Scuolissima.com - Logo

Figure retoriche: Pianto antico, Carducci

di Giosue Carducci
Figure retoriche:



Un’anafora nella 3.a strofa: “tu” ripetuta nel primo e nel penultimo verso. l’anafora ricorre anche nell’ultima strofa, per ben due volte: “Sei ne la terra” per il primo e secondo verso, e “Né” nel penultimo e ultimo.
nella terza strofa si trovano due metafore: il poeta si identifica con una pianta, mentre rappresenta il figlio come l’unico fiore sbocciato sui suoi rami. Questo è un paragone istituito dal poeta fra sé e il bambino, da una parte, e l’albero dall’altra. Il melograno continua a rinverdire durante l’estate, mentre il bambino, paragonato ad un fiore non sboccerà più.
Infine, l’orto viene personificato attraverso gli attributi “muto” e “solingo”.
Questa poesia rappresenta l’enorme dolore del poeta per la perdita del figlio, che viene reso molto più acuto agli occhi del lettore attraverso le ripetizioni.
-metafore nei versi vv.9-10(tu fior de la mia pianta percossa e inaridita)
Quattro quartine di settenari in rima:(abbc-deec-fggc-hiic).



🧞 Continua a leggere su Scuolissima.com
Cerca appunti o informazioni su uno specifico argomento. Il nostro genio li troverà per te.




© Scuolissima.com - appunti di scuola online! © 2012 - 2024, diritti riservati di Andrea Sapuppo
P. IVA 05219230876

Policy Privacy - Cambia Impostazioni Cookies