Paesi e nazionalità in inglese



La parola "nationality", che sta per nazionalità, non viene usata spesso nell'inglese parlato. È una parola formale e appare frequentemente nell'inglese scritto, in particolare nel settore dei viaggi e dell'immigrazione.

Non si usa dire: "What is your nationality?" (Qual è la tua nazionalità?)

Di solito si usa: "Where are you from?" o "Where do you come from?" (Di dove sei? O da dove vieni?)

Per dire a qualcuno la tua nazionalità NON dire: My nationality is Italian. (La mia nazionalità è italiana).

Dovrai dire: I'm italian. (Io sono italiano)


Quindi per dire di quale città, nazione e nazionalità siete, dovrete usare le seguenti forme:

TO BE + FROM + CITY = I am from Rome.

TO BE FROM COUNTRY = I am from Italy.

TO BE + NATIONALITY = I am Italian.


In questa pagina trovate una tabella suddivisa in tre colonne: nella prima colonna (Paese) trovate i principali paesi europei e del mondo in lingua italiana, nella seconda colonna trovate la stessa cosa ma in lingua inglese (Country), nella terza colonna trovate la nazionalità (Nationality), che si scrivono sempre con la lettera maiuscola.

ESEMPIO:
Paese: Italia
Country: Italy
Nazionality = Italian

Paese CountryNationality
AfghanistanAfghanistanAfghan
AlbaniaAlbaniaAlbanian
AlgeriaAlgeriaAlgerian
AngolaAngolaAngolan
Arabia SauditaSaudi ArabiaSaudi Aarabian
ArgentinaArgentinaArgentinian
AustraliaAustraliaAustralian
AustriaAustriaAustrian
BangladeshBangladeshBangladeshi
BelgioBelgiumBelgian
BielorussiaBelarusBelarusian
BirmaniaMyanmarBurmese
BoliviaBoliviaBolivian
BotswanaBotswanaBotswanan
BrasileBrazilBrazilian
BulgariaBulgariaBulgarian
CambogiaCambodiaCambodian
CanadaCanadaCanadian
CileChileChilen
CinaChinaChinese
CiproCyprusCypriot
ColombiaColombiaColombian
Corea del NordNorth KoreaNorth Korean
Corea del SudSouth KoreaSouth Korean
Costa d'AvorioIvory CoastIvorian
CroaziaCroatiaCroatian
CubaCubaCuban
DanimarcaDenmarkDanish
EcuadorEcuadorEcuadorian
EgittoEgyptEgyptian
EstoniaEstoniaEstonian
EtiopiaEthiopiaEthiopian
FigiFijiFijian
FilippinePhilippinesFilipino
FinlandiaFinlandFinnish
FranciaFranceFrench
GallesWalesWelsh
GeorgiaGeorgiaGeorgian
GermaniaGermanyGerman
GhanaGhanaGhanaian
GiamaicaJamaicaJamaican
GiapponeJapanJapanese
GiordaniaJordanJordanian
GreciaGreeceGreek
GuatemalaGuatemalaGuatemalan
IndiaIndiaIndian
IndonesiaIndonesiaIndonesian
IranIranIranian
IraqIraqIraqi
IrlandaIrelandIrish
IslandaIcelandIcelandic
IsraeleIsraelIsraeli
ItaliaItalyItalian
KazakistanKazakhstanKazakh
KenyaKenyaKenyan
KuwaitKuwaitKuwaiti
LaosLaosLaotian
LibanoLebanonLebanese
LibiaLibyaLibyan
LituaniaLithuaniaLithuanian
LettoniaLatviaLatvian
MadagascarMadagascarMalagasy
MalesiaMalaysiaMalaysian
MaroccoMoroccoMoroccan
MessicoMexicoMexican
MongoliaMongoliaMongolian
MozambicoMozambiqueMozambican
NamibiaNamibiaNamibian
NepalNepalNepali
NigeriaNigeriaNigerian
NorvegiaNorwayNorwegian
Nuova ZelandaNew ZealandNew Zealand
OlandaHollandDutch
PakistanPakistanPakistani
PalestinaPalestian TerritoriesPalestinian
ParaguayParaguayParaguayan
PerùPeruvianPeruvian
PoloniaPolandPolish
PortogalloPortugalPortuguese
Regno UnitoBritain (UK)British
Repubblica cecaCzech RepublicCzech
Repubblica democratica del CongoDemocratic Republic of the CongoCongolese
RomaniaRomaniaRomanian
RussiaRussiaRussian
ScoziaScotlandScottish
SerbiaSerbiaSerbian
SingaporeSingaporeSingaporean
SiriaSyriaSyrian
SlovacchiaSlovakiaSlovak
SloveniaSloveniaSlovene
SomaliaSomaliaSomalian
SpagnaSpainSpanish
Sri LankaSri LankaSri Lankan
Stati UnitiUnited States (USA)American
SudafricaSouth AfricaSouth African
SudanSudanSudanese
SveziaSwedenSwedish
SvizzeraSwitzerlandSwiss
TaiwanTaiwanTaiwanese
TanzaniaTanzaniaTanzanian
ThailandiaThailandThai
TunisiaTunisiaTunisian
TurchiaTurkeyTurkish
UcrainaUkraineUkrainian
UgandaUgandaUgandan
UngheriaHungaryHungarian
UruguayUruguayUruguayan
VenezuelaVenezuelaVenezuelan
VietnamVietnamVietnamese
YemenYemenYemeni
ZambiaZambiaZambian
ZimbabweZimbabweZimbabwean

