.


Come avete potuto notare dall'anteprima anche io utilizzo questo metodo, quindi vuol dire che è una modifica veramente vantaggiosa  e vi spiego anche il perché. Sempre prendendo come punto di riferimento l'immagine inserita, una persona che cerca la frase Come mandare sms gratis dal PC è più attratta dalla frase in questione, viceversa, se prima di questa frase ci fosse stata la frase Scuolissima.com Imparare Online Gratis, che è il nome completo del mio blog, la stessa persona neanche riuscirebbe a leggere il titolo vero e proprio su come mandare sms e quindi sarà molto alta la probabilità che non cliccherà sul vostro blog in quanto lo riterrà di un argomento diverso da ciò che cerca.

Per effettuare tale modifica entrate nel Modello del vostro blog e poi all'interno di tutti quei codici dovete cercare questo codice (che di solito è una delle prime righe):
<title><data:blog.pageTitle/></title>

Il codice sopra lo dovete sostituire con quello presente qui sotto:
<b:if cond='data:blog.pageType == &quot;index&quot;'>
  <title><data:blog.title/></title>
<b:else/>
  <title><data:blog.pageName/> |  <data:blog.title/></title>
</b:if> 

Per capire se la modifica sia andata a buon fine, dovrete poggiare il mouse sul titolo della scheda del browser in cui si trova un qualsiasi articolo pubblicato sul vostro blog. Come in figura:



In questo modo apparirà un tooltip, ovvero il titolo dell'articolo senza il nome del blog, che pur non essendo presente apparirà subito dopo. Diversamente, se la modifica non funziona, ve ne accorgerete subito perché continuereste a vedere il titolo del blog prima di quello dell'articolo.
Continua a leggere »

Come creare pulsanti o bottoni con HTML

I bottoni o pulsanti servono per mettere in risalto un determinato passaggio da una pagina all'altra o per confermare un qualcosa. Si è soliti trovarne uno con la scritta "download" sotto un file che deve essere scaricato da internet, o per esempio ne si può trovare un altro per vedere la demo di un'applicazione online. Per crearne un bottone conviene affidarsi ai soliti programmi di grafica ma per i meno esperti ricordo che si possono creare bottoni tramite codice HTML. Proprio in questo articolo vi spiegherò come inserire un bottone senza link, con link e colorato.


Il codice qui sotto, in HTML permette di creare un bottone in modo molto semplice, però questo anche se cliccato non porta in nessuna pagina, ha solo uno scopo estetico.

<button> Testo </button>



Il bottone può, come già detto, condurre in una pagina web differente da quella in cui ci si trova, sempre nella modalità HTML bisogna inserire un codice differente:

<a href="URL DEL COLLEGAMENTO"><button>Testo</button></a>


Utilizzando il primo codice, una volta cliccato il bottone lascerete la pagina in cui vi trovate e verrete reindirizzati nella nuova pagina e questo non è un bene in ottica SEO perché più tempo una persona lascia aperta la pagina del vostro sito e meglio sarà. Per questo motivo vi conviene scartare il codice precedente e di utilizzare quello qui sotto che possiete l'attributo target blank.

<a href="http://www.scuolissima.com" target="_blank"><button>Testo</button></a>



Se volete un bottone colorato  dovrete utilizzare il codice sottostante, ovviamente il colore potete modificarlo a vostro piacimento, sostituendo quel verde che ho inserito con un altro colore esadecimale.

<a href="http://www.scuolissima.com/" target="_blank" title="Scuolisima"><input name="button" value="Bottone colorato" style=" color:#191919; background-color: #00CC00;" type="submit"></a>



Per soluzioni più professionali vi conviene utilizzare qualche sito che permette di creare un bottone con molti più dettagli grafici.
Continua a leggere »

Creare Banner Gratis con MyBannerMaker

I banner che sicuramente conoscete per aver visto scambio di pubblicità tra blog, in fondo a qualche blog che frequentate spesso o più comunemente i banner pubblicitari che sono di tipo commerciale sono solitamente creati da professionisti di grafica attraverso programmi di grafica come Photoshop ma non tutti sono afferrati in grafica e c'è sempre quello che non sa' scaricare un programma per creare o modificare immagini e  tanto meno utilizzarlo correttamente, in questo caso vengono in vostro soccorso siti appositi per la creazione di banner facilmente personalizzabili ed anche molto belli, rientra in questa categoria My Banner Maker.

