Le più belle frasi di Enzo Ferrari


Enzo Ferrari (1898-1988) è uno dei primi nomi che vengono in mente quando si parla della storia delle quattro ruote. Ha creato la Casa automobilistica più famosa del mondo e la scuderia di F1 più vincente di sempre. Molti furono gli appellativi con cui Enzo Ferrari venne denominato sulla stampa e nell'ambiente sportivo, durante la sua lunga carriera, come "Il Cavaliere", "Il Commendatore", "L'Ingegnere", "Il Mago", "Il Patriarca" , "Il Grande Vecchio" o "Il Drake". Quest'ultimo gli venne attribuito dai team avversari inglesi nel secondo dopoguerra, lo reputavano un implacabile corsaro delle piste come sir Francis Drake lo era stato dei mari all'epoca del glorioso regno di Elisabetta I, con un misto di accusa e di ammirazione, per la dimostrata capacità e determinazione di Ferrari nel perseguire e cogliere risultati sportivi di portata assai superiore alla sua piccola azienda, operando una gestione "dittatoriale" del suo team e, a volte, ponendosi border line rispetto ai limiti imposti dai regolamenti tecnici.

In questa pagina trovate una raccolta delle frasi più celebri di Enzo Ferrari, che trattato temi importanti della sua vita, come le sconfitte e le delusioni, il successo e il mito che si è creato, la competizione, la perdita di persone care, l'orgoglio e l'importanza di saper fare squadra.

1) Date a un bambino un foglio di carta, dei colori e chiedetegli di disegnare un'automobile, sicuramente la farà rossa.

2) Un pilota perde un secondo a ogni figlio che gli nasce.

3) La miglior Ferrari che sia mai stata costruita è la prossima.

4) I motori sono come le donne, bisogna saperli toccare nelle parti più sensibili.

5) Mi ritengo peggiore degli altri, ma non so quanti siano migliori di me.

6) I vecchi sono come i mobili antichi, meno li sposti e più durano.

7) Non fare mai del bene se non sei preparato all'ingratitudine.

8) L’automobile è un’espressione di libertà, e il rischio che stiamo correndo è quello di ammazzarci perché ce n’è troppa. Del resto, ci sono due modi classici di morire: di fame e di indigestione.

9) Ci asteniamo dal precisare il numero di cavalli che hanno i nostri motori. Quando le nostre macchine vincono vuol dire che hanno più cavalli, quando perdono vuol dire che ne hanno di meno.

10) L'azienda è composta primo dagli uomini che ci lavorano, poi dai macchinari ed infine dai muri.

11) Se un'anima c'è, è molto più probabile che ce l'abbia un motore piuttosto che un essere umano.

12) C’è chi valutava Gilles Villeneuve uno svitato, ma con il suo ardimento, e con la capacità distruttiva che aveva nel pilotare auto macinando semiassi, cambi e freni ci ha insegnato cosa fare. È stato campione di combattività e ha regalato tanta notorietà alla Ferrari. Io gli volevo bene.

13) Io non ho mai fatto un viaggio turistico non sono mai andato una volta in vita mia in vacanza; per me le più belle ferie sono quelle di restare nella mia officina quando vi sono rimasti pochi collaboratori; è il momento in cui ci si può concentrare in programmi di studi e modifiche.

14) Non si può descrivere la passione, la si può solo vivere.

15) Metto le lenti scure perché non voglio dare agli altri la sensazione di come sono fatto dentro.

16) Finché ho potuto ho dato. È dal 1929 che do qualcosa.

17) L'aerodinamica è il risarcimento per chi non sa spremere cavalli dal motore.

18) Non sono mai stato né progettista né calcolatore. Sono sempre stato un agitatore di uomini e di talenti.

19) L'uomo è una bestia con uno spirito di adattamento formidabile.

20) Mi ha deluso l'impotenza a difendere la vita di mio figlio, che mi è stato strappato, giorno dopo giorno, per 24 anni.

21) Un giorno io non ci sarò più. Spero che le rosse vetture che portano il mio nome continueranno ad esserci anche dopo di me ed a farsi onore su tutti i circuiti del mondo.

22) Giù le mani dalla Ferrari: di me dite quello che volete.

23) Preferisco essere chiamato semplicemente Ferrari ed è quello che ho ottenuto entrando ogni mattina dal mio barbiere.

24) Sono l'espressione vivente della fantasia dei giornalisti.

25) Non abbiamo petrolio e miniere ma possiamo primeggiare nel mondo con la fantasia.

26) Fra cent'anni diranno che sono uno che ha scoperto l'acqua calda.

27) Il secondo è il primo degli ultimi.

28) Sono i sogni a far vivere l'uomo. Il destino è in buona parte nelle nostre mani, sempre che sappiamo chiaramente quel che vogliamo e siamo decisi ad ottenerlo.

29) No amore io non ti tradisco con le altre, sono io che tradisco le altre per stare con te.

30) Amo pensare che la Ferrari può costruire piloti quanto macchine. Alcuni dicono che Gilles Villeneuve sia pazzo. Ma io dico: lasciate che provi.

31) La macchina da corsa perfetta è quella che si rompe un attimo dopo il traguardo.

32) Le vere domande che mi scombussolano non sono quelle dei giornalisti, ma quelle che continuo a farmi io.

33) Con tanti riconoscimenti, mi è venuto il dubbio di essere qualcuno.

34) Ho trovato uomini che indubbiamente amavano come me l'automobile. Ma forse non ne ho trovati altri con la mia ostinazione, animati da questa passione dominante nella vita che a me ha tolto il tempo e il gusto per quasi ogni altra cosa. Io non ho alcun diverso interesse dalla macchina da corsa.

35) Mio padre mi diceva sempre: i coglioni sono cari ad ogni prezzo. Così io cerco di stare con chi coglione non è.

36) Quando l’uomo ha mete da raggiungere non può invecchiare.

37) Non accetto e non dimentico che mi hanno chiamato Saturno ammodernato che mette al mondo i figli e poi li divora.

38) Ho imparato che è inutile protestare. Bisogna fare come i cani quando hanno una ferita.

39) Sul famoso stile di guida di Tazio Nuvolari se ne sono dette di tutti i colori. Succede del resto sempre così, quando un uomo arriva ai limiti dell'impossibile: si impadronisce di lui il mito e, allora, se faceva il pugile, si racconta che sapeva uccidere un toro con un pugno, e se faceva il pilota, che percorreva le curve su due ruote.

40) Su un letto dell'ospitale canonica gli dissi: "Coraggio Tazio, sarà per il prossimo anno". Mi rispose: "Ferrari, giornate come questa, alla nostra età, non ne tornano molte; ricordalo e cerca di gustarle fino in fondo, se ci riesci". In queste parole, che forse erano una umile confessione, era nascosto il dramma di quell'uomo fatto d' un sol fascio di nervi, il dramma di un padre che aveva visto morire entrambi i suoi figli adorati e che invano sperava con tutto il cuore di non dover attendere la morte in un letto. Era un solitario, un uomo amareggiato per la crudeltà con cui il destino lo aveva colpito negli affetti più profondi, tuttavia, e non suoni irriverente questa mia osservazione, non cessò mai di essere un sagace regista di se stesso. Pochi come lui conobbero la folla, capirono quello che la folla voleva, seppero alimentare il proprio mito. Ogni suo atto, ogni suo gesto era previsto e calcolato, pur negli spasimi di una vita di atleta lanciato agli estremi rischi.

41) [A proposito di Tazio Nuvolari] Non appena mi giunse la notizia della sua fine partii per Mantova. Era un caldo pomeriggio: l’11 agosto 1953. Nella fretta mi persi in un dedalo di stradine della vecchia Mantova. Scesi di macchina, domandai a un negozio di stagnino la via per villa Nuvolari. Ne uscì un anziano operaio, che prima di rispondermi fece un giro intorno alla mia macchina per leggere la targa. Capì, mi prese una mano e la strinse con calore, si commosse. "Grazie d’essere venuto – mi bisbigliò – come quello là non ne nasceranno più".

42) Una macchina è come una figlia, quando vince una corsa mi sento come il padre che sa che la propria figlia ha preso un bel voto a scuola.

43) Se lo puoi sognare, lo puoi fare.

44) Quando le mie macchine vincono solcando il traguardo, mi assale un grande orgoglio nell’essere italiano.

45) La passione permette di sopportare amarezze e rinunce che l’ambizione non giustificherebbe in alcun modo.

46) La mia adolescenza ha conosciuto tre passioni dominanti, tre grandi sogni: tenore d’operetta, giornalista sportivo, corridore d’automobile. Il primo sogno sfumò per mancanza di voce, il secondo resistette, ma in forma velleitaria; il terzo ebbe il suo corso, la sua evoluzione. E’ sempre bene avere dei sogni di riserva.

47) Io sono uno che ha sognato di essere Enzo Ferrari.

48) Sono tranquillo, anche se non sereno, anche se così terribilmente imperfetto. Non mi sono mai pentito. Rammaricato, spesso, pentito mai, perché ripeterei le stesse azioni, comportandomi però in modo completamente diverso. Nella mia vita ho fatto quello che mi faceva piacere, non ho credito con nessuno. Mi sono limitato a fare quello che ho fatto, ma forse nell'altro Pianeta avrò più successo.

49) Nel mio lavoro, ascoltando la voce armoniosa della materia plasmata, quasi un germoglio di vita , mi sono avvicinato al mistero dell’anima, ma non sono mai riuscito a scoprire la mia.

50) Ho fatto quello che estremamente mi piaceva. [...] Soddisfare una mia ansia realizzatrice.

51) [A proposito di Tazio Nuvolari] Un prodigio insuperato dell’istinto ai limiti delle possibilità umane e delle leggi fisiche

52) Ammiro tutti coloro che hanno una passione ed hanno la sapienza e la costanza di coltivarla. Sono loro il motore del mondo.

53) Io sono indispensabile a tutti voi giornalisti, perché se non aveste avuto un Ferrari dovreste inventarlo, perché avreste meno da scrivere. Avete bisogno di Ferrari. D’altra parte quello che fate voi non mi stupisce, perché gli italiani perdonano tutto, ai ladri, agli assassini, ai sequestratori, a tutti, ma non perdonano il successo.

54) [A Ferruccio Lamborghini] Lamborghini, sarai anche capace di guidare un trattore ma non saprai mai come portare una Ferrari!

55) I nostri tifosi ci chiedono vittorie e noi lavoriamo per dargliele.

56) Piansi per la gioia. Ma le mie lacrime d’entusiasmo erano mischiate con quelle di dolore perché pensai: oggi ho ucciso mia madre. (Silverstone ‘51, la Ferrari batte le Alfa Romeo)

57) Forse il problema è nel tuo piede destro. (In risposta a Phil Hill che lamentava un problema al motore)
Continua a leggere »

Orecchio o Orecchia, Orecchie o Orecchi: come si scrive?


L'udito è uno dei cinque sensi la cui funzione sensoriale ci permette di percepire suoni e rumori, avendo per organo di recezione degli stimoli l'orecchio.


Purtroppo l'orecchio non riesce a filtrare gli errori grammaticali che facciamo quando parliamo, ma almeno per quanto riguarda orecchio, orecchia, orecchie e orecchi, il problema non si pone. Questo perché tutte le grafie sono corrette, solo che alcune sono più diffuse di altre a seconda dell'uso che se ne vuole fare.


Poiché una variante di "orecchio" è "orecchia", costruire il plurale è possibile sia dal sostantivo maschile che da quello femminile. Il plurale di orecchio è "orecchi", il plurale di orecchia è "orecchie", quindi sono termini ugualmente corretti e che non presentano evidenti differenze di significato.


Uso

Il maschile singolare orecchio è la forma più diffusa per indicare l'organo dell'udito (orecchio interno, orecchio medio) e anche in senso figurato:
- Non sentirci da un orecchio.
- Ho dimenticato lo spartito, quindi la suono a orecchio.
- Sei portato, hai orecchio per la musica!