NOTA BENE: il plurale di "country" è "countries"; il plurale di "nationality" è "nationalities".
Continua a leggere »

TO BE - verbo essere in inglese



Il presente abituale, noto con i termini inglesi "Present simple" o "Simple present" è una delle forme verbali del presente nella lingua inglese. In questo articolo ci focalizzeremo sul verbo "be" che è l'equivalente italiano del verbo essere. Il present simple del verbo be ha tre forme: am per la prima persona singolare, is per la terza persona singolare, are per tutte le altre personi.

Qui di seguito trovate la forma affermativa, negativa, interrogativa e interrogativa-negativa del present simple di to be. A sua volta le tabelle sono suddivise in due parti: forma intera e forma contratta.


Present simple di to be: forma affermativa

FORMA INTERA FORMA CONTRATTA
I amI'm
you are you're
he is he's
she is she's
it isit's
we are we're
you are you're
they are they're

Forma base affermativa: Soggetto + TO BE

La forma intera viene generalmente utilizzata nella lingua scritta (formale), invece nell'inglese parlato si preferisce usare la forma contratta (informale).


Present simple di to be: forma negativa

FORMA INTERA FORMA CONTRATTA
I am notI'm not
you are not you aren't
he is not he isn't
she is not she isn't
it is notit isn't
we are not we aren't
you are not you aren't
they are not they aren't

Forma base negativa: Soggetto + TO BE + NOT

Nella forma negativa si mette l'avverbio not dopo il verbo (in italiano l'avverbio non precede il verbo).

Si possono anche fare forme contratte aggiungendo "n't" (tranne nella prima persona singolare).



Present simple di to be: forma interrogativa

Interrogativa Interrogativa negativa
Am I?Aren't I?
Are you? Aren't you?
Is he? Isn't he?
Is she? Isn't she?
Is it?Isn't it?
Are we? Aren't we?
Are you? Aren't you?
Are they? Aren't they?

Forma base interrogativa: TO BE + Soggetto

Forma base interrogativa-negativa: TO BE + NOT + Soggetto

Nella forma interrogativa il verbo to be va messo prima del soggetto.



Risposte brevi

Per rispondere "Sì" o "No" a una domanda in cui c'è il verbo "be", nella lingua inglese non è sufficiente dire YES o NO, ma bisogna aggiungere il pronome personale e la forma appropriata del verbo. Inoltre nelle risposte brevi affermative non vengono usate le forme contratte, invece nelle risposte brevi negative si preferisce usare le forme contratte.

RISPOSTA POSITIVA RISPOSTA NEGATIVA
Yes, I am No, I'm not
Yes, you areNo, you aren't
Yes, he is No, he isn't
Yes, she is No, she isn't
Yes, it is No, it isn't
Yes, we are No, we aren't
Yes, you are No, you aren't
Yes, they are No, they aren't



Come si usa TO BE?