SIZE: La prima cosa che dovete fare è pensare al posto dove inserire il banner per realizzarlo su misura. Ad esempio se lo inserite nella sidebar conviene il formato rettangolare 300x250 o 160x600 se la larghezza è stretta. Se dovete inserirlo nel footer forse vi conviene il formato 728x90 in quanto dovreste avere più spazio in larghezza, stessa cosa vale se il banner lo inserite sulla destra rispetto al vostro logo. 


BACKGROUND: Adesso dovete scegliere il colore dello sfondo che è diviso in parte superiore (Top Color) e parte inferiore (Bottom Color), al post dei colori se disponete di uno sfondo ben fatto potete caricare un'immagine presente sul vostro computer ma deve essere nei formati JPEG, GIF o PNG.


Su text potrete inserire il testo all'interno del banner e potete variare il colore, anche utilizzando il codice esadecimale, scegliete un font carino, una dimensione che si possa adattare alle dimensioni dell'immagine, l'opacità e l'angolazione. Per posizionare la scritta in un determinato posto andate su Positioning e variare la barra di Horizontal Text Position Line e Vertical Text Position Line; essendoci 4 linee dovete variare quella dove è presente la vostra scritta.


Recatevi su border se vorreste inserire un bordo, io consiglio sempre di inserirne uno per risaltare l'immagine e quindi far capire subito che si tratti di un banner. Solitamente viene utilizzato un colore scuro per fare il bordo ma se lo sfondo è nero, il bordo, non potete inserirlo dello stesso colore perché non si vedrà, in questo caso scegliete un colore blu, azzurro, rosso ecc. Sbizzarritevi e variatene le dimensioni variando la barra del width.


Gli effetti speciali presenti nella sezione Special Effects sono il punto forte di questo sito, difatti ve ne sono diversi. Inserendo No effect non vedrete alcun effetto, inserendo l'effetto blinking text se avete inserito un testo questo lampeggerà, l'effetto glitter invece vi farà apparire tante stelline luccicanti, l'effetto black and white annulla il colore che avete impostato precedentemente sia per lo sfondo che per il testo in quanto gli unici colori a disposizione saranno il bianco, il nero e il grigio. Se inserite l'effetto blurry dovrete utilizzare la barra per aumentare e diminuire l'effetto sfoca, il negative invece inverte i colori, ce ne sono ancora altri provateli e sceglieteli in base alle vostre esigenze.


Avete finalmente completato il vostro banner, adesso l'unica cosa che dovete fare è salvarlo sul vostro pc altrimenti se non lo salvate il vostro banner potrebbe cancellarsi nel giro di poco tempo. Recatevi nell'ultima sezione del menù chiamata Save e selezionate Download it se volete salvarla sul vostro PC mentre se vi serve il codice per incorporarla in qualche forum o sul vostro blog potete utilizzare l'opzione già selezionata che vi darà il codice di incorporamento, in questo caso però si consiglia di variare l'url presente in alto con quello del vostro blog. Per scaricare o avere il codice di incorporamento  dovrete cliccare prima sul logo nella parte con scritto FREE (non cliccate su scritto Vip se non volete pagare nulla). Come host di immagini utilizzano Imgur.

Vi è piaciuto questo sito per creare banner gratis? A me si, molto, certamente non è il massimo della qualità avere un banner con la scritta Made with MyBannerMaker.com che comunque si può eliminare con un semplice editor di grafica, anche Paint, tagliando la parte non interessata, però perderete qualità dell'immagine e molto probabilmente anche gli effetti inseriti che rimarranno fissi.
Continua a leggere »

Tesina sull'Argentina - Terza Media

Collegamenti per tesina di terza media sull'Argentina.


Storia: Il golpe e la dittatura di Videla

Geografia: Argentina

Italiano:
- Isabelle Allende - La casa degli spiriti
- Pablo Neruda (rimase in esilio in Argentina per 3 anni)

Scienze: 
- I ghiacciai
- I vulcani

Tecnica:
- Biotecnologia
- Energia idroelettrica
- Energia termica
- Energia nucleare

Arte:
- Lucio Fontana

Musica:
- Musica argentina in generale
- Tango

Inglese: 
- The war of Fakland

Francese:
- Diego Armando Maradona

Ed. Fisica:
Calcio
Continua a leggere »

Tesina sulla Sicilia - Terza Media

Collegamenti per tesina di terza media sulla Sicilia e i siciliani.


Storia: Il brigantaggio meridionale

Geografia: la Sicilia

Italiano: Leonardo Sciascia

Scienze: Vulcani

Tecnica: Terremoti

Arte: I pupi siciliani

Musica: Vincenzo Bellini

Inglese: The Sicily

Francese: L'immigration

Ed. Fisica: Calcio
Continua a leggere »

Tesina sulla Corea del Nord - Terza Media

Collegamenti per tesina di terza media sulla Corea del Nord.


Storia: La guerra di Corea

Geografia: Corea del Nord

Italiano: ---

Scienze: Enrico Fermi

Tecnica: Fissione e fusione nucleare

Arte: Pop Art

Musica: Musica asiatica

Inglese: ---

Francese: ---

Ed. Fisica: Tae kwon-do

Cittadinanza: I diritti dell'uomo
Continua a leggere »

Tesina sul Girasole - Terza Media

Collegamenti per tesina di terza media sui girasoli.


Storia: ---

Geografia: Il sole

Italiano: Eugenio Montale - Portami un girasole

Scienze: Il sistema solare

Tecnica: ---

Arte: Vincent Van Gogh

Musica: ---

Inglese: Oscar Wilde

Francese: ---

Ed. Fisica: ---
Continua a leggere »

Come creare una favicon

Le favicon sono delle icone di dimensioni 16x16 o 32x32 che si trovano in quasi ogni sito, viene visualizzata alla sinistra dell'URL nella barra degli indirizzi di un browser ed appare anche quando un sito viene salvato nei preferiti. Chi non dispone di una favicon sul proprio blog/sito deve immediatamente inserirne una, perché l'immagine di default solitamente è poco pertinente, viceversa una favicon a tema che può essere anche la miniatura di un logo lo renderà più completo. Di solito chi ne sa' di grafica si affida a programmi di fotoritocco come Photoshop ma non è alla portata di tutti e questo non è affatto un problema perché esistono siti che anche il più negato saprebbe utilizzare per creare la propria favicon personalizzata in meno di 10 minuti.


1) Favicon.cc: per semplicità è il migliore sito per creare favicon, avrete di fronte a voi una griglia e dovete colorarla utilizzando la tavolozza dei colori. Per salvare l'immagine scorrete la pagina verso il basso e cliccate su 'Download Favicon' per scaricare l'immagine in formato .ico.

2) Anti-Favicon: questo è uno di quei siti che preferisco per creare favicon perché da' quanto meno una base per iniziare; infatti ci sono degli esempi e poi le favicon dove spesso ci entra ben poco risulteranno più descrittive rispetto a quelle tradizionali dato che potrete dividerla in due parti: superiore ed inferiore ed inserire un massimo di due parole di 4 lettere ciascuna.

3) Toolset Favicon: questo generatore di favicon è molto simile al primo che vi ho presentato; vi permetterà di creare la vostra favicon.ico partendo da zero utilizzando gli strumenti dell'editor HTML5 oppure importanto un'immagine JPG, GIF o PNG come punto di partenza.

4) FavIcon from Pics: per i più pigri propongo questo sito che da una immagine normale crea tre tipi di favicon di grandezza 16x16 px, 32x32 px o in formato gif (in movimento); le gif però non sono supportate da molti browser.

5) Favicon.co: altro sito dove basta inserire un'immagine, caricarla, cliccare su 'Generate Favicon', per ottenere una immagine in miniatura con le dimensioni desiderate. Per scaricarla dovete cliccare sulla scritta 'Download Your Favicon Here'.

6) Degraeve: simpatico anche questo tool online per creare favicon dove potrete caricare un 'immagine, ritagliarne una parte ed editarla e ritoccarla un pochino per poi poterla utilizzare come favicon del proprio sito.

Si ricorda che per inserire una favicon in un sito a meno che non abbia una opzione apposita, si deve andare nella sezione HEAD (intestazione) ed incollare all'interno dei tag <head> e </head>, questo semplice markup::
<link rel="icon" href="/percorso/favicon.ico" />
Dovete sostituire il link di default con quello della vostra immagina appena creata e caricata online.
Continua a leggere »

500 Internal Server Error Aggiornamento Wordpress

Se avete il vostro blog wordpress installato su Aruba tutte le volte che sarà presente un nuovo aggiornamento di Wordpress questo guasterà il vostro blog mettendolo nella modalità manutenzione. In questo modo non solo i visitatori vedranno un messaggio di errore che li invita a scrivervi nell'email principale del blog ma non vi funzionerà nemmeno il pannello di amministrazione di Wordpress rendendo inutile qualsiasi tentativo di tornare indietro e annullare l'aggiornamento.
Il Messaggio di errore è il suddetto:
Internal Server Error
The server encountered an internal error or misconfiguration and was unable to complete your request.
Please contact the server administrator at postmaster@nomedominio.it to inform them of the time this error occurred, and the actions you performed just before this error.
More information about this error may be available in the server error log.


Per rimediare e far ritornare funzionante il blog dopo ogni aggiornamento dovrete tutte le volte accedere all'Area clienti di Aruba inserendo i vostri dati di accesso che solitamente sono una password e 123456@aruba.it dove al posto di 123456 ci sarà un numero diverso, che è il vostro, datovi nella fase di registrazione del dominio.

Dopo aver effettuato l'accesso su Gestione Dominio selezionate quello di vostro interesse se ne avete più di uno registrato e poi cliccate su Pannello di controllo.


Dato che per l'installazione di Wordpress occorreva Linux recatevi su Linux area e cliccate nella sezione chiamata Pannello gestione Hosting Linux.


Adesso nella pagina che si aprirà non occorre leggere ciò che c'è scritto, pertanto selezionate la 4° sezione del menù con scritto Strumenti e Impostazioni.


Adesso cliccate sull'ultima icona in basso con raffigurato una cartella e un catenaccio e si chiama Riparazione Permissions. Esso è uno strumento per ripristinare i permessi di tutte le directories e files presenti nello spazio web allo stato originale.


Adesso si aprirà una piccola finestra che vi chiede una conferma per ripristinare allo stato originale tutte le permissions di tutti i file senza fare distinzioni. Questa funzione va usata solamente per risolvere gravi problemi di funzionamento dello spazio web. Premete OK e poi dopo 1 minuto circa ritornare nel vostro blog che riprenderà a funzionare come prima.
Continua a leggere »

Come eliminare estensioni da Google Chrome

Una cosa che dà molto fastidio è esser riuscito a trovare un qualcosa di utile e scoprire che dopo poco tempo ha smesso di funzionare. A me è capitato ma probabilmente per un motivo diverso dal vostro, volevo saltare la pubblicità su Youtube automaticamente senza dover visualizzare l'annuncio di YouTube prima del video ma l'estensione di Chrome che me lo permetteva quando l'avevo installata ha smesso di funzionare. Grazie a questo suo malfunzionamento vi andrò a descrivere i passaggi da seguire per cancellare le estensioni di Google Chrome installate in precedenza.


Appena sotto la X per chiudere la finestra del Browser è posto un simbolo costituito da tre linee spesse, quello è il menù di Chrome, cliccatelo e poi andate su Impostazioni > Estensioni.


Adesso che vi trovate nella sezione Estensioni dove sono presenti tutte le estensioni installate dovete cercare l'estensione che non funziona più, sono ordinate in ordine alfabetico. Nel mio caso l'estensione si chiamava Valkyrie Skip Youtube Advertising e per rimuoverla definitivamente ho cliccato sul bidone della spazzatura, ed una volta fatta questa operazione apparirà una finestra con scritto se volere rimuovere o annullare l'operazione eseguita, e se siete intenzionate a eliminarla cliccate su Rimuovi.
Continua a leggere »

Come saltare la pubblicità dei video su Youtube

La pubblicità è il motore del web, è uno dei metodi che viene utilizzato dai creatori dei siti per guadagnare soldi, in pratica è il loro stipendio. Se adottate dei metodi per evitare la visualizzazione della pubblicità non fate altro che danneggiarli, è anche vero che la pubblicità non debba essere invasiva, ad esempio i formati più invasivi sono il popup, il popunder e come nel caso di Youtube la pubblicità presente prima di ogni video che dopo una attesa di 5 secondi apparirà il pulsante Salta l'Annuncio. Anche YouTube oltre hai elevatissimi guadagni ha pure i suoi elevatissimi costi di gestione del sito e del personale ed a mio parere non è giusto che vengano adoperate estensioni come Adblock perché questi rimuovono tutta la pubblicità del web ma non quella interna al video, e dato che a voi danno fastidio solamente le pubblicità che appaiono ogni volta prima del video dovrete adattare un metodo diverso per saltare la pubblicità.

Attualmente per Mozilla Firefox non è presente alcuna estensione realmente funzionante, lo stesso vale per Internet Explorer ma non per Chrome.

Se usate Google Chrome il procedimento è molto semplice, in quanto dovete installare l'estensione Adblock per Youtube cliccando su Aggiungi, ed in pochissimo tempo verrà installata nel browser. A questo punto dovrete aprire una nuova pagina, andare su Youtube e godervi i video senza alcun annuncio (in alto a destra dovrebbe apparirvi un'icona con raffigurato due freccette).
Un'estensione alternativa è EstensioneValkyrie Skip Youtube Advertising.

Sono due estensioni molto utili, ma essendo YouTube un sito sempre in continuo aggiornamento farà di tutto per rendere vani questi metodi per bypassare la loro pubblicità nei video, quindi se una di queste estensioni non dovesse funzionare come dovrebbe segnalatela qui sotto.
Continua a leggere »

Siti con argomenti saturi che non conviene creare

Quando si chiede ad un esperto quale possa essere un sito su cui puntare questi risponde dicendo che non importa il sito in sé ma è più importante concentrarsi su una nicchia, capire se è libera, svilupparla e se possibile diventarne l'unico punto di riferimento. Nel web sono presenti moltissimi siti e credo che tutte le nicchie sono già occupate però rimangono quelle utilizzate con minore impegno anche perché sono poco produttive in termini di visite ed economici ma questo non vuol dire che in futuro non possano migliorare. Anche per questo motivo in molti consigliano di puntare su un unico argomento e difatti sono pochi i blog e siti che affrontano più di un argomento (i cosiddetti siti multitematici) e se ne affrontano più di uno è perché sono costituiti da sottodomini in modo da non subire declassamenti per via di contenuti non a tema.


Il mio blog in questo caso non è un buon esempio in quanto tratto argomenti anche molto diversi l'uno dall'altro ma quantomeno cerco di non affrontare argomenti presi dalla rete e che sono gli stessi argomenti che sconsiglio di affrontare nei vostri siti. I siti che credo non conviene puntare sono diversi e diversi sono anche i motivi per cui credo non conviene realizzarli, primo fra tutti è che richiedono molto più impegno, investimenti ed anche perché affrontano già contenuti ripresi da altre parti.

News: I siti di news devono essere quotidianamente e costantemente aggiornati, ciò vuol dire che diventerete una vera e propria testata giornalistica e non potete limitarvi a dire che il vostro blog o sito non è una testata giornalistica perché in fondo lo è. Inoltre a meno che non siete realmente giornalisti dovrete prendere spunto da altri quotidiani online il che comporta solitamente alla copia anche parziale del loro sito o al furto di immagini di cui loro dispongono i diritti ma voi no. Inoltre per posizionarvi molto bene con le news dovrete spendere molto, sia nei social network sia in Google news e non è detto che riuscirete a recuperare i soldi spesi in tempi brevi.

