Paesaggio - Ungaretti: analisi e commento


Appunto di letteratura riguardante la poesia "Paesaggio" di Giuseppe Ungaretti: testo, spiegazione, analisi del testo, figure retoriche e commento.

La poesia "Paesaggio" è stata scritta da Giuseppe Ungaretti nel 1920 e fa parte della raccolta Sentimento del tempo.


Testo

Mattina
Ha una corona di freschi pensieri,
Splende nell'acqua fiorita.

Meriggio
Le montagne si sono ridotte a deboli fiumi e
l’invadente deserto formicola d’impazienze e
anche il sonno turba e anche le statue si turbano.

Sera
Mentre infiammandosi s’avvede ch’è nuda, il
florido carnato nel mare fattosi verde bottiglia,
non è più madreperla.
Quel moto di vergogna delle cose svela per un momento,
dando ragione dell’umana malinconia,
il consumarsi senza fine di tutto.

Notte
Tutto si è esteso, si è attenuato, si è confuso.
Fischi di treni partiti.
Ecco appare, non essendoci più testimoni,
anche il mio vero viso, stanco e deluso.



Analisi del testo

La Metrica: versi liberi, quasi una prosa rimata



Figure retoriche

Personificazione = "deserto...impaziente" (v. 6).

Personificazione = "le statue si turbano" (v. 7).

Iperbole = "il consumarsi senza fine di tutto" (v. 14).



Commento

Questa poesia scritta nel 1920 rappresenta la descrizione quasi impressionistica di un paesaggio in diversi momenti della giornata. Però, man mano che passa il tempo, il paesaggio diventa più triste (le forme e i colori si dissolvono) e, questi momenti della giornata vengono visti come dei momenti della vita che si consumano in una crescente malinconia. Finché al calare della notte, quando i rumori si allontanano e si rimane soli, l'uomo può mettere a nudo la sua stanchezza e la sua delusione.


Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".