Per comporre le frasi i soggetti devono sempre essere espressi, diversamente dall'italiano, dove i pronomi soggetto (io, tu, ecc.) si possono anche non mettere (soggetto sottinteso). Dopo il verbo "to be" ("essere") si possono usare aggettivi, nomi ed espressioni di luogo.


Eccovi alcune frasi di esempio:

FORMA AFFERMATIVA: She is Happy (È contenta).

FORMA NEGATIVA: I'm not tired. (Non sono stanco).

FORMA INTERROGATIVA: Is Robert in London? (Robert è a Londra?)

FORMA INTERROGATIVA NEGATIVA: Aren't you a doctor? (Non sei un medico?)



Quando si usa TO BE?

Si usa il verbo To be per...

  • per chiedere e dire il proprio nome.
What is your name? (Come ti chiami?)

My name is Andrea. (Mi chiamo Andrea)


  • per identificare cose.
It's a bike.


  • per chiedere e rispondere che lavoro si fa.
What is your job? (Che lavoro fai?).

I am a housewife. (Sono una casalinga).


  • per chiedere e dire la provenienza o origine.
Where are you from? (Di dove sei?)

I am from Rome. (Sono di Roma)


  • per chiedere e dire l’età.
How old are you? (Quanti anni hai?)

I am seventeen years old. (Ho diciassette anni).

  • per chiedere e dire come si sta.
How are you? (Come stai?)

I am very well. (Sto molto bene)
I'm not very well. (Non sto molto bene)


  • per dire il prezzo.
The book is 10 euros.


  • per dire l'ora, la data e il giorno.
It's four o'clock / 10 May / Saturday.


  • e anche nelle seguenti espressioni.
To be hungry (Avere fame)
To be thirsty (Avere sete)
To be sleepy (Avere sonno)
To be in a hurry (Avere fretta)
To be afraid / scared (Avere paura)
To be hot / warm (Avere caldo)
To be cold (Avere freddo)
To be right (Avere ragione)
To be wrong (Avere torto)

LEGGI ANCHE: Frasi con il present simple di TO BE
Continua a leggere »

Ad ampio respiro - Significato



Ad ampio respiro è un modo di dire italiano il cui significato potrebbe risultare poco chiaro o fuorviante per chi lo sente dire per la prima volta, eppure molti quotidiani cartacei e online spesso utilizzano questa espressione.



Significato

L'espressione "ad ampio respiro" indica la varietà di questioni, la larghezza di vedute, l'ampiezza di un discorso o di un'iniziativa.

Una traccia di un tema di ampio respiro, per esempio, è una traccia che abbraccia tanti aspetti, non limitato strettamente all'argomento trattato.



Come si usa?

Per apprendere al meglio in quale contesto va usato il modo di dire "ad ampio respiro", trovate qui di seguito alcune frasi prese dalla rete in cui è presente questa espressione.


ESEMPIO:
Gli investitori sono rimasti delusi anche dalla mancanza di misure di ampio respiro nel piano di Trump.

È una manifestazione scientifica ad ampio respiro, costruita intorno a tematiche attuali selezionate dagli studenti dell'istituto tecnico.

Abbiamo sottoscritto un documento di ampio respiro.

A nostro avviso questa strategia è il risultato di discussioni di ampio respiro e di trattative ambiziose.

Signor Presidente, vorrei affrontare solo quattro punti di questa relazione esauriente e di ampio respiro.

Ok i primi passi, ma serve strategia ad ampio respiro.

Serve una politica industriale ad ampio respiro, un piano in grado di generare fiducia tra gli operatori economici.

L'assenza di cui si avverte maggiore necessità è quella di un piano nazionale ad ampio respiro.
Continua a leggere »

Giornata mondiale della tigre



La tigre il più grande dei cosiddetti "grandi felini" che costituiscono il genere Panthera (tigre, leone, giaguaro, leopardo e leopardo delle nevi). Questa magnifica creatura, che si contraddistingue per lo splendido manto striato di colore arancione e nero, ha una giornata interamente dedicata ad essa.

Ogni anno, il 29 luglio è la Giornata mondiale mondiale della tigre (Global Tiger Day, spesso chiamata anche International Tiger Day, in inglese). Una giornata che è stata introdotta nel 2010 nel corso del Tiger Summit di San Pietroburgo per promuovere un sistema globale per proteggere gli habitat naturali delle tigri e sensibilizzare l'opinione pubblica a sostenere le questioni relative alla conservazione della tigre, in risposta alla scioccante notizia che, nel secolo scorso, è scomparso il 95% delle tigri, con solo circa 3900 tigri ancora in vita.

