Differenza tra Tag e Categorie di un blog Wordpress


Scrivete sul vostro blog senza prendervi cura dell'aspetto SEO, mettendo i post pubblicati in alcune categorie senza un motivo ben preciso ed inserite una quantità di tag solo per poter posizionare al meglio quello che scrivete e poi vi lamentate che il vostro blog non si indicizza bene? Vi siete domandati come mai il blog copione si posiziona meglio di un blog che scrive contenuti originale? Il motivo è semplice perché il loro è ottimizzato ed usa le categorie ed i tag in modo intelligente! Volete imparare ad usarli anche voi e allora dedicatevi 5 minuti del vostro tempo e cercherò di farvi capire cosa sono e quali sono le differenze tra tag e categorie di Wordpress.



Per gestire i tag bisogna andare su Articoli > Tag
Per gestire le categorie bisogna andare su Articoli > Categorie

Esempi:

Immaginate che il vostro blog sia un libro di quelli belli ed enormi e che i post che pubblicate siano le singole pagine...
  • Le CATEGORIE si possono identificare come i capitoli del libro e solitamente racchiudono molte pagine e alcuni argomenti.
  • I TAG si possono identificare come i diversi argomenti presenti all'interno di un capitolo.

Facciamo un esempio ancora più elementare.
Blog = libro di storia
Categoria = Guerra.
Tag = 1° Guerra Mondiale, armi, trincea, sofferenza, Ungaretti.


Come potete notare dall'esempio il numero delle categorie sarà molto inferiore rispetto al numero dei tag e vi sono diversi motivi per cui si usa fare in questo modo e non viceversa.

La Scelta: TAG o CATEGORIE? Quale usare?

A questo punto vi potrebbe anche sorgere il dubbio su quale delle due utilizzare più spesso e quando usarli. Intanto bisogna precisare che sia Tag che le Categorie non fanno altro che riprendere i primi due righi dei post e quindi più queste iniziali di post vengono inseriti in Tag e Categorie e più scarsa sarà la vostra indicizzazione. L'ideale sarebbe non indicizzare né Tag né Categorie per ottenere un ottima indicizzazione dei singoli post, questo dovete farlo se siete solo agli inizi e con pochi post pubblicati. Quando i post inizieranno a farsi molti potete iniziare qualche macro-categorie per contenere un gran numero di post e poi usare diversi tag senza indicizzarli in questo modo potete cambiare il loro nome ogni qual volta che volete senza subire penalizzazioni oppure trasformarli in categorie o viceversa tramite il convertitore di Tag e Categorie. Comunque una categorie deve contenere almeno 30 post ed i tag almeno 5 altrimenti non vale la pena di usarli sia perché è penalizzante per posizionarsi nei risultati di ricerca sia perché un utente che cercherà per esempio informazioni sul tag Ingranaggi anziché trovare tante informazioni leggerà solamente l'anteprima dell'articolo appena letto ed abbandonerà immediatamente il vostro blog.

Lunghezza delle Parole

Per quanto riguarda le Categorie si è più propensi ad utilizzare anche più di una parola ma comunque non più di 3, mentre i tag solitamente sono parole singole tranne nei casi di termini che devono stare per forza insieme come "Google Plus". Si consiglia comunque di usare una solo parola sia per i Tag che per le categorie in modo che quando appaiono sotto o sopra al post pubblicato non lo riempiano di scritture. Ovviamente una sola parola non vi aiuterà a posizionarli per bene su Google ed è qui che entrano in gioco i plugin dedicati al SEO, tra i quali consiglio Wordpress SEO by Yoast, di cui ho già scritto una guida basilare, potete utilizzarlo per far apparire nei risultati di ricerca titoli di tag e categorie in modo più allungato rispetto a come appaiono sul vostro blog.

Velocizzare il blog

Quando scrivete un post, appare anche la lista delle categorie da spuntare per selezionarle e far comparire il post in quella determinata categoria, il che vuol dire che se usate più di 200 categorie la lista sarà molto lunga e quando aprirete una qualsiasi pagina dove appare l'elenco delle categorie come quella della scrittura dei post noterete dei rallentamenti rispetto a quando ne utilizzavate solo una decina. Per questa ragione si utilizzano i tag che invece dovete aggiungerli ai post manualmente e quindi pesano molto meno.

Differenza nella struttura

Tag e categorie sono diversi nella struttura del link per esempio la struttura delle categorie è:
http://www.nomeblog.it/category/NOME_CATEGORIA

Come potete notare presenta la parola category, di per sé non serve a nulla, anzi se rimosso il vostro link sarà più SEO Friendly, cioè più corto è e migliore sarà la vostra indicizzazione.

La struttura dei link dei tag è la seguente:
http://www.nomeblog.it/tag/NOME_TAG
La scritta tag è costì corta che togliendola il vantaggio sarà di gran lunga minore rispetto alle categorie.

Consiglio

Se siete ancora agli inizi e non volete commettere alcun errore che comporta una penalizzazione sui motori di ricerca per meta description duplicate dovrete prima di tutto installarvi il plugin SEO by Yoast in modo da non far indicizzare i tag (almeno non inizialmente con soli 3-4 post). Dato che per ogni post è obbligatorio assegnargli almeno una categoria cercate di assegnargliela nel modo più opportuno senza che vada fuori tema e che magari in prospettiva molto futura possa portarvi ulteriori visite. Ad esempio se parlate di ricette non potete assolutamente assegnargli la categoria robotica... Avete altri dubbi?


LEGGI ANCHE: Rimuovere le scritte "category" e "tag" dai permalink


Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail.