Capitolo 12 I Promessi Sposi - Riassunto


Riassunto del dodicesimo capitolo (cap. XII) del romanzo I Promessi Sposi di Alessandro Manzoni.
L'assalto al forno delle grucce

Dove: a Milano.

Quando: la sera del 10 novembre e la mattina dell'11 novembre 1628.

Chi: Renzo, la folla, il capitano di giustizia.



Sintesi


L'analisi delle cause della carestia e dei provvedimenti delle autorità
Il capitolo inizia con una digressione di carattere storico che puntualizza le cause della carestia: i raccolti scarsi per motivi climatici; la guerra in corso per la successione del ducato di Mantova; il cronico malgoverno e politica rapace delle autorità. La penuria di grano produce il rincaro del pane, ma il popolo accusa invece i possessori di terre, gli incettatori, i fornai, ritenendoli responsabili della carestia e degli alti prezzi. In assenza del governatore, impegnato nella guerra, il suo vice, il gran cancelliere Antonio Ferrer, cede alle pressioni della folla e fissa d'autorità il prezzo del pane a un livello insostenibile in quei frangenti. I fornai sono costretti a produrre pane senza sosta, ma la situazione non può durare e infatti il pane viene nuovamente rincarato.


Le reazioni della folla e l'assalto al forno delle grucce
La gente reagisce con rabbia, riversandosi in piazza. La mattina dopo (siamo all'11 novembre) torna a invadere le strade. L'assalto alla gerla di un garzone dà il via al tumulto che sfocia nell'assalto al forno detto «delle grucce», saccheggiato nonostante l'intervento del capitano di giustizia e della forza pubblica. Due ragazzi sono uccisi dalle pietre che i fornai assediati lanciano dal tetto. Altri forni sono attaccati dalla folla, ma nessuno subisce la sorte di quello delle grucce.


Renzo arriva sul luogo del tumulto e segue la folla in piazza del Duomo e al Cordusio
Renzo arriva proprio a questo punto davanti al forno delle grucce. Si stupisce della devastazione, domandandosi dove si potrà fare il pane, se si distruggono i forni. Seguendo il flusso della folla, giunge in piazza del Duomo, dove i rivoltosi stanno facendo un falò degli attrezzi dei fornai. La folla si dirige poi al Cordusio, perché qualcuno dice che lì è stato posto l'assedio a un altro forno; in realtà, il forno è ben difeso e i pochi attaccanti stanno a distanza. Una voce si leva, allora, a incitare la folla a raggiungere la casa del vicario di provvisione, il magistrato che aveva decretato l'impopolare rincaro del pane.


LEGGI ANCHE: Analisi e commento 12 capitolo I Promessi Sposi


Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail.


© Scuolissima.com - appunti di scuola online! © 2021, diritti riservati di Andrea Sapuppo
P. IVA 05219230876

Policy Privacy - Cambia Impostazioni Cookies