Allegorie primo canto Inferno - Divina Commedia


Il canto I dell’Inferno fa da introduzione a tutto il poema (sappiamo che è composto di cento canti, trentatré per cantica: l’Inferno ne ha uno in più per spiegare la ragione del viaggio immaginario di Dante nell’oltretomba). In questo canto ci sono squarci poetici e stilistici notevoli che però non sono facilmente comprensibili e pertanto cercheremo di renderveli più chiari rispondendo alle domande che chiunque si porrebbe leggendo il testo.



1) Qual è il significato allegorico della «selva oscura»?
La selva oscura simboleggia il peccato che ottenebra la mente, uno stato di smarrimento in cui si corre il pericolo della perdizione (= danno irreparabile).


2) Cosa rappresenta allegoricamente la «diritta via?
La diritta via è l'avere fede, è la vita secondo gli insegnamenti cristiani, ovvero la strada giusta che bisogna intraprendere per poter arrivare a Dio.


3) Cosa rappresenta allegoricamente il «colle»?
Il colle illuminato dal sole rappresenta la luce di speranza che si accende nel cuore angosciato di Dante, una speranza di salvezza accentuata dall’«ora del tempo», il mattino, e dalla «dolce stagione», la primavera, la stagione del risveglio della natura e della risurrezione pasquale di Cristo. Ma la strada per arrivare alla salvezza è lunga, in salita e piena di ostacoli come le tre fiere.


4) Tre sono le fiere che sbarrano a Dante il cammino: quali sono? Ognuna ha un valore allegorico-politico e uno simbolico-morale: quale?
Le tre fiere, la lonza, il leone e la lupa, raffigurano i tre peccati che maggiormente avvincono l’umanità: la lussuria, la superbia e l’avarizia.

LUPA
Senso letterale: è un animale magro, agile e affamato;
Senso simbolico: l'avarizia;
Senso allegorico-politico: la Curia pontificia, in particolare Bonifacio VIII, avido di ricchezze.

LONZA
Senso letterale: fiera dal mantello screziato;
Senso simbolico: la lussuria;
Senso allegorico-politico: Firenze divisa in Bianchi e Neri.

LEONE
Senso letterale: fiera nota per la sua forza (da qui il simbolo);
Senso simbolico: la superbia;
Senso allegorico-politico: il regno di Francia.


5) Spiega la profezia del «veltro».
Il veltro è il nome antico dato a cani da inseguimento e da presa, simili agli attuali levrieri.
Il veltro, di cui Virgilio annuncia la venuta, raffigura colui che giungerà per redimere il genere umano e riportarlo ai valori eterni del bene e della giustizia sociale. Nel veltro si deve quindi vedere una forza capace di assumersi il compito di riformare la chiesa e di riportarla alle sue origini. Potrà essere un imperatore, che ristabilisca la netta separazione tra potere temporale e potere spirituale, o un pontefice che operi dall'interno il rinnovamento in senso evangelico degli istituti ecclesiastici.


6) Chi è Virgilio e qual è il suo significato allegorico?
La figura di Virgilio che viene in soccorso di Dante, spaurito, che dubita ormai della salvezza è la ragione che lo aiuta a uscire dall'intrico dei peccati per avviarlo sul sentiero della rettitudine spirituale e morale. Dante aveva una stima immensa di Virgilio e ne aveva studiato a fondo l’Eneide. Virgilio viene collocato nell'Inferno perché non avendo conosciuto Cristo non è battezzato.


LEGGI ANCHE: Figure retoriche Canto 1 Inferno



Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".