Il femminile singolare orecchia è meno diffuso ma viene utilizzato per indicare delle sporgenze, come ad esempio le orecchie che si formano alle pagine di un quaderno, e anche nei cibi.
- Attento con quei gomiti! Stai facendo un’orecchia alla pagina del mio quaderno.
- orecchia di elefante (= tipo di cotoletta alla milanese)


Il femminile plurale orecchie è la forma più diffusa quando si indicano entrambe le orecchie di un individuo:
Mi stanno gelando le orecchie.


Il maschile plurale orecchi è meno comune e si usa soprattutto per indicare gli organi considerati singolarmente:
In questa stanza ho contato 10 orecchi.


Fino a qualche secolo fa era presente anche il plurale le orecchia, per cui non stupitevi se lo trovate scritto su qualche testo letterario datato:
Ecco i Fanesi, che le membra / si veston, come vedi, con le orecchia
(F. degli Uberti, Dittamondo)
Continua a leggere »

Ognuno o Ogniuno: come si scrive?


Non stiamo a girarci intorno: ogniuno in italiano non esiste. La grafia corretta è ognuno, senza i.

Ognuno è un pronome indefinito usato per indicare ogni singola persona, animale o cosa nell'ambito di una collettività, con valore impersonale serve a indicare una qualsiasi persona (chiunque), oppure può essere anche usato per indicare "tutti".



Viene utilizzato anche nella celebre lirica di Salvatore Quasimodo: Ed è subito sera:
Ognuno sta solo sul cuor della terra
trafitto da un raggio di sole:
ed è subito sera.

Il gruppo GN (o diagramma, come meglio si dice) se è seguito da A, E, O, U va scritto senza i.
Poi ci sono pure le eccezioni come compagnia e il verbo sognare (sogniamo).


A dire il vero ogniuno non è la forma scorretta ma la forma arcaica (come riportano tutti i dizionari più autorevoli). È come dire che "veduto" è scorretto. Sempre che non si voglia contestare Dante Alighieri, che scriveva:
come li hanno percosso bestemmiando si voltano ogniuno per lo suo mezo cerchio.


Stessa cosa vale per ogni uno e ogn'uno, queste due forme sono desuete e gli si preferisce la forma univerbata.


LEGGI ANCHE: Quando usare OGNUNO e quando CIASCUNO?
Continua a leggere »

Scacciata o Schiacciata: come si scrive?


Il giorno della vigilia di Natale, per chi preferisce ordinare invece che cucinare, "è caccia alla scacciata". Specialmente al sud non è la notte di Natale se sulla tavola imbandita a festa non compare questa tradizionale preparazione.


Chi l'ha sempre chiamata "scacciata" e si è messo a ridere quando in uno spazio giornalistico riservato alla gastronomia l'ha sentita chiamare "schiacciata", dovrà ricredersi. Infatti il termine schiacciata non è solamente usato per indicare un'azione d'attacco tipica di vari sport come la pallavolo, il basket e il ping pong, ma è anche un altro modo per chiamare questo prodotto da forno artigianale tipico siciliano.

Non c'è un termine che prevale sull'altro, entrambi vengono utilizzati per indicare lo stesso alimento (li trovate nelle ricette e pure nei dizionari) e la scelta di uno o dell'altro è solo una questione di abitudine.


LEGGI ANCHE: Si dice Lasagne o Lasagna?
Continua a leggere »

Ognuno o Ciascuno: come si scrive?


Ciascuno e ognuno sono pronomi indefiniti usati per indicare una quantità non determinata della quale si vogliono considerare i singoli elementi. Hanno entrambi il femminile (ciascuna di voi, ognuna di voi) ma non il plurale.


Quando i due pronomi precedono il verbo, questo è coniugato al singolare, mentre quando lo seguono, quest'ultimo è coniugato al plurale.


Differenza

La differenza tra ognuno e ciascuno è la stessa che passa tra "everyone" ed "each one" in inglese. Il primo si usa con riferimento complessivo agli individui di un gruppo, il secondo si usa per sottolineare il riferimento ad ogni singolo individuo del gruppo.


Per questo ciascuno è quasi sempre accompagnato dal complemento partitivo, che non è comunque obbligatorio.


Vediamo attraverso degli esempi cosa cambia quando si usa l'uno o l'altro:

Ognuno può avere una giornata storta.
somiglia a "tutti possono avere una giornata storta".


Ciascuno può avere una giornata storta.
è da intendere come "Ogni singola persona (del gruppo che ho già nominato prima, o che possiamo facilmente immaginare) può avere una giornata storta".


Inoltre, a differenza di ognuno, ciascuno può essere usato anche come aggettivo:
Al termine della lezione ciascun alunno dovrà recarsi in aula magna.
Continua a leggere »

Frasi divertenti sul Natale


Anche per il giorno di Natale, che è fra le feste religiose più importanti, non mancano le battute spiritose di umoristi provenienti da ogni parte del mondo, soprattutto da Twitter. Il materiale per scherzare su questo giorno di festa non manca di certo: si mangiano tanti dolci e inevitabilmente si aumenta di peso, si incontrano i parenti che non si vedeva da tanto tempo, si scambiano i regali e il più delle volte quello ricevuto non è di proprio gradimento o di alcuna utilità, presepe e albero di Natale diventano oggetto di critica, Babbo Natale viene appeso nei balconi come se si fosse dimenticato di possedere una slitta volante trainata da renne, le canzoncine natalizie ovunque nei negozi e i soliti spot pubblicitari sui panettoni e pandori che si ripetono di anno in anno...

In questa pagina trovate una raccolta di frasi, aforismi e battute divertenti sul Natale, da dedicare a chi non aspettava altro che arrivasse questo giorno per riposarsi e stare insieme alla propria famiglia e a chi invece non vede l'ora di ritornare alla normalità perché nauseato dall'atmosfera natalizia.


Le frasi

1) Ho smesso di credere a Babbo Natale quando avevo sei anni. Mamma mi portò a vederlo in un grande magazzino e lui mi chiese l’autografo. (Shirley Temple)

2) Ho imparato che puoi capire molto di una persona dal modo il cui questa gestisce queste tre cose: giornate piovose, bagaglio smarrito e luci di Natale ingarbugliate. (Maya Angelou)

3) Babbo Natale ce l’ha con me. Da piccolo invece dei regali mi lasciava un biglietto con su scritto: “Non esisto”. (Daniele Luttazzi)

4) Il mio corpo mi dice "DIETA", ma il mio cuore canta "A NATALE PUOI". (Anonimo)

5) Se quest’anno nessuno ha intenzione di mandarmi dei regali per Natale, non vi preoccupate. Ditemi solo dove abitate e io verrò a prenderli da solo. (Henny Youngman)

6) Un uomo che può frustare delle piccole renne è capace di tutto. (Kurt Vonnegut)

7) Per Natale non voglio fiori ma opere di bene, cioè soldi. (MaxMangione, Twitter)

8) Da piccolo credevi a Babbo Natale, poi da grande credevi nella tredicesima. Alla fine scopri sempre che nessuno dei due esiste veramente. (RaF9791, Twitter)

9) Che non ti puoi fidare di nessuno lo capisci quando qualcuno insospettabile ti tagga in una foto di auguri con l'albero di Natale. (m4gny, Twitter)

10)
- Se non sai cosa farmi per Natale regalami pure dei soldi.
- Ma così non c'è la sorpresa!
- Va bene dai: non dirmi quanti.
(diegoilmaestro, Twitter)

11) La domanda di oggi è: Ma Babbo Natale e Amazon sono la stessa persona? (RaF9791, Twitter)

12) Natale è alle porte, l'importante è non aprire. (MaxMangione, Twitter)

13) Visto che sono una persona modesta ed umile, quest'anno a Babbo Natale chiederò soltanto una cosa: UN MILIONE DI EURO. (Masse78, Twitter)

14)
Arriva la 13ª.
Passa un giorno.
Sparisce la 13ª.
Ecco perché si dice LA MAGIA DEL NATALE.
(IlBomma, Twitter)

15) La crisi è quella cosa che metti le lucine all'albero di Natale e dopo 10 minuti: "Spegni che consumano". (Ty_il_nano, Twitter)

16)
Ogni Natale immagino le mie lucine nello scatolone discutere tipo:
-Ragazzi chi si fulmina quest'anno?
+Io il prossimo
•Ok dai mi fulmino io
(diegoilmaestro, Twitter)

17) Magia del Natale per me significa fare colazione/merenda/spuntino notturno col pandoro senza sentirsi in colpa. (ItsCetty, Twitter)

18) Chissà se anche Frank Sinatra lo scongelavano solo sotto Natale come oggi facciamo con Bublè. (diodeglizilla, Twitter)

19) Chissà chi votano quelli che fotografano gli alberi di Natale nei centri commerciali. (marcosalvati, Twitter)

20) Il Natale è associato ai camini non perché ci si cala Babbo Natale ma perché è lì che tutti sognamo di far finire i regali di merda. (diodeglizilla, Twitter)

21) Per il 97% degli italiani il Natale è la festa preferita. Gli altri ricevono una sciarpa. (ItsCetty, Twitter)

22) Spero mi arrivino tanti regali di Natale così posso riutilizzarli per fare tanti regali di Natale. (MaxMangione, Twitter)

23) E voi: Presepe, Albero di Natale o gatto? (TristeMietitore, Twitter)

24) Volevo dire a Babbo Natale di non portarmi nulla. Vado a prendermelo io. (istintomaximo, Twitter)

25) Non è forse l'attesa del Natale essa stessa la consapevolezza di non avere soldi per fare i regali? (Ri_Ghetto, Twitter)

26) Ho un amico che si è messo a dieta prima di Natale. Ho provato a dirgli che è come farsi un check-up prima della fine del mondo, ma niente. (m4gny, Twitter)

27) Babbo Natale era buono, ma una renna mi è rimasta incastrata tra i denti. (Đorđe Otašević)

28) Il Babbo Natale che si arrampica simboleggia lo sforzo fisico necessario per perdere i chili guadagnati nelle festività. (IdeeXscrittori, Twitter)

29)
Si sta come a Natale.
Nei panettoni.
I canditi.
(Masse78, Twitter)

30) Volevo dare un'alternativa a quelli che per Natale non vogliono regalare soldi perché fa brutto: FATECI UN BONIFICO. (Masse78, Twitter)

31)
-Cosa chiedi a Babbo Natale?
-L'estate.
(Masse78, Twitter)

32) I soldi non danno la felicità. Ma chi te li mette in una busta per Natale, sicuramente dona più gioie di quello che ti regala la sciarpina. (Masse78, Twitter)

33) Per quelli che non ti cagano mai, ma un messaggio con gli auguri di Natale lo devono mandare per forza: SPERIAMO VI SI ROMPA IL CELLULARE. (Masse78, Twitter)

34) Sono stato in un negozio di giocattoli e ho capito perché le letterine a Babbo Natale iniziano tutte con "Caro". (Ty_il_nano, Twitter)

35)
Maria non riusciva a capire a cosa servisse la mirra.
Alla fine l'ha messa nel ripieno dell'arrosto di Natale.
(Iddio, Twitter)

36) Come sta andando la dieta in cui perderete 1kg per prepararvi ai 5 che prenderete a Natale? (diodeglizilla, Twitter)

37) Voglio fare a te quello che i gatti fanno all'albero di Natale. (rattodisabina, Twitter)

38) Per le feste di Natale, mi raccomando, quest'anno panettoni MAINA gioia. (dondindan, Twitter)

39) Il segreto per passare un Natale indimenticabile, è restare in famiglia, a casa, nel letto, sotto al piumone e dormire fino al 7 di gennaio. (Masse78, Twitter)

40) Quando lo fanno shazam per riconoscere i parenti a Natale? (Tremenoventi, Twitter)

41) Le multinazionali ci nascondono che luci dell'albero di natale non sono progettate per accendersi a intermittenza, ma per attorcigliarsi. (andreasaccomani, Twitter)

42) Che ce ne frega se manca poco a Natale, tanto manca sempre troppo all'estate. (Masse78, Twitter)

43)
Ma perché Babbo Natale ha gli aiutanti e Cupido no?
Cioè, mi pare evidente che al mondo c'è più bisogno d'amore che di maglioni con le alci.
(valemille, Twitter)

44) Se barba e capelli bianchi sono simbolo di saggezza, non si capisce come mai Babbo Natale continui a portarmi solo maglioncini con i rombi. (diodeglizilla, Twitter)

45) Occhio a quelli che cambiano foto-profilo a Pasqua e Natale perché sono gli unici 2 giorni dell'anno in cui si vestono decentemente. (Tremenoventi, Twitter)

46) Uscire da sotto il piumone alle sette di mattina dopo le feste di Natale, rimane tra i reati più grandi contro l'umanità. (Masse78, Twitter)

47) La cosa positiva delle feste di Natale è che poi ai saldi trovi la tua taglia perché ti sta a pennello la XXL. (Masse78, Twitter)

48) A Natale arriva il maglioncino "Un po' stretto, ma tanto devo dimagrire" che ad aprile userai per spolverare le mensole. (diodeglizilla, Twitter)

49) Ci sono dei panettoni di Natale avanzati e riciclati che girano di casa in casa fino ad arrivare in Cina. (TristeMietitore, Twitter)

50) Vorrei spiegare a quelli a cui non ho inviato gli auguri di Natale che non mi sono dimenticato di loro. Ma ce la sto mettendo tutta. (Comeprincipe, Twitter)

51) Il problema non è Natale, non è Capodanno e nemmeno la Befana. Il vero problema è levarsi il pigiama e rientrare nei jeans il 7 di gennaio. (Masse78, Twitter)

52) Alzarsi dal letto per tornare a lavoro dopo il Natale, resta tra gli atti di coraggio più valorosi di sempre. (Masse78, Twitter)

53) A Natale ho ricevuto un maglione di merda ma sono contento perché così posso abbinarlo con la vita. (diegoilmaestro, Twitter)

54) Il Natale è quella cosa che trasforma i globuli rossi in globuli grossi. (Lux_n, Twitter)

55) Siamo fatti della stessa sostanza degli avanzi del pranzo di Natale. (FranAltomare, Twitter)

56) Io sulla bilancia, l'indomani di Natale, passo da 0 a 100 in meno di tre secondi. In pratica, sono una Ferrari! (BarbyeTurica, Twitter)

57) A Natale buoi, Una poltrona per bue, Natale con i buoi... e alla fine, anche quest'anno, è andato tutto in vacca. (arcobalengo, Twitter)

58) Dicono che sentono tutti il #Natale nel cuore, poi alla fine se lo ritrovano tutti sui fianchi. (pellescura, Twitter)

59) Natale è sinonimo di speranza. Nel senso, "Speriamo che mi diano lo scontrino per cambiare 'sto regalo di merda". (diegoilmaestro, Twitter)

60) Natale è davvero il momento dei miracoli: resuscitano addirittura parenti che credevi morti. (diegoilmaestro, Twitter)

61) Da quello che vedo Babbo Natale non mi ha portato nulla perché ha speso tutti i soldi per comprare iPhone agli altri. (RubinoMauro, Twitter)

62)
Tutto ha un inizio.
Tutto ha una fine.
Tranne l'ansia, la sfiga ed il pranzo di Natale.
(Masse78, Twitter)

63) Facebook dovrebbe attivare il “Safety Check” anche per Natale, in modo che si possa sapere chi dopo il cenone è ancora vivo. (David_IsayBlog, Twitter)

64) Diventi ufficialmente anziano quando a chiamare i parenti per gli auguri di Natale sei tu. (darioloc81, Twitter)

65) Stamattina in Africa la gazzella si sveglia e comincia a correre per scappare dal pranzo di Natale coi parenti. (dbric511, Twitter)

66) Natale è quel periodo religioso che va da "È arrivato Gesù, Gloria a Dio!" a "BASTA NONNA, SANTODDIO!". (Zziagenio78, Twitter)

67) Pazzesco, Babbo Natale mi ha fatto trovare sotto l'albero esattamente quello che io avevo comprato! ALLORA ESISTE!!! (MaxMangione, Twitter)

68) Il Natale è un complotto delle lobby dei dietologi. (Iddio, Twitter)

69) La magia del Natale sta nel fatto che ti siedi con il culo di Belen e ti alzi con la panza di Babbo Natale. (Terza_Nota, Twitter)

70)
Ho comprato un sacco di giocattoli per Natale.
Non so se i bambini saranno contenti, a loro ho preso vestiario.
(IlBomma, Twitter)

71) A Natale siamo tutti più buoni tranne Gesù che rimane buono uguale. Nemmeno un piccolo cambiamento, niente. Vergogna Gesù. (azael, Twitter)

72) Qualcuno ha già chiesto a Babbo Natale la pace nel mondo? Così non ci accavalliamo e chiedo qualcosa per me. (frandiben. Twitter)

73) Il Natale è dentro me. Spero lasci un po' di spazio per panettone, torrone, lasagne, e polente. (RudyZerbi, Twitter)

74) Natale è un giorno importante per tanti bambini per imparare una grande lezione di vita. Babbo Natale vuole più bene ai bambini ricchi. (pellescura, Twitter)

75) Quelli che ti augurano un “sereno Natale” vogliono realmente che tu stia bene, ma leggermente meno di loro.
(azael, Twitter)

76) Il segreto per trascorrere un Natale all'insegna della felicità è andare a comprare le sigarette e tornare per la Befana. (Masse78, Twitter)

77) Come sarebbe a dire che nemmeno quest’anno hanno trovato la cura per quelli che appendono i Babbi natale sul tetto? (Dbric511, Twitter)

78) Si lamentano che non c'è lavoro e poi non trovi nessuna figura professionale che ti possa cestinare tutte le mail di auguri di natale. (RubinoMauro, twitter)

79) Natale è un ramadan, ma al contrario. (LaPausaCaffe, Twitter)

80) Il problema dall’avere un albero di Natale in casa è rendersi conto che persino lui ha più palle di te.
(Comeprincipe, Twitter)

81) Siamo il “che palle i parenti” di qualche parente. (parcesepulto, Twitter)

82) “Per prima cosa lei deve credere in sé stesso!” ~ Lo psicologo di Babbo Natale. (Nonciclopedia, Twitter)

83) Io a Natale ci terrei anche, alla vera tradizione, ma dove lo trovo un tempio del Dio Sole per sacrificare un capretto? (mixmic76, Twitter)

84) Sulla tavola di Natale lo smartphone va alla destra o alla sinistra del piatto? (AurelMorgan, Twitter)

85) A Natale puoi. Ma per fortuna non devi. (azael, Twitter)

86) La storia dei Re Magi ci insegna che due regali di Natale su tre fanno cagare. (Dlavolo, Twitter)

87) Lavoro solo un giorno all’anno. Ma gli altri 364 giorni mi tocca passarli con la Befana! (Babbo25, Twitter)

88) Se ascoltate al contrario Jingle Bells potrete sentire Babbo Natale che impreca per aver pestato una merda di renna. (MaxMangione, Twitter)

89) La smettete con questi selfie? A Natale siamo tutti più buoni non boni. (Ty_il_nano, Twitter)

90)
-Cosa fai a Natale?
-Mangio.
-A Santo Stefano?
-Mangio.
-A Capodanno?
-Mangio.
-Per la Befana?
-Il botto.
(Masse78, Twitter)

91) Una volta tanto, a Natale, anziché chiedere, fatevi togliere qualcosa: un po’ di acidità, un bel po’ di cattiveria e tanta invidia. (ValeSantaSubito, Twitter)

92) Vorrei avere la stessa resistenza fisica dei Babbi Natale appesi ai balconi. (IlBomma, Twitter)

93) La persona che incarna di più il vero spirito del natale è il macellaio. (pellescura, Twitter)

94) Una volta fui così cattivo che scrissi la letterina a Babbo Natale coi ritagli di giornale per non farmi riconoscere. (m4gny, Twitter)

95)
-Nasci
-Credi a Babbo Natale
-Smetti di credere a Babbo Natale
-Devi vestirti da Babbo Natale
-Inizi ad assomigliare a Babbo Natale
-Muori
(matteograndi, Twitter)

96)
- Cosa ami di più del Natale?
* Che mancano sei mesi all'estate.
(Vladinho77, Twitter)

97) "Babbo Natale vorrei una ferrari." "Eccoti la tua sciarpa." (Tremenoventi, Twitter)

98) Mettersi a dieta per le feste di Natale è come mettersi l'impermeabile per farsi la doccia. (Masse78, Twitter)

99) Ho scritto anch'io a Babbo Natale Visualizza ma non risponde. (MagFra9, Twitter)

100)
Cose in cui ho smesso di credere crescendo:
-Babbo Natale
-La Befana
-Il topolino dei denti
-Gli unicorni
-I Giga illimitati
-Dormire fino a tardi
(darioloc81, Twitter)

101)
Alice: Per quanto tempo è per sempre?
Bianconiglio: A volte solo un pranzo di Natale con i parenti.
(Ty_il_nano, Twitter)

102)
Pranzo di Natale NORD:
-antipastino
-primo
-nebbia
-caffè

SUD:
-12 antipasti
-7 primi
-9 secondi
-5 decimi
-13 panettoni
-1 Re Magio
(dbric511, Twitter)

103) Questo Natale regalo solo libri. Così imparano. (marcosalvati, Twitter)

104) Per me la vigilia di Natale è copiare e incollare “grazie, anche a te”. (marcosalvati, Twitter)

105) Nella vita vorrei avere il coraggio di quelli che a Natale ti fanno gli auguri, dopo averti infamato e ignorato per un anno intero. (Masse78, Twitter)

106) Una volta fui così cattivo che scrissi la letterina a Babbo Natale coi ritagli di giornale per non farmi riconoscere. (m4gny, Twitter)

107) A Natale è bello aprire i giochi di società e giocare in allegria con tutti i parenti e finire in rissa. (IlBomma, Twitter)

108) Per me Natale in famiglia significa calor(i)e. (diegoilmaestro, Twitter)

109) Il trauma più grosso non l’ho avuto quando ho scoperto che babbo natale non esisteva, ma quando ho scoperto che esistevano tante befane. (postofisso2012, Twitter)

110) Il Natale è quella cosa che da bambino aspetti Babbo Natale, da adolescente aspetti i regali e da adulto aspetti solo il 7 di gennaio. (Masse78, Twitter)

111) Non basta avere le palle per essere uomo. L’Albero di Natale ne è la dimostrazione tangibile. (DIavolo, Twitter)

112) Io ci credo a Babbo Natale, l'ho anche visto! È entrato dalla finestra, mi ha legato, imbavagliato e ha riempito il sacco di regali! (MaxMangione, Twitter)

113) Natale mi è servito un sacco per capire l’amore. Alla fine si tratta di aspettare uno che non esiste che porta cose che non ti piacciono (Nonfaretardi, Twitter)

114) Credo che la magia del Natale sia riuscire a prendere 10 kg in 24 ore. (TristeMietitore, Twitter)

115)
- Di che ti occupi?
- Sono un seasonal project manager specializzato in lights and balls placement.
- Sarebbe?
- Faccio l'albero di Natale.
(FranAltomare, Twitter)

116) Il Natale è magia. Infatti quando arrivano i parenti io sparisco. (Zziagenio78, Twitter)

117) Per me Babbo Natale non s'è mai sposato perchè è troppo stressante fare migliaia di pacchetti regalo con una donna che ti giudica. (Zziagenio78, Twitter)

118) A Natale puoi fare quello che non puoi fare mai solo se i parenti ti regalano tanti soldi altrimenti non puoi fare niente come al solito. (Ri_Ghetto, Twitter)

119) La struttura alare di Babbo Natale non è adatta a farlo arrampicare sui balconi ma la gente non lo sa e ce lo appende lo stesso. (diegoilmaestro, Twitter)

120) Prendetevi un momento per abbracciare i vostri addominali prima delle feste di Natale. (TristeMietitore, Twitter)

121) Chiedere alle persone di essere più buoni a Natale mi pare eccessivo. Io mi accontenterei di "più zitti". (diodeglizilla, Twitter)

122)
🎅🏻 Cosa desideri per Natale?
- Un cavallo alato
🎅🏻 Qualcosa di più reale?
- Un lavoro
🎅🏻 Dove vivi?
- In Italia
🎅🏻 Bianco o nero il cavallo?

