La notte bella - Ungaretti: parafrasi, analisi e commento


Appunto di letteratura riguardante la poesia "La notte bella" di Giuseppe Ungaretti: testo, parafrasi, analisi del testo, figure retoriche e commento.

La poesia "La notte bella" è stata scritta da Giuseppe Ungaretti, porta l'indicazione "Devatachi, 24 agosto 1916" e fa parte della raccolta L'allegria.


Testo

Quale canto s'è levato stanotte
che intesse
di cristallina eco del cuore
le stelle

Quale festa sorgiva
di cuore a nozze

Sono stato
uno stagno di buio

Ora mordo
come un bambino la mammella
lo spazio

Ora sono ubriaco
d'universo



Parafrasi

Che canto si è alzato questa notte,
e l'eco del cuore - pura e stupenda come il cristallo - si è
intessuta (da quello stesso canto) con le stelle del cielo

Che festa per il cuore,
come una festa di nozze,
come acqua sorgiva

Io, che posso ben paragonarmi
a uno stagno buio (quale sono stato)

Ora assaporo lo spazio
come fa un bimbo con la mammella

Ora sono come ubriaco di questo infinito,
sono ebbro di universo.



Analisi del testo

Metrica: una sola strofa costituita da 13 versi di diversa lunghezza. È presente un endecasillabo al v. 1, un trisillabo al v. 4, e un settenario al v. 5.

Il poeta, con i caratteristici tratti ermetici, privi di punteggiatura, con versi brevi e amplissimi spazi tra un verso e l'altro, riesce a raffigurare l'infinita bellezza dell'universo, sin quasi a tuffarcisi dentro.



Figure retoriche

Enjambements = vv. 2-3; 3-4; 5-6; 7-8; 10-11; 12-13.

Iperbato = "che intesse di cristallina eco del cuore le stelle" (vv. 2-4).

Anafora = "Quale...Quale" (vv. 1-5).

Anafora = "Ora...Ora" (vv. 9-12).

Metafora = "di cuore a nozze" (v. 6).

Metafora = "uno stagno di buio" (v. 8).

Metafora = "sono ubriaco d'universo" (v. 12-13).

Similitudine = "come un bambino la mammella" (v. 10).



Commento

Veramente bella questa notte fatta di luce, di folgorazioni e di speranza.
In passato egli ha provato su di sé la splendida metafora dello "stagno buio" (statico e privo di luce), ed ora, quando si mette ad ascoltare il canto della notte, gli fa eco nel suo cuore e il suo suono rimbomba fino alle stelle. Si tratta di una sensazione straordinaria e irripetibile. Uno stato d'animo che non succede di avere spesso nella vita, che può cancellare in colpo solo sofferenza, tristezza e delusioni.
La condizione d'infelicità e di solitudine è riscattata dal canto stesso della notte verso le stelle: questo buio è salvifico, appagante, addirittura inebriante. Lo spazio che dovrebbe intimorire per la sua infinita grandezza, diventa invece "madre" (cioè pace interiore, come quella di un bimbo che riceve il latte dalla mammella). L'uomo (il poeta) è ora davvero in armonia con l'universo!


Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".