Calcio e Sport: I siti di sport in generale o in maniera più specifica come il calcio non conviene crearli solo nel caso li si usa per inserire news viceversa possono diventare utili e famosi se li utilizzate per inserire biografie degli atleti e curiosità, insomma dovrete crearvi un loro database anagrafico.

Streaming: I siti di streaming illegale sono più vecchi del cucco, si trovavano 10 anni fa e si trovano tutt'ora adesso, non è cambiato molto nonostante i controlli. Non conviene crearli in quanto nessun hosting vi permette di ospitare materiale protetto da copyright ed inoltri il rischio che vi arrivi una pesante denuncia direttamente a casa vostra è altissimo. Difatti i siti di streaming film e serie tv se inseriscono lo streaming e il download se ne lava le mani (a modo loro) dicendo che non si assumono alcuna responsabili ma nella sottoscrizione dell'accettazione del dominio è invece scritto che i contenuti del sito non devono violare i diritti d'autore e quindi la responsabilità la si è assunta.

Ricette: I siti di ricette penso che sia inutile crearli in particolar modo se vengono riprese ricette dalla tv o da altri siti viceversa il discorso cambia se siete voi gli autori delle ricette e che quindi siete bravi nei fornelli in modo da poter dare consigli e trucchetti che nessun altro sito ha già dato.

Testi Canzoni: I siti in cui vengono inseriti i testi della canzoni sono una nicchia chiusa da tempo. Oramai solamente un pazzo, un inesperto di web o solo uno a cui piace la musica si potrebbe cimentare alla realizzazione di un sito di questo genere in quanto i testi delle canzoni sono tutti uguali e quindi non potrete ne ora e ne mai superare altri siti famosissimi nel settore. Inoltre per la maggior parte dei testi è vietata la riproduzione.

Frasi e Citazioni: I siti in cui andrete ad inserire le frasi e citazioni famose di persone celebri in linea generale non dovrebbero andare a buon fine in quanto lo stesso Wikiquote inserisce gli aforismi e quindi è come se li steste copiando da lì se li inserite sul vostro sito e comunque non esiste solo Wikiquote ma altri siti anch'essi fatti molto bene che oltre alle citazioni famose, inseriscono frasi tratta da filme e telefilm ed anche qui se le copiate subirete solamente qualche penalizzazione da parte di Google.

Il segreto per capire se un sito vale la pena di crearlo è porsi la domanda: “Quello che andrò a scrivere è opera mia o di altre persone?” Se è opera vostra allora prima o poi riuscirete ad emergere in qualche modo, nella seconda ipotesi invece sprecherete solamente tempo, in quanto i motori di ricerca adottano una intelligenza sempre più umana e quindi se non riuscite a differenziarvi dalla massa non andrete da nessuna parte.
Continua a leggere »

Come Creare un Sito con Altervista

Chi scrive tante cose e con una certa frequenza ha bisogno di un blog come Blogger o Wordpress, ma la necessità di molti è quella di creare un piccolo sito per poter inserire qualche informazione per pubblicizzare un'azienda, una ditta, degli eventi o manifestazioni o più semplicemente se stessi. Se non avete voglia di spendere un soldo sin da subito e volete prima provare se sia una costa alla portata di tutti allora Altervista è quello che fa per voi. Oltre ad essere gratuito avrete il diritto di inserire banner pubblicitari di Altervista stessi per monetizzare con le visite indipendentemente se siano poche o molte.


Recatevi nella pagina iniziale di Altervista ed accedete alla sezione Crea Sito Web poi subito dopo www. è presente un riquadro bianco e qui dovete inserite il nome del vostro sito che in ogni caso sarà seguito subito dopo dalla parola Altervista. Cliccate su  Prosegui.