Al Summit è stata fatta una dichiarazione da parte dei governi dei paesi popolati da tigri in ci si prometteva a impegnarsi a raddoppiare la popolazione delle tigri entro il 2020. Da qui a quel giorno vi sono stati lievi miglioramenti ma la situazione rimane comunque molto critica.
Molte organizzazioni animali sostengono questo evento, tra le più popolari vi sono il WWF, l'IFAW e il Smithsonian Institute.

Le tigri sono attualmente presenti in 13 Paesi: India (dove c'è la popolazione più numerosa), Nepal, Bhutan, Bangladesh, Russia, China, Myanmar, Thailandia, Malesia, Indonesia, Cambogia, Laos e Vietnam.



Motivi dell'estinzione della tigre

Ci sono una serie di problemi che stanno portando le tigri verso l'estinzione e alcune delle minacce che affrontano le tigri sono la caccia, il bracconaggio, il conflitto con l'uomo, i cambiamenti climatici e la perdita del loro habitat.
  • Il bracconaggio e il commercio illegale: sono la più grande minaccia che le tigri selvatiche devono affrontare per via dell'alta richiesta di ossa di tigre, pelle e altre parti del corpo. Spesso le pelli di tigre vengono utilizzate nell'arredamento della casa; le ossa di tigre sono usate per la realizzazione dei preparati tipici della medicina (medicina tradizionale cinese) e per bevande toniche. Si ritiene che questo business valga 10 miliardi di dollari all'anno solo negli Stati Uniti. Questo è il motivo per cui bisogna sostenere gli enti di beneficenza e lavorare sodo per porre fine al bracconaggio e al commercio illegale di parti del corpo della tigre.
  • Gli habitat delle tigri presenti in tutto il mondo si sono ridotti drasticamente a causa della costruzione di strade e abitazioni, del disboscamento per diversi motivi come l'agricoltura, l'industria ecc.. Solo circa il 7% degli habitat storici delle tigri sono ancora intatti al giorno d'oggi. Questa è una quantità incredibilmente piccola e preoccupante. A causa di ciò potrebbe aumentare il numero di conflitti tra le tigri, che si aggirano alla ricerca di nuovi habitat. Non solo, potrebbe ridursi anche la diversità genetica della specie, dal momento che vivendo in piccoli gruppi si verrebbe a creare il problema della consanguineità (accoppiamenti con la stessa parentela).
  • Le malattie: molti animali muoiono e non c'è modo di accertare le cause della loro morte. Alcune malattie diffondono epidemie come la panleucopania felina, la tubercolosi, ecc.
  • Mancanza di infrastrutture per salvaguardare la tigre.
  • Il conflitto uomo-animale: quando gli animali si imbattono nell'uomo o viceversa, e l'uomo decide di abbatterli.
  • L'aumento del turismo di giorno in giorno è anche uno dei fattori per il calo del numero di tigri. 
  • La mancanza di fondi per la conservazione della tigre.


Importanza della tigre

La tigre è una specie chiave, di importanza cruciale per l'integrità degli ecosistemi. Essendo il maggiore predatore, tiene sotto controllo le popolazioni di prede e ciò mantiene l'equilibrio tra gli erbivori e la vegetazione di cui essi si nutrono. Detto in breve, laddove prosperano le tigri prospera l'intero ecosistema. La tigre è una specie-bandiera universale e l'ambasciatrice di tutte le altre specie che con essa vivono. Fa parte del patrimonio naturale del mondo ed è un simbolo per le culture che sono state in contatto con essa. Perfino in aree dove la tigre si è estinta o dove non è mai esistita, continua a vivere nel mito e nella leggenda. L'Induismo e il Buddismo venerano la tigre come un'icona. In diversi parchi nazionali, soprattutto in Nepal e India, la presenza della tigre è un'attrazione turistica che garantisce un notevole ritorno economico anche per le popolazioni locali. Se non fosse per la tigre, molte aree protette non esisterebbero.



