Di Giugno - Cenne da la Chitarra


Testo:

Di giugno siate in tal[e] campagnetta,
che ve sien[o] corbi ed argironcelli;
le chiane intorno senza caravelli:
entro nel mezzo v’abbia una isoletta,

de la qual esca sì forte venetta,
che mille parte faccia e ramicelli
d’aqua di solfo, e cotai gorgoncelli,
sì ch’ella adacqui ben tal contradetta.

Sorbi e pruni acerbi siano lìe,
nespole crude e cornie savorose;
le rughe sian fangose e stret[t]e vie;

le genti vi sian nere e gavinose,
e faccianvisi tante villanie,
che a Dio ed al mondo sïano noiose.


Parafrasi

In giugno, voglio che vi troviate in una campagnetta ricca di corvi e di piccoli aironi; e intorno paludi senza barchette per traghettare, e nel mezzo vi sia un'isoletta, da cui esca una vena d'acqua di zolfo che si divida in mille rivoli e formi canaletti limacciosi in modo da irrigare per bene quel dolce paese. E vi siano sorbi e pruni selvatici, nespole crude e corniole saporite; le strade siano viottoli stretti e fangosi; e la gente del luogo nera e scrofolosa, e che vi faccia tanti di quegli sgarbi, da renderli odiosi a Dio e agli uomini.

Commento

Sulla campagna di giugno volano corvi e aironi, vi scorrono acque sulfuree, i frutti sono acerbi e le genti nere, scrofolose e villane; la brigata di Cenne si aggira tristemente nella pianura malsana, che una palude circonda tutt'intorno. Così il giullare, con la sua chitarra, leva sino a Dio il gusto della contraddizione che fa sgradevoli e noiose tutte le cose e così si burla delle fantasie cortesi.


Argomenti più cercati

Seguici su

     



© Scuolissima.com - appunti di scuola online! © 2022, diritti riservati di Andrea Sapuppo
P. IVA 05219230876

Policy Privacy - Cambia Impostazioni Cookies