Il vostro dominio sarà di questo tipo:
www.NomeSito.altervista.org


Il nome del vostro sito dovrebbe apparire con la V di colore verde, ma se non appare o se già è stato utilizzato inseritene un altro. Dove sta inserito Registra il tuo alias di posta vi conviene spuntare la casella in questo modo potete farvi inviare email in una casella di posta in modo anonimo, utile per proteggersi dalla posta indesiderata.

Compilate con i vostri dati anagrafici che sono obbligatori come il Nome, il Cognome, il sesso, l'anno di nascita, la nazione, la provincia il CAP e l'email. Volendo potete continuare la registrazione usando il profilo di Facebook. Ricopiate il Codice di sicurezza, accettate i Termini e le Condizioni di utilizzo ed acconsentite al trattamento dei dati per l'invio di comunicazioni commerciali. Cliccate su Prosegui.

Se la vostra registrazione è andata a buon fine vi dovrebbe apparire un messaggio simile che dice che vi è stato inviata all'indirizzo email utilizzato per la registrazione un link da cliccare per effettuare l'attivazione. Se passa più di un ora e non avete ricevuto nulla, controllate prima nella posta indesiderata e nel caso non trovate nulla neanche riprovate nuovamente la registrazione.

Nell'email che riceverete oltre al link è presente l'username che è il nome del blog ed anche una password. Scriveteli su un foglio, e poi cliccate sul link e Altervista farà un breve caricamento che vi porterà all'interno del suo Spazio web.


Vi arriverà una ulteriore email che vi ricorda i dati di accesso e il link per vedere il vostro sito che però è ancora impresentabile in quanto non è stato ancora pubblicato, quindi quello che dovete fare adesso è pubblicare il vostro sito. Andate nel menù in alto e cliccate su Pubblica poi su Crea il tuo sito con AlterPages.


Adesso potete modificare la cartella di installazione ma io consiglio di non cambiarla e poi scegliete uno dei 9 temi che vi vengono messi a disposizione e cliccate su Crea sito!


Adesso dovrete cliccare sul bottone con scritto vai al sito e modificalo, ma prima leggete attentamente quando c'è scritto. Molto importante è il tasto Edit che vi consente di inserire i vostri contenuti. 
E' presente il simbolo refresh per correggere eventuali errori a seguito di modifiche del codice, la matita per nascondere il pulsante Edit e la crocetta rossa per cancellare tutto e ricominciare da capo. Inoltre vi viene chiesto se volete passare da sito Alterpages ad un blog Wordpress, non fatelo se volete creare un sito di poche pagine.


Il sito è ancora poco utile in questo modo per iniziare a fare qualche modifica cliccate come già scritto prima su Edit, fatto questo qualsiasi cosa cliccherete sarà modificabile.


Posizionate il mouse sopra il titolo "AlterPages" ed appariranno delle funzioni come Aggiungi, Modifica, Elimina, Sposta in alto e Sposta in basso. Voi cliccate su Modifica ed inserite il nome del vostro sito di cui potete modificarne l'allineamento e la spaziatura.

Anche per le altre cose il procedimento è sempre lo stesso, cliccate su Edit e poi su Modifica e se per esempio volete proprio eliminare quell'elemento cliccate su Elimina.


Se volete inserire nuove cose cliccate su Aggiungi e si aprirà una schermata con le cose che potete inserire. E' scontato dire che se volete inserire un banner pubblicitario in un determinato post cliccate sulla scritta banner pubblicitario e potete scegliere i vari formati. Se volete inserire altre cose vi conviene utilizzare HTML ad esempio per inserire un immagine, una parola che porta ad un link ecc.


Se volete aggiungere una nuova pagina nel menù in alto oltre a Homepage, Chi siamo e Contatti posizionate il mouse sopra il menù, poi cliccate su Modifica e appena apparirà la schermata cliccate su Nuova pagina ed inserite il nome della pagina.


Questo per quanto riguarda la Homepage se volete modificare le altre pagine come quella Chi siamo che come ho detto potete anche modificarne il nome dovete entrare in quella pagina e poi cliccare su Edit a questo punto il procedimento per inserire, modificare ed eliminare i contenuti è sempre lo stesso.
Continua a leggere »