Cambiamento climatico: cos'è, cause e conseguenze


Appunto di geografia sul cambiamento climatico spiegato facile: di cosa si tratta, da cosa è causato e quali sono le conseguenza di questo problema.

Cambiamento climatico: definizione

In climatologia, con i termini cambiamento climatico o mutamento climatico si fa riferimento ai cambiamenti a lungo termine delle temperature e dei parametri ambientali (precipitazioni, nuvolosità, livello del mare ecc.). Quindi il clima è lo stato medio del tempo atmosferico in molti anni, invece il cambiamento climatico è un cambiamento di quelle condizioni medie. Questi cambiamenti possono essere naturali, ad esempio attraverso variazioni del ciclo solare, o causati dall'uomo.



Cambiamento climatico: cause

Dal 1800 ad oggi le attività umane sono state la principale causa del cambiamento climatico, che si servono della combustione di combustibili fossili come carbone, petrolio e gas. La combustione di combustibili fossili genera emissioni di gas serra che agiscono come una coperta avvolta intorno alla Terra, intrappolando il calore del sole e aumentando le temperature.

Alcuni esempi di emissioni di gas serra che stanno causando il cambiamento climatico sono: il biossido di carbonio e il metano: tra gli usi comuni vi sono quello della benzina per le auto e il carbone per riscaldare gli edifici. Anche il disboscamento di terreni e foreste può causare il rilascio di anidride carbonica, perché, durante la crescita, gli alberi catturano e sequestrano l'anidride carbonica presente nell'atmosfera. Le discariche per i rifiuti sono una delle principali fonti di emissioni di metano.

I principali responsabili delle emissioni di metano sono l'energia, l'industria, i trasporti, l'edilizia, l'agricoltura e l'uso del suolo.



Cambiamento climatico: conseguenze

E mentre si rimandano le soluzioni al problema, le emissioni continuano ad aumentare. Di conseguenza, la Terra è ora circa 1,1 °C più calda di quanto non fosse alla fine del 1800. E l'aumento della temperatura non significa solo che farà più caldo. Il clima della Terra è complesso: anche un piccolo aumento della temperatura media globale comporta grandi cambiamenti, con molti pericolosi effetti collaterali (il famoso effetto farfalla). Le conseguenze dei cambiamenti climatici sono la forte siccità, scarsità d'acqua, frequenti incendi, innalzamento del livello del mare, inondazioni, scioglimento dei ghiacci polari, tempeste catastrofiche e la perdita della biodiversità (il numero di specie animali e vegetali e le loro variazioni genetiche).

Il cambiamento climatico può influire sulla nostra salute, sulla capacità di coltivare cibo, sulle abitazioni, sulla sicurezza e sul lavoro. Alcune popolazioni sono già più vulnerabili agli impatti climatici, come coloro che vivono in piccole isole, lungo la costa e altri paesi in via di sviluppo. Condizioni come l'innalzamento del livello del mare fa sì che l'acqua salata penetra nell'entroterra bruciando le coltivazioni nei campi e danneggiando il settore agricolo: sono problemi attuali al punto che intere comunità hanno dovuto trasferirsi altrove per la situazione di pericolo e per la siccità prolungata che sta mettendo solide basi per un rischio di carestia. In futuro, il numero dei "rifugiati climatici" non può che aumentare.

Secondo i climatologi, non superare la soglia di 1,5 °C sarebbe sufficiente a evitare i peggiori impatti climatici e a mantenere un clima vivibile. Tuttavia, le loro previsioni sono che il riscaldamento globale raggiungerà i 7 °C entro la fine del secolo.

Le emissioni che causano il cambiamento climatico provengono da tutti i paesi del mondo, ma alcuni paesi sono responsabili molto più di altri. Tra i cinque paesi con le maggiori emissioni di metano vi sono: Cina, Russia, Stati Uniti, Iran e India. Tutti dovrebbero intervenire per combattere il cambiamento cimatico, ma le persone e i paesi che creano più problemi hanno una maggiore responsabilità di agire per primi.



Cambiamento climatico: soluzioni e rimedi

Sono molte le soluzioni ai cambiamenti climatici che possono anche offrire vantaggi economici e allo stesso tempo migliorare le nostre vite e proteggere l'ambiente. Per esempio il passaggio dai combustibili fossili alle fonti di energia rinnovabile, come il solare o l'eolico, sarà in grado di ridurre le emissioni che principalmente incidono sul cambiamento climatico. Ma questo passaggio deve avvenire immediatamente per mantenere il riscaldamento globale al di sotto di 1,5 °C, e non entro il 2050 come hanno stabilito la maggior parte dei Paesi che hanno preso parte alle conferenze sul clima.

L'adattamento alle conseguenze climatiche consentirebbe di mettere al sicuro le persone, le abitazioni, le imprese, i mezzi di sussistenza, le infrastrutture e gli ecosistemi naturali. L'adattamento sarà necessario ovunque, ma ora è necessario dare priorità ai Paesi più vulnerabili e con le minori risorse per far fronte ai rischi climatici. Il fatto è che si può iniziare a lavorare già da ora su questo problema, si sa anche come risolvere il problema, ma ciò richiede investimenti finanziari significativi da parte di governi e imprese in favore dei paesi in via di sviluppo (che nessuno vuole farsi carico), oppure si potrebbe aspettare e pagare in futuro, ma a caro prezzo (sia in termini economici sia in termini di vittime).

Data la portata del cambiamento climatico e il fatto che influenzerà molti settori della vita, anche i Paesi più sviluppati dovranno farsi trovare pronti all'impatto climatico. Ciò richiederà sforzi su larga scala, molti dei quali saranno gestiti dai governi. Potrebbe essere necessario costruire o adattare strade e ponti per resistere a temperature più elevate e tempeste più potenti. Alcune città costiere potrebbero dover stabilire sistemi per prevenire le inondazioni nelle strade e nei trasporti sotterranei. Le regioni montuose potrebbero dover trovare modi per limitare le frane e gli straripamenti delle acque (fiumi, torrenti) dovuto allo scioglimento dei ghiacciai.

Alcune comunità potrebbero persino aver bisogno di trasferirsi in nuove località perché sarà troppo difficile adattarsi. Questo sta già accadendo in alcuni paesi insulari che si trovano ad affrontare l'innalzamento del mare.


Argomenti più cercati

Seguici su

     



© Scuolissima.com - appunti di scuola online! © 2022, diritti riservati di Andrea Sapuppo
P. IVA 05219230876

Policy Privacy - Cambia Impostazioni Cookies