123) Caro Babbo Natale, quest’anno sono stata bravissima. Ok… forse non sempre. Qualche volta… Raramente… Aaah lascia stare, me lo compro da sola. (Anonimo)

124) Quest'anno voglio un Natale da sogno. Dormirò. (ilmarziano1, Twitter)

125) La vera magia del Natale è il modo in cui riesco a far sparire nell'immondizia i regali di merda. (diodeglizilla, Twitter)

126) In questo momento i Re Magi stanno litigando tra loro. Gesù è nato e loro arriveranno il 6 gennaio. Mai più Trenitalia. (DIavolo, Twitter)

127) Ah, la sera del 25, meglio nota come "momento dell'anno in cui sei spaesato, non sai se mangiare, se uscire, se siete tutti vivi, cosa fare". (Tremenoventi, Twitter)
Continua a leggere »

Frasi sui Re Magi


Nella tradizione cristiana i Re Magi sono astrologi, probabilmente sacerdoti zoroastriani, che secondo il Vangelo di Matteo, ovvero l'unica fonte cristiana canonica a descrivere l'episodio, giunsero da Oriente a Gerusalemme per adorare il bambino Gesù, il re dei Giudei che era nato. Secondo il racconto evangelico, quando i Magi arrivarono a Gerusalemme, andarono a fare visita a Erode, il re della Giudea romana, per domandargli dove fosse 'il re che era nato', in quanto avevano 'visto sorgere la sua stella'. Colto impreparato, Erode, perché non a conoscenza della profezia dell'Antico Testamento, chiese informazioni agli scribi, e questi gli fecero sapere che il Messia sarebbe nato a Betlemme. Erode inviò i magi in quel luogo esortandoli a trovare il bambino e riferire i dettagli del luogo dove trovarlo, 'affinché anche lui potesse adorarlo'. Guidati dalla stella, essi arrivarono a Betlemme e giunsero presso il luogo dove era nato Gesù, prostrandosi in adorazione e offrendogli in dono oro, incenso e mirra. Quando i magi vennero avvertiti in sogno di non ritornare da Erode, fecero ritorno alla loro patria per un'altra strada. Questo fece andare su tutte le furie Erode che mandò ad uccidere tutti i bambini di Betlemme di età inferiore ai due anni, dando luogo alla Strage degli Innocenti. Giuseppe venne avvertito in sogno dell'imminente pericolo fuggì in Egitto con la sua famiglia.

In questa pagina trovate una raccolta di frasi, aforismi, citazioni e battute divertenti sui Re Magi, ovvero su Gaspare, Melchiorre e Baldassarre.


1) Erano persone certe che nella creazione esiste quella che potremmo definire la “firma” di Dio, una firma che l’uomo può e deve tentare di scoprire e decifrare. (Papa Benedetto XVI)

2)
I tre santi Re Magi d’Oriente
chiedevano fermandosi in ogni città:
“O donne, o fanciulle, sapreste dirci
la strada per Betlemme dove va?”
Né giovani né vecchi lo sapevano
e essi riprendevano il tragitto,
ma una cometa dalla chioma d’oro
or li guidava come una lanterna.
La stella sulla capanna di Giuseppe
alfine si fermò e i santi tre re Magi
alla soglia si poterono affacciar;
muggiva il bue, piangeva il bambinello,
e i Re Magi cominciarono a cantar.
(Heinrich Heine)

3)
Persero un giorno la stella.
Com’è possibile perdere la stella?
Per averla fissata troppo a lungo…
I due re bianchi,
ch’erano due sapienti di Caldea,
col bastone tracciarono sul suolo grandi cerchi.
Si misero a far calcoli, si grattarono il mento…
Ma la stella era scomparsa
come scompare un’idea,
e quegli uomini, l’anima dei quali
aveva sete di essere guidata,
piansero drizzando le tende di cotone.
Ma il povero re nero, disprezzato dagli altri,
disse a se stesso: “Pensiamo alla sete
che non è la nostra.
Occorre dar da bere, lo stesso, agli animali”.
E mentre reggeva il suo secchio,
nello spicchio di cielo
in cui si abbeveravano i cammelli
egli scorse la stella d’oro che danzava silente.
(Edmond Rostand)

4)
Gesù nacque a Betlemme di Giudea, al tempo del re Erode. Alcuni Magi giunsero da oriente a Gerusalemme e domandavano: «Dov’è il re dei Giudei che è nato? Abbiamo visto sorgere la sua stella, e siamo venuti per adorarlo». All’udire queste parole, il re Erode restò turbato e con lui tutta Gerusalemme. Riuniti tutti i sommi sacerdoti e gli scribi del popolo, s’informava da loro sul luogo in cui doveva nascere il Messia. Gli risposero: «A Betlemme di Giudea, perché così è scritto per mezzo del profeta: E tu, Betlemme, terra di Giuda, non sei davvero il più piccolo capoluogo di Giuda: da te uscirà infatti un capo che pascerà il mio popolo, Israele».
Allora Erode, chiamati segretamente i Magi, si fece dire con esattezza da loro il tempo in cui era apparsa la stella e li inviò a Betlemme esortandoli: «Andate e informatevi accuratamente del bambino e, quando l’avrete trovato, fatemelo sapere, perché anch’io venga ad adorarlo».
Udite le parole del re, essi partirono. Ed ecco la stella, che avevano visto nel suo sorgere, li precedeva, finché giunse e si fermò sopra il luogo dove si trovava il bambino. Al vedere la stella, essi provarono una grandissima gioia. Entrati nella casa, videro il bambino con Maria sua madre, e prostratisi lo adorarono. Poi aprirono i loro scrigni e gli offrirono in dono oro, incenso e mirra. Avvertiti poi in sogno di non tornare da Erode, per un’altra strada fecero ritorno al loro paese.
(Vangelo di Matteo 2,1-12)

5)
I Magi seguono fedelmente quella luce che li pervade interiormente, e incontrano il Signore. In questo percorso dei Magi d’Oriente è simboleggiato il destino di ogni uomo: la nostra vita è un camminare, illuminati dalle luci che rischiarano la strada, per trovare la pienezza della verità e dell’amore, che noi cristiani riconosciamo in Gesù, Luce del mondo.
(Papa Francesco)

6)
Natale. Guardo il presepe scolpito,
dove sono i pastori appena giunti
alla povera stalla di Betlemme.
Anche i Re Magi nelle lunghe vesti
salutano il potente Re del mondo.
Pace nella finzione e nel silenzio
delle figure di legno: ecco i vecchi
del villaggio e la stella che risplende,
e l’asinello di colore azzurro.
Pace nel cuore di Cristo in eterno;
ma non v’è pace nel cuore dell’uomo.
Anche con Cristo e sono venti secoli
il fratello si scaglia sul fratello.
Ma c’è chi ascolta il pianto del bambino
che morirà poi in croce fra due ladri?
(Salvatore Quasimodo)


7)
“Non ho come i Magi
che sono ritratti nelle immagini
dell’oro da donarti.”
“Dammi la tua povertà.”
“Non ho nemmeno, Signore,
la mirra dal buon profumo
e neppure l’incenso in tuo onore.”
“Figlio mio. dammi il tuo cuore.”
(Francis Jammes)

8)
Una luce vermiglia
risplende ne la pia notte
e si spande via
per miglia e miglia.
“O nova meraviglia!
O fiore di Maria!”.
Passa la melodia
e la terra s’ingiglia.
Cantano, tra il fischiare del vento
per le forre,
i biondi angeli in coro:
ed ecco Baldassarre
e Gaspare e Melchiorre
con mirra, incenso e oro.
(Gabriele D’Annunzio)

9)
È brutto ricevere regali non graditi. Pensa al sorriso di circostanza quando Maria, scartando i regali dei Re Magi, capì che era mirra.
(dlavolo, Twitter)

10) Cosa ci insegna l'epifania? Che qualsiasi regalo che non sia oro ti farà ricordare sempre come un porraccio. Tipo i due Re Magi. (Ri_Ghetto, Twitter)

11) In realtà i Re Magi erano nei paraggi dal 25, solo che il 6 trovavano i regali a metà prezzo. (ItsCetty, Twitter)

12) Intanto i Re Magi entrano a Betlemme e Melchiorre bestemmia davanti a una vetrina perchè vede la Mirra in saldo a 19,99 denari. (Zziagenio78, Twitter)

13) Volevo dire ai Re Magi che sono ancora in tempo per fermarsi all'Autogrill e cambiare la mirra con una scatola di Lindor. (darioloc81, Twitter)

14) In questo momento i Re Magi stanno litigando tra loro. Gesù è nato e loro arriveranno il 6 gennaio. Mai più Trenitalia. (DIavolo, Twitter)

15) Con quello che costano i giocattoli, ai Re Magi in fondo è convenuto regalare l'oro. (diegoilmaestro, Twitter)

16) Appena ho messo nel presepe la statuina del Re Magio nero, i pastori hanno cominciato a gridare «I RE MAGI AIUTIAMOLI A CASA LORO!». (diegoilmaestro, Twitter)

17) Me li immagino i Re Magi:"CAVOLO C'È GIÀ LA PUBBLICITÀ DELLA BAULI, SIAMO IN RITARDO". (Zziagenio78, Twitter)

18) I Re Magi dovevano arrivare il 25 dicembre, ma giunsero il 6 Gennaio. I cammelli furono i primi a scusarsi per il disagio. (DIavolo, Twitter)

19) Se dopo tanti anni i Re Magi per arrivare puntuali usano ancora i cammelli e non Trenitalia un motivo ci sarà. (RubinoMauro, Twitter)

20) Comunque i Re Magi hanno preso un pò troppo alla lettera questa cosa che conta il pensiero. (Terza_Nota, Twitter)

21) Dei tre Re Magi, Gaspare è il migliore. Ha una mirra infallibile. (AlexSetolosi, Twitter)

22) La storia dei Re Magi ci insegna che due regali di Natale su tre fanno cagare. (DIavolo, Twitter)

23)
Anno 0 - Maria riceve i doni dai Re Magi;
Anno 1 - Giuseppe riceve da Maria incenso e mirra.
Furono i primi regali riciclati della storia.
(DIavolo, Twitter)

24) Niente, sono andato a controllare sulla Bibbia, Maria a sti poveri Re Magi manco un limoncello offrì. (RubinoMauro, Twitter)

25) Si però Maria tre o quattro bomboniere fatte all'uncinetto li poteva pure preparare. Che figura coi Re Magi. (Ty_il_nano, Twitter)

26)
come faccio a sapere che i Re Magi erano 4 e l'ultimo portava in dono Oppio?
... solo 3 tossici inseguirebbero una stella fino a una stalla
(140caratteracci, Twitter)

27) È brutto ricevere regali non graditi. Pensa al sorriso di circostanza quando Maria, scartando i regali dei Re Magi, capì che era mirra. (DIavolo, Twitter)

28)
Cosa ci insegnano i Re Magi?
Che se devi fare un regalo di Natale è meglio che ti organizzi prima, altrimenti fai una figura di merda.
(DIavolo, Twitter)

29) Nel presepe di Dio, i Re Magi fanno le faccine matte al piccolo Gesù, che guarda in alto e dice "Padre mio, perché mi hai abbandonato?". (Iddio, Twitter)

30) Dalla lettera di San Paolo Apostolo ai Re Magi “Le portate voi le lenticchie?” (RaF9791, Twitter)

31) Nel presepe di Dio, Giuseppe si incazza quando i Re Magi gli fanno notare che Gesù non gli somiglia affatto. (Iddio, Twitter)

32) Il presepe oggi sarebbe più credibile se al posto dell'oro, incenso e mirra, i re Magi portassero: iPhone, caricabatterie e giga illimitati. (Masse78, Twitter)

33) Il cammello dei Re Magi andava a tutta mirra. (Iddio, Twitter)

34) C’è crisi: quest’anno Giuseppe e Maria aspetteranno i Re Magi, metteranno da parte incenso e mirra e correranno al più vicino Compro Oro. (DIavolo, Twitter)

35) Comunque i re Magi avevano proprio un cattivo gusto. Cioè, devi fare regali a un bambino, non a uno sceicco: prendigli una macchinina. (Iddio, Twitter)

36) Tutto era andato bene, si era deciso di non spendere più di 20€ per il regalo, i Re Magi si erano accordati. Qualcuno voleva fare il figo però. (DIavolo, Twitter)

37)
Maria non riusciva a capire a cosa servisse la mirra.
Alla fine l'ha messa nel ripieno dell'arrosto di Natale.
(Iddio, Twitter)
Continua a leggere »

Frasi sul poker


Il poker è un gioco di carte che si gioca con i semi francesi, è considerato d'azzardo, ma ha un peso determinante l'abilità del giocatore. Ha sempre intrigato e ispirato tutti coloro con la passione per la sfida, la vincita, il guadagno immediato, e in Italia, soprattutto, negli ultimi anni, già solo il poker online ha avuto un’enorme evoluzione.
Le origini del gioco del poker sono tuttora oggetto di dibattito. il termine è molto antico, nella lingua inglese pare infatti esistesse fin dal 1400, ma per indicare un attrezzo di metallo usato per attizzare il fuoco e che quindi nulla aveva a che fare con le carte. Per quanto concerne il gioco, l’etimologia della parola è argomento ancora senza soluzione: secondo i francesi la parola sarebbe una loro invenzione e deriverebbe da un gioco di carte detto poque; per i tedeschi invece proverrebbe da pochen, praticato appunto in Germania. Per altri ruoterebbe semplicemente intorno alla parola poke che, nel gergo di alcuni paese come America, Australia e Sud Africa è utilizzata come sinonimo di portafogli o tasca. Insomma la questione è ancora aperta anche se alcuni indizi relativamente alle affinità con il poque francese (si giocava con mazzo di venti carte composto da 10, J, Q, K e Asso) lascerebbero pensare proprio ad una derivazione da questo.