Conservazione della tigre: le soluzioni al problema

Per sviluppare una strategia ed un programma di conservazione coerenti, il WWF riconosce pertanto la necessità di:
  • Adottare un approccio ad ampio respiro che non si concentri soltanto sulle popolazioni di tigre più importanti ma si occupi anche della protezione, restauro e uso sostenibile degli ecosistemi dove la specie vive e di cui ha bisogno per i suoi spostamenti;
  • riconciliare le necessità delle tigri con quelle degli uomini in modo da creare un beneficio reciproco; ridurre il livello di minaccia globale, in particolare quella dovuta al commercio internazionale di parti e derivati di tigre;
  • rafforzare capacità e competenze dei governi e delle autorità locali riguardo alla conservazione delle tigri per mezzo di formazione al personale, accesso a tecnologia e informazione, finanziamenti sostenibili;
  • promuovere un’efficace cooperazione internazionale e accordi per i confini tra gli Stati finalizzati alla conservazione della tigre.
Continua a leggere »

Vestiti e abbigliamento in inglese



I vestiti (clothes, in inglese) sono gli stessi che usiamo abitualmente, anzi, alcuni si scrivono e si pronunciano allo stesso modo (jeans, cardigan, bikini, slip, polo, pullover, top ecc.). Imparare il vocabolario dell'abbigliamento è utile per poter descrivere se stessi e altre persone, ma anche per saper acquistare il giusto Capo di abbigliamento online o in un negozio che adotta la lingua inglese, la lingua internazionale.

Qui di seguito trovate delle tabelle suddivise in due parti: a sinistra i termini in inglese, a destra la loro rispettiva traduzione in italiano. Per individuare rapidamente l'abbigliamento femminile, esso sarà evidenziato con il colore rosa, invece l'abbigliamento maschile con il colore blu.


Vestiti (clothes)

Nella tabella sottostante trovate tutti i principali tipi di vestiti, abbigliamento estivo e invernale, per uomo o donna (magliette, camicie, pantaloni, giacca, abito da sera ecc.).

Anorak giacca a vento
Apron grembiule
Bathrobeaccappatoio / vestaglia
Bikini bikini
Blousecamicetta
Cardigan cardigan
Coat cappotto
Dress vestito
Evening gown vestito da sera
Fancy-dress costume costume in maschera
Hoody felpa con cappuccio
Jacket giubbotto
Jeans jeans
Jumper golf
Leather jacket giacca di pelle
Leggings leggings
Miniskirt minigonna
Nightgown camicia da notte
Overalls tuta da lavoro (a salopette)
Overcoatsoprabito
Pajamas pigiama
Polo shirt polo
Pullover maglia di lana
Raincoat impermeabile
Shirt camicia
Shorts pantaloncini
Skirt camicia
Raincoat impermeabile
Socks calze
Stockings calze lunghe femminili
Suit abito/completo da uomo
Sleeveless shirt canottiera
Sweater maglia
Sweatpants pantaloni della tuta
Sweatshirt felpa
Swimsuit costume da bagno
Swim trunks costume a pantaloncino
Tights calzamaglia
Top top
Tracksuit tuta da ginnastica
Trousers pantaloni
T-shirt maglietta
Turtleneck dolcevita
Tuxedo smoking
Uniform uniforme/divisa
Vest gilet
Waistcoat gilet



Biancheria intima (underwear)

Nella tabella sottostante trovate i nomi della biancheria intima (mutande, reggiseno ecc.).

Boxer shortsboxer
Bra reggiseno
Briefsslip
Panties mutandine femminili
Underpantsmutandine maschili



Scarpe (shoes)

Nella tabella sottostante trovate tutti i tipi di scarpe (scarpe chiuse, scarpe aperte ecc.).

Boots stivali
Flip-flops infradito
High-heeled shoes scarpe con il tacco
Sandals sandals
Shoes scarpe
Slipperspantofole
Stilettos tacchi a spillo
Tennis shoesscarpe da tennis
Trainers scarpe da ginnastica
Wellingtons stivali da pioggia



Accessori (accessories)

Nella tabella sottostante trovate tutti gli accessori che si indossano o si trasportano (cappello, sciarpa ecc.).

