Giuseppe Ungaretti: Allegria di naufragi


La vita appare come un continuo “andare alla deriva”, un continuo naufragare di sogni, di illusioni, di progetti, ma anche un continuo tornare alla vita attraverso il riproporsi di sempre nuove illusioni e speranze: ricordiamo i versi di Allegria di naufragi: “E subito riprende il viaggio/dopo il naufragio/ un superstite/lupo di mare”.

Testo: Allegria di naufragi
E subito riprende Il viaggio

Parafrasi: Allegria di naufragi
La lirica composta all'inizio del 1917, fu poi posta a inaugurare la serie intitolata Naufragi.

Analisi del testo: Allegria di naufragi
Ungaretti si riallaccia ai grandi temi della poesia di sempre con grande capacità di sintesi, motivata dal suo bisogno di giungere all'essenziale.

Commento: Allegria di naufragi
L' Allegria è una raccolta di poesie che consistono in enunciati scarni, fulminei, le pause sono segnate dai capoversi.

Figure retoriche: Allegria di naufragi
La breve poesia, scritta da Ungaretti, composta da 5 versi, “Allegria di naufraghi”, è la metafora delle mille difficoltà che qualsiasi persona può incontrare nel cammino della propria vita. 


Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".