In questa pagina trovate una raccolta di frasi, aforismi, citazioni e battute divertenti sul poker, in cui avrete modo di apprezzare le massime dei giocatori di poker professionisti. Inoltre, alcune frasi fanno riflettere più di altre perché il poker viene accostato alla vita, ad esempio "puntare" è inteso come mettersi in gioco, "passare" equivale a rinunciare a una opportunità.

1) Se non riesci a individuare il pollo nella prima mezz'ora di gioco, allora il pollo sei tu. (Dal film Il giocatore - Rounders)

2) Non fare mai giochi di prestigio con le carte per la gente con cui giochi a poker. (Arthur Bloch)

3) Il Texas hold 'em è un gioco di aggressione calcolata: se le tue carte sono sufficientemente buone per chiamare una puntata, allora sono buone abbastanza per rilanciarla. (Al Alvarez)

4) Il poker è un gioco di persone.. non è la mano che mi viene servita, sono le persone con cui gioco. (Amarillo Slim)

5) Passi o resti in gioco, vedi o rilanci, sono decisioni che devi prendere per giocare a poker. (Dal film Il giocatore - Rounders)

6) Nel dubbio, meglio andare all in! (Amarillo Slim)

7) Nessuno vince sempre e chiunque lo affermi o è un bugiardo o non gioca a poker. (Amarillo Slim)

8) Non fa mai male se gli avversari pensano che tu sia un completo idiota, uno che non è nemmeno in grado di contare le monete che ha nel portafogli, figuriamoci tenersele in tasca. (Amarillo Slim)

9) Dovrei lamentarmi che le carte sono mischiate male fino a che non avrò una buona mano. (Jonathan Swift)

10) Il poker può essere considerato una branca della psicologia, una forma d’arte o un modo di vivere, ma è anche solo semplicemente un gioco, in cui i soldi sono un metodo per tenere il punteggio. (Anthony Holden)

11) La texana senza limiti di puntata è la Cadillac del poker. [...] In nessun altro gioco la sorte può mutare tanto velocemente da mano a mano. (Dal film Il giocatore - Rounders)

12) Il destino mescola le carte e noi giochiamo. (Arthur Scopenhauer)

13) Il vero politico va istruito con gli scacchi e con il poker. I primi per la strategia della guerra, il secondo per la psicologia del bluff. (Simone Nardone)

14) Il poker e l'amore sono entrambi giochi di bluff. (Helen Rowland)

15) Il poker è formidabile. Ciò che conta non è di disporre di buone o di cattive carte, ma di saper giocare con quelle cattive. (Bernard Werber)

16) Al gioco sono sfortunatissimo. Sono l'unico al mondo cui capita una mano di poker con cinque carte senza che ce ne siano due dello stesso seme. (Woody Allen)

17) Nella vita, come nel poker, il rischio va affrontato, non evitato. (Edward Norton)

18) Imparare a giocare due coppie vale quanto il venire educati in un college, ed è altrettanto costoso. (Mark Twain)

19) Il poker dovrebbe essere insegnato a scuola. Infatti offre, in sintesi, la rappresentazione di tutti i rapporti umani che i bambini ritroveranno più tardi, nella vita. (Yves Montand)

20) Posso non giocare con un mazzo completo ma io non ho bisogno di un mazzo completo. Io ho quattro assi. (Jonathan Winters)

21) Il poker è il solo gioco adatto ad un uomo adulto. La vostra mano contro quelle di tutti gli altri, e le mani di tutti gli altri contro la vostra. Chi mai ha costruito una fortuna col lavoro di gruppo? (William Somerset Maugham)

22) Signore, il poker mi piace davvero. Ogni mano ha i propri differenti problemi. (Henry Fonda)

23) Un elemento essenziale nel giocare un poker vincente è costringere i tuoi avversari a prendere decisioni difficili. È per questo che puntare è sempre meglio che limitarsi a vedere. (Chris Ferguson)

24) Il poker limit è una scienza, ma il no-limit è un’arte. Nella variante limit, tu spari ad un bersaglio. Nel no-limit, il bersaglio diventa vivo e a sua volta spara verso di te. (Crandell Addington)

25) Se contro-rilanci a chi ha rilanciato e lui non ti contro-rilancia, allora sai che ha qualche problema di kicker. (Crandell Addington)

26) Il poker può rivelarti molte cose se non hai pregiudizi; può mostrarti la tua vera natura. Molti cattivi giocatori non migliorano perché non riesco ad accettare chi sono veramente. (David Mamet)

27) L'errore più comune nella storia è sottovalutare l'avversario, ma succede tutto il tempo al tavolo da poker. (David Shoup)

28) Quando giochiamo dobbiamo realizzare, prima di ogni altra cosa, che siamo lì per fare soldi. (David Sklansky)

29) Il poker è un po’ come il sesso. Tutti pensano di essere bravi, ma la maggior parte non sa nemmeno cosa sta facendo. (Dutch Boyd)

30) Un giocatore di carte dovrebbe sapere che una volta che il denaro sta nel piatto, cessa di essere suo. (Herbert O Yardley)

31) Colui che ha inventato il poker era brillante, ma colui che ha inventato le fiches era geniale. (Julius Weintraub)

32) Un giocatore che non bluffa mai a poker non è in sintonia con il gioco. (William J. Florence)

33) Il punto di forza nel poker è di non perdere mai la calma, sia con quelli con cui stai giocando, sia, soprattutto, con le carte. Non c'è empatia nel poker. Resta sempre freddo. Se perdi la testa, perderai tutte le tue fiches. (William J Florence)

34) Non voglio essere chiamato un "buon perdente". Mostratemi un buon perdente ed io vi mostrerò un perdente. (Stu Ungar)

35) Il poker si gioca in quattro, oppure in tre col morto, o anche meglio in tre col pollo. (Stefano Benni)

36) Poker, un giorno per imparare una vita per diventare dei maestri. (Robert Williamson III)

37) Nel lungo termine non c'è fortuna nel poker, ma il breve termine è più lungo di quanto la gente pensi. (Rick Bennet)

38) Il poker consente di dimenticare tutto, compreso il fatto che non possiamo permetterci di giocare. (Philippe Bouvard)

39) Se non esistesse la fortuna nel poker, vincerei tutte le mani. (Phil Hellmuth)

40) Il poker non è un gioco che si gioca al meglio con i numeri. Il poker è un gioco di situazioni. Nel black jack c'è sempre una decisione corretta da prendere, quella che i giocatori chiamano "strategia di base". [...] Il poker, invece, è il gioco delle informazioni incomplete ed è quindi molto più complesso. (Phil Gordon)

41) Doyle Brunson dice: il trucco per vincere alla texana è spingere l'avversario a scommettere tutto quello che ha. (Dal film Il giocatore - Rounders)

42) Amarillo Slim, uno dei più grandi giocatori di tutti i tempi, seguiva sempre una massima del padre: puoi tosare una pecora molte volte, ma puoi scuoiarla una volta sola. (Dal film Il giocatore - Rounders)

43) Gli assi sono più grandi della vita e più grandi delle montagne. (Mike Cairo)

44) È come il poker, è meglio dire la verità. Gli altri penseranno che tu stia bluffando, ed è così che vinci. (Michel Poiccard)

45) Al poker sbirciare il gioco dell’avversario nel riflesso del vetro è barare. In politica è anticipare. (Marc Dugan)

46) La maggior parte dei soldi che vincerete al poker, non viene dalla genialità del vostro gioco, ma dall'incompetenza dei vostri avversari. (Lou Krieger)

47) Il poker è un microcosmo di tutto ciò che ammiriamo e disdegniamo del capitalismo e della democrazia. Può essere rozzo o elegante, caldo o freddo, indulgente e umanitario, o rigido e impersonale, volubile e sfuggevole, ma in fondo è leale, esatto, e giusto. (Lou Krieger)

48) Il poker, come la vita stessa, ha il suo momento determinante. È il flop [...]. Quando vedi il flop in hold 'em, stai guardando i cinque-settimi della tua mano. Questo è il 71 per cento della tua mano, al costo di un solo giro di puntate. (Lou Krieger)

49) Nel gioco del poker che è la vita, le donne sono la tangente... sono una maledetta tangente... (Dal film Il giocatore - Rounder)

50) Non dipende da come giochi la mano in cui hai fatto la pessima puntata. Dipende da come giochi la prossima. (Julian Gardner)

51) A poker non giochi con le carte che hai in mano, ma con la persona che hai di fronte. (Dal film Agente 007 - Casinò Royale)

52) Ricorda, la coppia va sempre difesa. (Phil Hellmuth)

53) Non è calcolando le probabilità che si vince al poker. Ma ignorandole completamente per troppo tempo di certo si diventa perdenti. I giocatori fortunati non durano. (A.D. Livingston)

54) I migliori giocatori hanno la capacità di imparare dai propri errori: è questo che li rende i migliori. (Gus Hansen)

55) Perdere è una parte del poker, e so che in certi giorni, anche se gioco perfettamente, perderò. (Gus Hansen)

56) Il poker è il modo più difficile per fare una vita facile. (Johnny Moss)

57) La vita è fatta a scale: c'è chi scende, c'è chi sale e chi nonostante la tua scala ti fotte col poker. (diodeglizilla, Twitter)

58) La vita è come il poker. È quando c'è il buio che rischi di fare il colpaccio o prenderti una grande inculata. (Losca71, Twitter)

59) La vita è un pò come il poker, a volte puoi riuscire a bluffare ma arriverà sempre qualcuno più esperto di te a svelare l'inganno. (CannovaV, Twitter)

60) Chi vince a strip poker è fortunato sia nel gioco che in amore. (postofisso2012, Twitter)

61) Cerca di vedere il lato positivo. Se ti danno quattro due di picche, in fondo hai fatto poker. (pellescura, Twitter)

62) La gente gioca a poker e io non reggo lo stress della busta della Coop che non si apre mentre la cassiera accumula prodotti sul banco. (Ftzj, Twitter)

63) Ho perso una mano a poker, ora faccio tutto con la sinistra. (rattodisabina, Twitter)

64) La vita è come una partita di poker: se non metti niente nel piatto non ne tirerai fuori nulla. (Moms Mabley)
Continua a leggere »

Frasi sulle scoregge


La scoreggia, modo volgare ma più comune per indicare la flatulenza, detta anche loffa, puzzetta, flato, peto o ventosità, è l'emissione rumorosa di gas intestinali dall'ano.
Si tratta di aria trattenuta in eccesso dal nostro corpo, il cui rumore deriva dalla vibrazione del retto, e che è composta per il 59% di azoto, per il 21% di idrogeno, per il 9% di anidride carbonica, per il 7% di metano, e per l’1% di gas di acido solfidrico. La sua puzza è determinata dalla presenza di solfuro e dipende da cosa si è mangiato prima; fra i cibi che generano maggiormente flatulenze vi sono: fagioli, cavoli, uova e formaggi. Bisogna evitare di trattenerle costantemente, in quanto questo potrebbe modificare la normale attività intestinale e avere forti crampi dolorosi. Dal momento che viaggiano a una velocità di 3 metri al secondo, dunque di oltre 10 chilometri orari, si presuppone che ci vogliono circa 10-15 secondi prima che il più vicino possa percepirne l'odore.

