Traduttore di dialetti online gratis


Stavo cercando un buon traduttore per le frasi in dialetto dall'italiano alla lingua originale di una determinata regione italiana, quando mi sono imbattuto in diverse discussioni che parlavano di un sito ottimo per tradurre che si chiamava SILO. Non mi sono meravigliato più di tanto ed infatti il link non era più funzionante dato che il dominio era pure in vendita. Ecco perché mi sono messo alla ricerca di un altro traduttore funzionante:

1) Dialettando: il suo funzionamento è di facile apprendimento, basta inserire la parola italiana e selezionare la regione verso cui volete il dialetto. L'unico difetto è che non traduce frasi intere ma solo parola per parola, e dato che è l'unico in Italia che dispone della funzione di traduzione diciamo che ci si può accontentare.

2) Globe: non è completo però sono presenti le traduzioni italiano-siciliano, italiano-sardo, italiano-napoletano e viceversa.

3) Lingojam: il seguente sito permette di creare facilmente un traduttore online. Anche chi non sa nulla di programmazione potrà crearne uno del suo dialetto, però occorre la conoscenza dell'inglese e avere molta pazienza.


Ma cos'è il dialetto? E come è nato?
Può capitare che una minoranza non sappia cosa sia e glielo spiegherò: il dialetto, come molti credono, non è una sotto-lingua, una derivazione nazionale, ma è una lingua autonoma, talvolta imparentata con quella ufficiale da un'origine comune.
Lingua nazionale e dialetto sono dunque lingue diverse che hanno avuto fortuna diversa. Nel nostro caso, il dialetto fiorentino ha avuto più fortuna degli altri dialetti ed è diventato la base della lingua nazionale. La fortuna del fiorentino è dovuto al fatto che nel Trecento Dante compose in quella lingua la Divina Commedia, Petrarca il Canzoniere e Boccaccio il Decameron, i primi tre grandi capolavori della nostra letteratura. E inoltre in fiorentino parlavano i banchieri e i commercianti che con i loro traffici lo diffusero in tutta l'Italia. Se la Divina Commedia, il Canzoniere e il Decameron fossero stati scritti, per esempio, in siciliano, alla base dell'italiano ci sarebbe il siciliano, e il fiorentino sarebbe ora un dialetto.
I dialetti sono quindi strumenti di comunicazione. Questa però offre la possibilità di comunicare con un numero molto maggiore di persone ed è quindi più considerata del dialetto.


Argomenti più cercati

Seguici su

     



© Scuolissima.com - appunti di scuola online! © 2022, diritti riservati di Andrea Sapuppo
P. IVA 05219230876

Policy Privacy - Cambia Impostazioni Cookies