Belt cintura
Bow tie papillon
Bracelet braccialetto
Capberretto
Earringsorecchini
Glasses occhiali
Gloves guanti
Hair tie elastico per capelli
Handbag borsa
Hat cappello
Necklace collana
Ring anello
Scarf sciarpa
Sunglasses occhiali da sole
Tie cravatta
Watch orologio
Wollen cap cappuccio



Aggettivi e materiali dei vestiti

Nella tabella sottostante trovate i più comuni aggettivi per la descrizione dei vestiti e materiali con cui sono realizzati vestiti e accessori.

Big grande
Button bottone
Canvas tela
Casual informale
Cheap economico
Checked a quadretti
Colourful colorato
Cotton cotone
Denim tessuto di jeans
Elegant elegante
Expensive costoso
Fashionable alla moda
Floral a fiori
Formal formale
Fur/Faux fur pelliccia/pelliccia sintetica
Leather pelle/cuoio
Linen lino
Looselargo
Ordinary ordinario/comune
Oversize taglia più grande del normale
Plasticplastica
Pocket tasca
Shoelace laccio da scarpa
Silk seta
Small piccolo
Solid a tinta unita
Spotted a pallini/pezzato
Synthetic fibre fibra sintetica
Size taglia
Skinny attillato
Stripy a righe
Suede scamosciato
Tartan scozzese
Tight stretto
Unfashionable fuorimoda
Velvet velluto
Wool lana
Zip cerniera



Azioni ed espressioni comuni

Le parole da sole non ci permettono di comunicare. È necessario imparare anche le azioni che si possono compiere con queste parole, in modo da costruire messaggi concreti. I verbi più utili da imparare sono:

To get changedcambiarsi (d'abito)
To get dressed vestirsi
To get dressed up vestirsi in modo elegante
To get undressed svestirsi
To matchabbinarsi
To put on mettersi (un indumento)
To suitstar bene (di abbigliamento)
To take offtogliersi (un indumento)
To tie allacciare
To try onprovare (un indumento)
To undo sbottonare
To untie slacciare
To wearindossare (un indumento)
Continua a leggere »

Pronomi personali oggetto (complemento) in inglese



I pronomi personali oggetto (object pronouns, in inglese) sono usati dopo un verbo, in funzione di complemento oggetto, o dopo una preposizione al posto del sostantivo, in funzione di complemento indiretto. Essi rispondono alle domande "chi?", "che cosa?".

Nella tabella sottostante trovate a sinistra i pronomi personali soggetto (subject pronouns) e a destra i pronomi personali oggetto o complemento (object pronouns). Questo vi permetterà di memorizzare facilmente le nuove 8 paroline e di effettuare un rapido ripasso su un argomento già studiato.


Pronomi oggetto inglesi: quali sono

Subject Pronouns Object Pronouns
Ime
you you
he him
she her
it it
we us
you you
they them



Pronomi oggetto inglesi: come si usano

Per la prima persona singolare, cioè per fare riferimento a se stessi, si usa il pronome oggetto "me", che è l'equivalente italiano di "mime". Nella conversazione spesso si usa me dopo and come soggetto. Molte persone considerano questo uso non corretto.
ESEMPIO:
I'm tired. (Io sono stanco).
Me too. (Anch'io).
Vanessa and me saw a great film last night. (Io e Vanessa abbiamo visto un bellissimo film ieri sera.)
(Più corretto: Vanessa and I...).


Per la seconda persona singolare, si usa il pronome oggetto "you", che è l'equivalente italiano di "ti, te". È uguale alla forma plurale e al pronome soggetto.
ESEMPIO:
You are cool. I love you.


Per la terza persona singolare si usano him, her, it a seconda dei casi:

him = per persone di sesso maschile. È l'equivalente italiano di lo/gli/lui.
ESEMPIO:
Help him. (Aiutalo.)

Why is Alessia with him? (Perché Alessia è con lui?).


her = per persone di sesso femminile. È l'equivalente italiano di "lalelei".
ESEMPIO:
Samanta is at home. Phone her. (Samanta è a casa. Telefonale).


it = indica animali, oggetti, concetti astratti. È l'equivalente italiano di "lo, la".
ESEMPIO:
This jacket is new but I hate it. (Questa giacca è nuova ma la odio).


Per la prima persona plurale si usa "us", che è l'equivalente italiano di "tite".
ESEMPIO:
This isn't for you. It's for us. (Questo non è per te, è per noi).