In questa pagina trovate una raccolta di frasi, aforismi e citazioni sulle scoregge, da dedicare alle persone che non nascondono le flatulenze o a chi di recente ha avuto momenti imbarazzanti a causa delle scoregge.

1) Nessuno è in ascolto fino a quando qualcuno non scoreggia. (Anonimo)

2) Se mi dispiace che fumi? Ti dispiace se scoreggio? (Adesivo)

3) Siamo qui sulla terra per andare in giro a scoreggiare. Non lasciare che nessuno ti dica qualcosa di diverso. (Kurt Vonnegut Jr.)

4) Avete sentito l'ultima? No? È perché l'ho fatta piano... (Claudio Bisio)

5) Quando uno ride ha tutto il mondo ai suoi piedi, ma se scoreggia si ritrova da solo. (Gordon Burley)

6) La maturità non si misura dall'età ma dalla maggiore o minore capacità di fare le scoregge silenziose. (MaxMangione, Twitter)

7) Sapete come si fa a capire quando una mosca scoreggia? Improvvisamente vola diritta... (George Carlin)

8) Donne e scoregge scappano..anche se non vuoi. (Stefano Benni)

9) Tromba di culo, sanità di corpo. (Proverbio italiano)

10) Non ho mai sentito dire che le flatulenze determinino situazioni filosofiche. (Friedrich Nietzsche)

11) Se due persone sono in ascensore e una delle due scoreggia, tutte e due sanno chi è stato. (George Carlin)

12) La scoreggia è un diritto inalienabile scritto a caratteri cubitali sulla carta igienica dei diritti dell'uomo. (Dario Cassini)

13) La flatulenza da fave ingerite, secondo i Pitagorici, è provocata da spiriti di morti abitatori di questi legumi, che una volta entrati nel corpo tormentano chi le ha mangiate: di giorno con venti, di notte con incubi. L'incubo sarebbe come un vento non espulso, che circola internamente, facendo sbattere le persiane che proteggono l'anima addormentata. (Guido Ceronetti)

14) Ci sono giornate in cui l'unico momento di benessere finisce per essere una scoreggia. (Jean-Marc Reiser)

15) Le puzzette, diciamolo, sono un elemento di spicco, soprattutto nella vita di tanti maschi. Un valore aggiunto. Voi godete proprio. Vi vantate. Ridete. Fate le gare. Non c’è niente che vi faccia ridere di più di una puzzetta che rompe il muro del suono. Persino quell'intellettuale raffinato di Dante, essendo maschio, non ha resistito e nell'Inferno c’ha messo Barbariccia che del cul fece trombetta. (Luciana Littizzetto)

16) Mai confessare una scoreggia in pubblico. È una legge non scritta: il piú rigido tra i protocolli dell'etichetta americana. (Paul Auster)

17) Non dimentichiamo che anche Romeo e Giulietta ogni tanto scoreggiavano e si grattavano il culo. (Charles Simic)

18) C'è più talento nella più piccola delle mie scoregge che in tutto il tuo corpo. (Walter Matthau)

19) Durante un'intervista mi hanno chiesta quale sia il mio difetto peggiore e io risposi 'la flatulenza'. Ecco perché ho un ufficio tutto mio. (Dan Thompson)

20) La scoreggia non lo scoraggia! (Dal film Scemo & + Scemo 2)

21) Alla maggior parte della gente piace leggere la propria scrittura e annusare la puzza dei propri peti. (W.H. Auden)

22) La musica jazz è come una scoreggia: piace solo a chi la fa. (John Coltrane)

23) Mia moglie scoreggiava quando era nervosa. Aveva una serie di meravigliose debolezze. Aveva l'abitudine di scoreggiare nel sonno! [ridono] Scusa se ti racconto questa cosa. Una volta fu talmente forte che svegliò il cane! [ridono] Si svegliò anche lei e mi disse "sei stato tu?", e io "si", non ho avuto il coraggio. (Dal film Will Hunting - Genio ribelle)

24) Ed elli avea del cul fatto trombetta. (Dante Alighieri)

25) La vita è breve come la scoreggia di una farfalla. (Dal film Io, Beau Geste e la legione straniera)

26) Un uomo che scoreggia a letto è un uomo che ama la vita. (Muriel Barbery)

27) Anche voi uomini avete il pancione. Solo che voi partorite in forma gassosa! (Luciana Littizzetto)

28) I pesci sono gli esseri più sfortunati della terra. Ci avete mai pensato? Un pesce non puo' far finta di niente quando scoreggia. (Daniele Luttazzi)

29) Sposami e scoreggerai tra lenzuola di seta per il resto della tua vita. (Robert Mitchum)

30) Adoro il profumo di scoregge mattutine! (Dal film Dodgeball)

31)
Spesso... quando piangete...
nessuno nota le vostre lacrime...
Spesso... quando siete tristi...
nessuno nota la vostra infelicità...
Spesso... quando siete felici...
nessuno nota il vostro sorriso...
Ma provate a scoreggiare solo una volta...
(Flavio Oreglio)

32) Il cane non è un animale intelligente. Diffidate di un animale che si sorprende delle sue scoregge. (Frank Skinner)

33) Trattenere a forza i gas nell'intestino produce quattro inconvenienti: spasmi, idropsie, coliche e capogiri. (Regole Sanitarie Salernitane)

34) Cos'è la scoreggia? L'ultimo respiro di un fagiolo prima di volare in cielo. (Anonimo)

35) Il colmo per un petomane? Darsi un sacco di arie!

36) La verità talvolta è come una scoreggia: imbarazzante e inopportuna. (Anonimo)

37) Perché gli uomini scoreggiano più delle donne? Perché le donne non stanno zitte abbastanza a lungo da aumentare la pressione. (Anonimo)

38) Chi fa il peto più grosso del culo si caca addosso. (Proverbio)

39) La vita è come una scoreggia, non conta il rumore che fai, ma la scia che lasci dietro! (Salvatore Salvax Calabrese)

40) Le storie d'amore finite sono come le scoregge: speri di essertele lasciate alle spalle ma un loro ricordo aleggia sempre nell'aria. (MaxMangione, Twitter)

41) Le scoregge sono solo i fantasmi delle cose che mangiamo. (TweetComici, Twitter)

42) Un uomo non scrive poesie. Non assapora i silenzi, ma li rompe con delle scoregge. (TristeMietitore, Twitter)

43) Nelle scorregge c'è tutta la comicità che serve. (marcosalvati, Twitter)

44) Sto maturando davvero: adesso quando mi tirano il dito non mi viene più la scoreggia. (postofisso2012, Twitter)

45) La maturità di un uomo si misura da quanto alza la gamba mentre scoreggia. (robgere, Twitter)

46)
Annunci una scoreggia colossale e poi:

- Fallisce
- Piccinini urla NON VA!
- Delusione sugli spalti
- L'amico col fiammifero va via
(MaxMangione, Twitter)

47) Una scoreggia è come un bacio: è il preludio di qualcosa di più grande. (MaxMangione, Twitter)

48) Puoi avere una donna bellissima, una bella macchina ma lo sguardo di approvazione degli amici per una scoreggia ben fatta non ha paragoni. (Lux_n, Twitter)

49)
Benzina per andare da lei: 10€
Cinema: 15€
Cenetta romantica: 40€
Mollare quella scoreggia trattenuta tutta la sera, non ha prezzo.
(estenbandeado, Twitter)

50) Una storia d'amore non può definirsi intima finché lei non scoreggia davanti a lui. (Losca71, Twitter)

51)
- Donna che scoreggia: conseguenza imbarazzante della digestione, schifo.
- Uomo che scoreggia: divertimento, espressione di sé, modo per legare con i propri simili.

52) Quel momento imbarazzante in cui fai un rumore che sembra una scoreggia, ma non lo era e allora lo fai più volte per farlo capire. (TweetComici, Twitter)

53) Trattenere chi vuole andarsene è come trattenere una scoreggia. Non serve a niente, se non a farti stare ancora peggio. (Masse78, Twitter)

54) Che poi il sesso non è altro che trattenere una scoreggia per una mezz'oretta. (manuela_reich, Twitter)

55) Se il tuo ragazzo scoreggia e non ti fa annusare la puzza non ti ama davvero. (estenbandeado, Twitter)

56) Sono uno di quei romanticoni che quando scoreggia davanti ad una signorina dice "Love is in the air". Lo so, rimangono pochi uomini come me. (estenbandeado, Twitter)

57) Nessuno parla dei veri problemi della vita, ad esempio quando ti scappa una scoreggia al lavoro. (Pao_LOST, Twitter)

58)
- Papà, papà, papà, dimmi le scoregge pesano?
- No, Pierino!!
- Allora mi sono cagato addosso.
(Barzelletta)
Continua a leggere »

Che è o Che sia: come si scrive?


In italiano, soprattutto nella forma parlata, il modo congiuntivo è spesso dimenticato o usato impropriamente. Il congiuntivo è il modo che indica la parte individuale del compimento di un'azione, esprimendone l'irrealtà, il desiderio di portarla a termine o il dubbio che essa possa realizzarsi. Diversamente dal modo indicativo, che ci mostra qualcosa che accade con certezza, il modo congiuntivo è il modo del "dubbio".


Probabilmente è con il verbo essere che si commettono il maggior numero di errori con il congiuntivo, perché essere ed avere sono i due verbi di servizio più importanti nella lingua italiana. In questa pagina andremo a vedere quando scrivere "che è" (indicativo) e "che sia" (congiuntivo).


Che è

Con "che è" s'intende la terza persona singolare del modo indicativo, tempo presente, oppure la terza persona singolare del passato prossimo quando è seguito da un verbo. Va utilizzato quando parliamo di qualcosa che è reale o che pensiamo come tale.


Esempio:
  • Ridi che è gratis.
  • La storia dell'uomo che è partito per lo spazio.
  • Fai uscire il coraggio che è in te.



Che sia

In generale, il congiuntivo si usa quando si esprime un'azione o uno stato non come reali ma come possibili, supposti, temuti o desiderati. Ovvero nelle frasi subordinate che dipendono da verbi che esprimono OPINIONE (penso che sia... - credo che sia...) DESIDERIO (voglio che sia... - preferisco che sia... -spero che sia...) DUBBIO (dubito che sia...).


Esempio
  • Sembra che sia necessario intervenire.
  • È facile che sia lui a vincere.
  • Peccato che sia troppo distante.
  • Che la forza sia con te.

Lo stesso dubbio si presenta pure per il verbo esistere: Si scrive che esiste o che esista?
Continua a leggere »

Si scrive Che esiste o Che esista? Che esistono o Che esistano?



Il verbo esistere è molto utilizzato nella lingua italiana, tra l'altro ha due usi: indicare qualcosa che fa parte delle cose reali (es. Dio esiste) e indicare qualcosa di noto, reperibile, che sussiste (es. esistono prove di quanto affermo).


Il quesito di questo articolo non è trai più semplici perché "esiste" è la terza persona singolare del modo indicativo, tempo presente, mentre "esista" è la terza persona singolare del modo congiuntivo, tempo presente. Questo sta a significare che presi singolarmente sono entrambi corretti, sarà il senso che si vuole dare alla frase a stabilire se usare l'uno o l'altro. Stesso discorso vale anche per "esistono" ed "esistano", l'unica cosa che cambia è che sono la terza persona plurale dei rispettivi modi verbali.

