Mappa concettuale: Gustav Klimt



Gustav Klimt (1862-1918) è il massimo esponente della secessione viennese che dalla fine del 1800 opera a Monaco e Berlino, in Germania e, a Vienna, in Austria.

La secessione viennese è un'associazione di 19 pittori e architetti che si stacca dall'accademia di belle arti per unire le arti in un'opera d'arte totale, recuperando le tradizioni con l'uso di nuovi materiali come foglie e polvere d'oro, getti di colori violenti dopo l'incontro con i Fauves di Matisse. Ne fanno parte Gustav Klimt, Egon Schiele, Koloman Moser, Otto, Wagner, Joseph Maria, Olbrich e Josef Hoffmann.

Gustav Klimt celebra nelle sue opere i fasti dell'impero asburgico che crollerà subito dopo la morte di Klimt nel 1918.

Le sue opere risentono della scuola di ornato e decorazione, influenzate dall'arte bizantina di Ravenna che Klimt ammirò nei suoi viaggi così come dai temi dell'arte italiana del Rinascimento (es. Giuditta con uso di foglie d'oro).


Argomenti più cercati

Seguici su

     



© Scuolissima.com - appunti di scuola online! © 2022, diritti riservati di Andrea Sapuppo
P. IVA 05219230876

Policy Privacy - Cambia Impostazioni Cookies