Per la seconda personale plurale si usa "you", che è l'equivalente italiano di "vi".
ESEMPIO:
- What do you think of me and my brother?
- You are my friends. I like you.


Per la terza persona plurale si usa "them", che è l'equivalente italiano di "lile, loro".
ESEMPIO:
Where are the children? Can you see them? (Dove sono i bambini? Li vedi?)
Continua a leggere »

Numeri in inglese: cardinali e ordinali



I numeri in inglese, così come avviene nella lingua italiana, sono suddivisi in numeri ordinali (ordinal numbers) e numeri cardinali (cardinal numbers).


Numeri cardinali

Un numero cardinale è un numero che indica una quantità numerica ben precisa, come uno, due, tre, quattro, cinque ecc.

I numeri da 13 a 19 si scrivono aggiungendo il suffisso "-teen" all'unità corrispondente (es. six-sixteen, seven-seventeen).

Tutte le decine (20, 30, 40, 50, 60, 70, 80, 90) finiscono con "-ty", quindi risultano più facili da memorizzare. Per formare numeri composti da decine e unità, bisogna scrivere la decina e l'unità separati da un trattino (es. 21 = twenty-one).

Le centinaia (100, 200, 300 ecc.) si scrivono unendole alla decina e/o all'unità mediante la congiunzione "and" (es. 348 = thre hundred and forty-eight).

Le migliaia (1000, 2000, 3000 ecc.) si scrivono unendole alle centina senza aggiungere altro (es. 2348 = two thousand three hundred and forty-eight).

Le parole "hundred", "thousand" e "million" sono sempre precedute da "a" o da "one".



Numeri ordinali

Un numero ordinale è un numero che indica la posizione di qualcosa in un elenco, come primo, secondo, terzo, quarto (1°, 2°, 3°, 4°, 5°) ecc. Essi sono preceduti dall'articolo "the" e vengono usati nelle date (es. December 17th = the seventeenth of December).

La maggior parte dei numeri ordinali termina in "th" ad eccezione di:
  • uno = first (1st)
  • due = second (2nd)
  • tre = third (3rd)

Anche i numeri 5, 8, 9 e 12, sebbene terminano in "th", presentano alcune diversità (dal passaggio da numero cardinale a numero ordinale).

Le decine (2030405060708090) si formano aggiungendo il suffisso "-ieth" ai numeri cardinali.



Come si esprime lo zero

Un caso a parte è il numero "0", che cambia nome a seconda del contesto:
  • Zero/Nought = per l’aritmetica
  • Zero = per i gradi
  • o (la lettera) = per i numeri telefonici
  • Nil = usato nel linguaggio sportivo (calcistico)
  • Love = usato nel linguaggio sportivo (tennistico)


Tabella numeri cardinali e ordinali

Qui di seguito trovate una tabella contenente i numeri cardinali e ordinali in inglese da zero a un milione:

Numero Cardinale Ordinale
0 zero zeroth
1 one first
2 two second
3 three third
4 four fourth
5 five fifth
6 six sixth
7 seven seventh
8 eight eighth
9 nine ninth
10 ten tenth
11 eleven eleventh
12 twelve twelfth
13 thirteen thirteenth
14 fourteen fourteenth
15 fifteen fifteenth
16 sixteensixteenth
17 seventeen seventeenth
18eighteen eighteenth
19 nineteen nineteenth
20 twenty twentieth
21 twenty-one twenty-first
22 twenty-two twenty-second
23 twenty-three twenty-third
24 twenty-four twenty-fourth
25 twenty-five twenty-fifth
26 twenty-six twenty-sixth
27 twenty-seven twenty-seventh
28 twenty-eight twenty-eighth
29 twenty-nine twenty-ninth
30tthirty thirtieth
31 thirty-one thirty-first
40 forty fortieth
50 fifty fiftieth
60 sixty sixtieth
70 seventy seventieth
80 eighty eightieth
90 ninety ninetieth
100 one hundred hundredth
500 five hundred five hundredth
1000 one thousand thousandth
1.500 one thousand five hundred
(or fifteen hundred)
one thousand five hundredth
10.000 ten hundred thousand ten hundred thousandth
100.000 one hundred thousand hundred thousandth
1.000.000 one million millionth
Continua a leggere »