Il congiuntivo, è un modo che esprime possibilità o dubbio, desiderio o timore, quindi spesso si tende a sostituirlo con l'indicativo sia per tentare di "semplificare" la frase, sia perché usando l'indicativo si ha l'impressione di eliminare la sfumatura di dubbio/desiderio apportata dal congiuntivo.

In generale, l'indicativo, che è anche detto modo della realtà, ha la funzione di indicare un evento o situazione non condizionata da incertezze. Il congiuntivo si usa nelle frasi subordinate che dipendono da verbi che esprimono OPINIONE (penso che ... - credo che...), DESIDERIO (voglio che... - preferisco che... - spero che...) DUBBIO (dubito che... - si dice che...).


Esempio

L'importante è che io sappia che esiste.
L'importante è che io sappia che esistono.
In questo caso l'indicativo dà l'idea di un fatto certo. Se si dice "sappia" significa che si è certi della sua/loro esistenza.


L'importante è che io non sappia se esista.
L'importante è che io non sappia se esistano.
In questo caso il congiuntivo dà l'idea di un fatto incerto. Se si dice "non sappia" significa che si è dubbiosi della sua/loro esistenza.
Continua a leggere »

Collutorio o Colluttorio: come si scrive?


Forse non tutti sanno che la forma corretta è collutorio.  La parola, infatti, deriva dal latino collùtus, con una sola t, a sua volta da collùere, ovvero "sciacquare".


Infatti l'uso comune è quello di usarlo per risciacquarsi e, solo dopo la spazzolatura, agitando la soluzione nella bocca o effettuando i gargarismi per circa 30 secondi e poi sputando il liquido.

La forma errata "colluttorio", fino a qualche anno fa veniva usata nella pubblicità dei prodotti farmaceutici, mentre ora continua a essere molto diffusa nei motori di ricerca. Ma alcuni dizionari importanti come il DeMauro la riportano come variante, probabilmente perché l'errore è talmente diffuso che tra insegnarlo a scuola e modificare i vocabolari stanno optando per questa seconda ipotesi.

Scrivere quindi collutorio al posto di colluttorio è un buon modo per iniziare ad eliminare non solo i batteri ma anche gli errori.
Continua a leggere »

Frasi su Babbo Natale


Babbo Natale, Santa Claus, San Nicola, Saint Nicholas o Nick e, con altri nomi con cui viene chiamato, esiste solo per la gente che crede in lui, come esistono l'amore, i pensieri, la fantasia e tante altre cose stupende ed emozionanti.
La storia del paffutello Babbo Natale, comincia in realtà con la vita e le opere di San Nicola di Bari, nato intorno al 270 d.C. e vissuto probabilmente per una settantina d’anni. In particolare, due episodi legati alla vita di questo Santo hanno contribuito in maniera fondamentale ai primi fondamenti della leggenda: due storie diverse che hanno in comune dei doni per coinvolgere le famiglie di una regione fredda (Myra) ad andare in chiesa, a cominciare dai bambini e, quello dell'aiuto economico alla famiglia di un pover'uomo le cui figlie poterono andare in spose anziché prostituirsi. Si racconta anche che ritrovò e riportò in vita cinque fanciulli, rapiti ed uccisi da un oste, e che per questo è ritenuto un santo benefattore e protettore, specialmente dei bambini.

In questa pagina trovate una raccolta di frasi, aforismi, citazioni e battute divertenti su Babbo Natale, è una figura presente in molte culture che distribuisce i doni ai bambini, di solito la sera della vigilia di Natale.

1) Babbo Natale ha avuto una brillante idea: andare a trovare la gente una volta all’anno. (Victor Borge)

2) Sono stato in un negozio di giocattoli e ho capito perché le letterine a Babbo Natale iniziano tutte con "Caro". (Ty_il_nano, Twitter)

3) Babbo Natale era buono, ma una renna mi è rimasta incastrata tra i denti. (Đorđe Otašević)

4) Per regalo non chiedete a Babbo Natale di portarvi qualcosa. Chiedetegli piuttosto di portarsi via qualcuno. (Ellekappa)

5) Quando si entra in un ufficio postale e si vede come i dipendenti delle Poste trattano i pacchi, si comprende meglio perché Babbo Natale ci tenga a portare personalmente i suoi regali. (Marie LYse Aston)

6) Un uomo che può frustare delle piccole renne è capace di tutto. (Kurt Vonnegut)

7) L’adulto non crede a Babbo Natale. Ma lo vota. (Pierre Desproges)

8) Lavoro solo un giorno all’anno OHOHOHOH. Ma gli altri 364 giorni mi tocca passarli con la Befana! (Babbo25, Twitter)

9) Caro Babbo Natale, se vuoi ti preparo la vasca e la riempio di schiuma. Da che ti conosco hai sempre lo stesso vestito e in più vai in giro con sei renne… non profumerai certo di mughetto. Sotto le ascelle mi sa che ti cresce il muschio da mettere nel presepe. (Luciana Littizzetto)

10) Eravamo così poveri che a Natale il mio vecchio usciva di casa, sparava un colpo di pistola in aria, poi rientrava in casa e diceva: spiacente ma Babbo Natale si è suicidato. (Jack La Motta)

11) Da piccolo credevi a Babbo Natale, e adesso credi in Dio. (Ingmar Bergmain)

12) Ho smesso di credere a Babbo Natale quando avevo sei anni. Mia madre mi portò a vederlo in un grande magazzino e lui mi chiese l’autografo. (Shirley Temple)

13) "Per prima cosa lei deve credere in sé stesso!" ~ Lo psicologo di Babbo Natale. (Nonciclopedia, Twitter)

14) Babbo Natale ce l’ha con me. Da piccolo invece dei regali mi lasciava un biglietto con su scritto: “Non esisto”. (Daniele Luttazzi)

15)
Filastrocca di Natale
Affaticato come ogni anno è arrivato il nostro Babbo
con renne e campanelli e stelle di Natale
scende dai camini aggrappandosi qua e là
porta in sacco regalini
per tutti i suoi bambini.
(Angela Randisi)

16) Caro Babbo Natale, quest’anno sono stata bravissima. Ok… forse non sempre. Qualche volta… Raramente… Aaah lascia stare, me lo compro da sola. (Anonimo)

17)
Il Babbo Natale che si arrampica simboleggia:
1) le festività
2) lo sforzo fisico necessario per perdere i chili guadagnati nelle festività
(IdeeXscrittori, Twitter)

18) Caro Babbo Natale, facciamo che quest'anno non mi regali la solita delusione incartata nella gioia. (diodeglizilla, Twitter)

19)
-Cosa chiedi a Babbo Natale?
-L'estate.
(Masse78, Twitter)

20) Credo fortissimamente in me stesso, a Babbo Natale e al Topino dei Denti. (robgere, Twitter)

21)
-Cosa ti ha portato Babbo Natale?
-La pancia.
(Masse78, Twitter)

22) Pazzesco, Babbo Natale mi ha fatto trovare sotto l'albero esattamente quello che io avevo comprato! ALLORA ESISTE!!! (MaxMangione, Twitter)

23) Forse i nostri problemi sono cominciati quando abbiamo smesso di credere a Babbo Natale e abbiamo cominciato a credere nelle persone. (AlbertHofman72, Twitter)

24) Natale è un giorno importante per tanti bambini per imparare una grande lezione di vita. Babbo Natale vuole più bene ai bambini ricchi. (pellescura, Twitter)

25) Ho scritto a babbo natale ma ancora non è arrivata nemmeno la doppia spunta. (postofisso2012, Twitter)

26) Il bambino che c'è in me vorrebbe credere a babbo natale, ma il grande che c'è in me gli mostra gli scontrini dei regali e si convince. (postofisso2012, Twitter)

27) Diciamolo, Babbo Natale è come l’ex. Ti convinci che non esiste, ma poi ti manca. (marcosalvati, Twitter)

28) No figlio mio, Babbo Natale non esiste e quelli appesi ai balconi sono bimbi lasciati agonizzare al gelo perché hanno fatto troppe domande. (robgere, Twitter)

29) Si stava meglio quando l’unica preoccupazione era se Babbo Natale riuscisse o meno a decifrare la grafia della letterina. (RubinoMauro, Twitter)

30) Una volta fui così cattivo che scrissi la letterina a Babbo Natale coi ritagli di giornale per non farmi riconoscere. (m4gny, Twitter)

31) Babbo Natale è come il destino. Non esiste eppure si prende tutti i meriti. (Nicolabrunialti, Twitter)

32) E se invece di chiedere a Babbo Natale di portarci qualcosa, chiedessimo di levarci qualcosa? Tipo chili di troppo e rompicoglioni. (Vladinho77, Twitter)

33) Al primo cappello da Babbo Natale nella foto profilo l'ordine è di sparare a vista. Ripeto. L'ordine è di sparare a vista. (FranAltomare, Twitter)

34) Mi ricordo del giorno in cui mamma e papà mi hanno detto che Babbo Natale non esiste. Sono arrivato in ufficio che ancora piangevo. (diodeglizilla, Twitter)

35)
Bambini che scrivono:
A 6 anni: Ti amo.
A 9 anni: Sposiamoci.
A 11 anni: Facciamo un figlio.

Io a 12 anni scrivevo ancora a Babbo Natale.
(Masse78, Twitter)

36)
-Nasci
-Credi a Babbo Natale
-Smetti di credere a Babbo Natale
-Devi vestirti da Babbo Natale
-Inizi ad assomigliare a Babbo Natale
-Muori
(matteograndi, Twitter)

37) Quel momento imbarazzante in cui trovi il vestito rosso in camera dei tuoi genitori e finalmente capisci tutto. Babbo Natale si fa tua madre. (matteograndi, Twitter)

38) Avevo chiesto a babbo natale una donna bella intelligente e silenziosa. Oggi sotto l'albero c'era il biglietto "faccio regali mica miracoli". (postofisso2012, Twitter)

39) Pensavo che Babbo Natale non mi portasse nulla, invece questa mattina mi sono ritrovato 2kg in più. (RubinoMauro, Twitter)

40) Potremo ricevere il regalo più costoso e desiderato.Ma non saremo mai felici come quella volta che Babbo Natale ci portò la prima bicicletta. (marcosalvati, Twitter)

41) Babbo Natale non esiste, ma quella bugia lascia qualcosa di magico nel cuore. (istintomaximo, Twitter)

42) E se non vedete più Babbo Natale è solo perché avete smesso di guardare il mondo con gli occhi di un bambino. (emituitt, Twitter)

43) Forse babbo natale non esiste, ma i sorrisi dei bambini che ci credono sì. (postofisso2012, Twitter)

44) Da piccoli credevamo a Babbo Natale e da grandi crediamo all'amore. Non è cambiato proprio niente. (rosafantasia, Twitter)

45) Sono così cattivo che ho mandato la letterina a Babbo Natale con spese di spedizione a suo carico. (RudyZerbi, Twitter)

46) Caro Babbo Natale, quest'anno vorrei che mi portassi... Che mi portassi via. Ecco. Basterebbe questo. Grazie. (Comeprincipe, Twitter)

47)
-Karo Babbo Natale, quest'anno ke kosa mi porti?
-La C.
(Masse78, Twitter)

48) Il trauma più grosso non l'ho avuto quando ho scoperto che babbo natale non esisteva, ma quando ho scoperto che esistevano tante befane. (postofisso2012, Twitter)

49) Ero in negozio e c'era Babbo Natale, poi vado in Piazza ed era anche lì. Così ho scoperto la verità: le renne son più veloci delle macchine. (Zziagenio78, Twitter)

50) A.A.A cercasi bambino buono come prestanome per lettera a Babbo Natale. (RubinoMauro, Twitter)

51) Babbo Natale esiste, ma è a spassarsela in un’isola del pacifico insieme a Elvis e Lennon. (postofisso2012, Twitter)

52) Aspetto ancora i regali che avevo chiesto nella letterina del 1991, 1992 e 1993 ma non mollo, forse Babbo Natale viaggia con Trenitalia. (albertosorge, Twitter)

53) Come sarebbe a dire che nemmeno quest'anno hanno trovato la cura per quelli che appendono i Babbi natale sul tetto? (dbric511, Twitter)

54) Caro Babbo Natale, lascia una bicicletta nuova sotto l'albero e ti darò l'antidoto al veleno che ho messo nel latte. (Lettera cattiva a Babbo Natale)

55) Se un uomo vestito di rosso con una barba bianca ti mette in un sacco e ti rapisce... Non aver paura, qualcuno ha chiesto un TESORO per Natale! (Anonimo)

56) Scusa Babbo Natale, facciamo che quest'anno tu mi porti i soldi e poi il regalo me lo faccio da me. (Masse78, Twitter)

57)
- Papà, dove abita Babbo Natale?
- In una città della Finlandia chiamata Amazon.
(postofisso2012, Twitter)

58) Volevo dire a Babbo Natale di non portarmi nulla. Vado a prendermelo io. (istintomaximo, Twitter)

59) Il Babbo Natale che si arrampica simboleggia lo sforzo fisico necessario per perdere i chili guadagnati nelle festività. (IdeeXscrittori, Twitter)

60) Se barba e capelli bianchi sono simbolo di saggezza, non si capisce come mai Babbo Natale continui a portarmi solo maglioncini con i rombi. (diodeglizilla, Twitter)

61) Caro Babbo Natale, ti avevo chiesto di regalarmi qualche cm in più. Non intendevo sulle cosce. (MagFra9, Twitter)

62) Da quello che vedo Babbo Natale non mi ha portato nulla perché ha speso tutti i soldi per comprare iPhone agli altri. (RubinoMauro, Twitter)

63) Qualcuno ha già chiesto a Babbo Natale la pace nel mondo? Così non ci accavalliamo e chiedo qualcosa per me. (frandiben. Twitter)

64) Caro Babbo Natale, facciamo che quest'anno non mi regali la solita delusione incartata nella gioia. (diodeglizilla, Twitter)
Continua a leggere »

Frasi sul presepe di Natale



Il presepe è, insieme all'albero di Natale, uno dei simboli natalizi per eccellenza. Rappresenta la natività e l'adorazione dei Magi e viene realizzato in tanti modi diversi in tutto il mondo. La parola presepe deriva dal latino praesaepe che vuol dire mangiatoia, il centro appunto della composizione e delle rappresentazioni, in cui si posizionano secondo la tradizione, Maria, Giuseppe, il bambinello insieme all'asino e al bue.
Fu San Francesco d’Assisi a voler rappresentare in modo realistico la Nascita di Gesù. Lo fece soprattutto a beneficio di tutti quei cristiani che, essendo analfabeti, non potevano leggere il Nuovo Testamento e in particolare i brani relativi a quell’evento così importante. Era il dicembre del 1223 ed ora si trova conservato nella Basilica di Santo Stefano a Bologna.

In questa pagina trovate una raccolta di frasi, aforismi, citazioni e battute divertenti sul presepe, da dedicare a coloro che ogni anno riescono a trovare il tempo di realizzarne uno pur avendo personaggi semidistrutti e poco materiale a disposizione.


1) L’albero di Natale è bello solo quando è finito e quando si possono accendere le luci, il presepe invece no, il presepe è bello quando lo fai o addirittura quando lo pensi. (Luciano De Crescenzo)

2) L’alberista si serve per vivere di una scala di valori completamente diversa da quella del presepista. Il primo tiene in gran conto la Forma, il Denaro e il Potere; il secondo invece pone ai primi posti l’Amore e la Poesia. (Luciano De Crescenzo)

3) Quella maggioranza che vede nel Natale una sciocchezza e nel presepe una commedia infantile, non si rende conto di quale enorme difesa di fronte alla stanchezza della vita, alle abitudini, ai tedi, alle fatiche, essa privi il bambino, e col bambino l'uomo. (Emanuele Samek Lodovici)

4)
Prima prendi un asinello
tanta biada e un vitello,
un bambino piccolino
la sua mamma con il babbo lì vicino,
una stella sulla capanna e
ssss… tanto silenzio per un bimbo che fa la nanna.
Tanta musica divina dalla sera alla mattina
e per finire:
giù dal ciel, felicità e neve fioccan giù,
come sale e pepe, ecco fatto un bel presepe.
(Ricettina del Buon Natale)


5) L'umanità si divide in due razze: gli "alberisti" e i "presepisti", a seconda se a Natale preferiscono fare l'albero o il presepe. Gli alberisti antepongono l'avere all'essere. A loro piace la ricchezza, e più sono ricchi più belli sono i loro alberi. Il presepe, invece, presuppone il sentimento. Lo si progetta nel corso dell'anno e ci si affeziona ai singoli pastori. Una pallina colorata che si rompe la si butta, un pastore, invece, non lo si butta mai. Se gli si rompe una gamba lo si nasconde dietro un cespuglio. Noi, a Napoli, avevamo un pastore soprannominato Pasqualino Passaguai a cui era rimasta solo la testa, ma zio Alfonso lo utilizzava lo stesso e gli faceva fare capolino da una finestrella. Nel presepe avevamo anche il cosiddetto "pastore della meraviglia". Aveva la faccia stupita e le braccia spalancate perché aveva appena visto una cometa attraversare il cielo. Sul suo viso era possibile leggere lo stupore e la felicità. Si dice che quando nacque Gesù i fiocchi di neve, per soli cinque secondi, si fermarono a metà strada tra il cielo e la terra. (Luciano De Crescenzo)

6) Gli esseri umani si dividono in presepisti ed alberisti e questa è una conseguenza della suddivisione del mondo in mondo d’amore e mondo di libertà. [...] La suddivisione in presepisti ed alberisti è tanto importante che, secondo me, dovrebbe comparire sui documenti d’identità come il sesso ed il gruppo sanguigno. E già per forza, perché altrimenti un povero dio rischierebbe di scoprire solo a matrimonio avvenuto di essersi unito con un cristiano di tendenze natalizie diverse. (Luciano De Crescenzo)

7) La Corte Suprema ha stabilito che non si può allestire un presepe pubblico a Washington. Non per motivi religiosi, ma perché non riuscivano a trovare tre uomini saggi e una vergine. (Jay Leno)

8) C'è chi farà l'albero di Natale, chi metterà luci ovunque, chi farà il presepe. Loro tornano bambini e chi li sfotte resta un adulto triste. (pea_terrible, Twitter)

9) Il piccolo Gesù si alzò dalla mangiatoia e, vedendo tutte quelle pecore, disse: “Tanto non dormo”. (Flavio Oreglio)

10) Nel presepe di Dio, Maria fa le pernacchie sul pancino a Gesù e le sue risate si sentono in tutto il mondo. (lddio, Twitter)

11) Per addormentarmi contavo le pecorelle del Presepe ma il pastorello ha cominciato a guardarmi male pensando che le volessi rubare. (RubinoMauro, Twitter)

12) Devo decidere se mettere subito Gesù bambino nel presepe, oppure aspettare e tenermi una folla inquietante che fissa una mangiatoia vuota. (mixmic76, Twitter)

13) Il mio è un presepe moderno. C'è il fabbro che se vuoi ti fa senza fattura e il fornaio che ha pure qualcosa per i celiaci. (diegoilmaestro, Twitter)

14) Ho fatto un presepe talmente preciso che c'è pure la statuina dell'ispettore dell'OMS che controlla che tutti gli animali siano carne bianca. (diegoilmaestro, Twitter)

15) L’8 dicembre primarie, per decidere se fare il presepe o l’albero. (ubimaggio, Twitter)

16) Scusate è il primo anno che faccio il presepe da solo e non ho gli agganci giusti per procurarmi il muschio. (Tremenoventi, Twitter)

17) Sono favorevole all'eutanasia del presepe vivente. (ilmarziano1, Twitter)

18) Non faccio mai il presepe perché ogni volta che tiro fuori le pecore dallo scatolone m’addormento. (Zziagenio78, Twitter)

19)  I pastori del mio presepe sono in fila con gli smartphone in mano per farsi a turno una selfie con Gesù bambino. (Rubinomauro, Twitter)

20) Sono giunto alla conclusione che le statuine del presepe nello scatolone prendono vita e passano l’anno a intrecciarmi le lucine di Natale. (diegoilmaestro, Twitter)

21) Non riusciamo a far stare in piedi le statuine del presepe, figuriamoci una relazione. (dbric511, Twitter)

22) Ho messo un crocifisso nel presepe. Adoro spoilerare. (arcobalengo, Twitter)

23) Ho dato un'occhiata al presepe e Maria è già magrissima come tutte le dive, nel prossimo numero di Vanity Fair il suo segreto in esclusiva. (Pao_LOST, Twitter)

24) Beati coloro che si accontentano, perché loro è il regno della carta stagnola azzurra con le stelline del presepe. (marcosalvati, Twitter)

25) FERMI TUTTI, il Natale è spostato a data da destinarsi finché non mi spiegate perché il 25 Dicembre nel presepe son vestiti così leggeri. (Zziagenio78, Twitter)

26) Nel presepe ho messo un leone, sei tigri e due gazzelle. Per questo Natale la canzone ufficiale, a casa mia, sarà Jungle Bells. (egyzia, Twitter)

27)
-"Cosa fai lì immobile da ore?"
-"Presepe vivente"
-"Ma sul divano?"
-"CI SARÀ UN PASTORE CHE RIPOSA NO???"
(Zziagenio78, Twitter)

28) Il presepe oggi sarebbe più credibile se al posto dell'oro, incenso e mirra, i re Magi portassero: iPhone, caricabatterie e giga illimitati. (Masse78, Twitter)

29)
- Di cosa ti occupi?
- Sono un event planner specializzato in static placement di personaggi in costume
- Sarebbe?
- Sto facendo il presepe
(FranAltomare, Twitter)

30) Ho deciso di dare un tocco di colore al mio Natale. Nel presepe, quest'anno, metterò il blue e l'asinello. (egyzia, Twitter)

31) Se vuoi insegnare il senso civico a tuo figlio, quest'anno lascia il presepe a metà e chiudilo per appalti truccati. (chetetuitti, Twitter)

32) Per rendere realistico il mio presepe tra il fornaio che sta chiudendo e il mugnaio che non paga i dipendenti ci metto una sede Equitalia. (luilla_, Twitter)

33) Perché smontate il presepe? Nella Bibbia c’è forse scritto che Gesù fece il resto dell’anno in uno scatolone? (Zziagenio78, Twitter)

34) Nel presepe di Dio, Giuseppe lascia una recensione su Tripadvisor. "B&B Grotta Betlemme, rustico accogliente, ma pessimo riscaldamento". (Iddio, Twitter)

35) A casa mia fa così freddo che nel Presepe devo mettere due Buoi e due Asinelli altrimenti Gesù bambino stavolta non ce la fa. (Zziagenio78, Twitter)

36) Mia madre ha fatto un presepe così brutto che Giuseppe ieri se n’è andato a comprare le sigarette e non è ancora tornato. (Tremenoventi, Twitter)

37) Un pensiero al pastore sfigato del presepe con la gamba storta che ogni anno cade di faccia sopra il muschio. UNO DI NOI! (dbric511, Twitter)

38) Mia nonna ha fatto un presepe talmente grande, che per trovare i Re Magi ho dovuto usare Google Earth. (RudyZerbi, Twitter)

39) Nel mio presepe ci sono troppe pecore ma non ho voglia di toglierle. Metto un lupo. (Zziagenio78, Twitter)

40) A casa mia lo mettiamo subito perché sbatty aggiungerlo, ma c'è gente che mette Gesù il 25 e i re magi a gennaio tipo presepe in live action. (Pao_LOST, Twitter)

41) Appena ho messo nel presepe la statuina del Re Magio nero, i pastori hanno cominciato a gridare «I RE MAGI AIUTIAMOLI A CASA LORO!». (diegoilmaestro, Twitter)

42) Nel presepe di Dio, i Re Magi fanno le faccine matte al piccolo Gesù, che guarda in alto e dice "Padre mio, perché mi hai abbandonato?". (Iddio, Twitter)

43) Nel presepe di Dio, Giuseppe si incazza quando i Re Magi gli fanno notare che Gesù non gli somiglia affatto. (Iddio, Twitter)
Continua a leggere »