Temi svolti: Adolescenza, crescere, diventare adulti


Tema di italiano riguardante la crescita di un individuo, il percorso che lo separa dall'essere considerato un adolescente fino a diventare un adulto.

Crescere significa emanciparsi dalla tutela e dalla guida dei genitori e conquistare un’autonomia dalla famiglia. A tuo parere la scuola, la società, la famiglia stessa aiutano i giovani a diventare adulti?


Tema svolto:
A mio parere un individuo viene considerato adulto solo una volta che ha raggiunto un'autonomia, cioè non essere dipendente dalla famiglia; l’età a cui ciò avviene può essere molto variabile, quasi mai i diciotto anni sono considerati la soglia dell’indipendenza, perché a quell’età spesso si frequenta ancora una scuola e non si è in grado di mantenersi da soli.
Nel percorso di crescita fino all’età adulta l’individuo viene influenzato da più fattori, a seconda della fascia di età.
Nei primi anni di vita dell’individuo, la famiglia, in particolare i genitori, insegnano al bambino comportamenti, atteggiamenti ed espressioni del linguaggio basilari per il suo futuro.
Successivamente l’istruzione e l’insegnamento, non solo da un punto di vista scolastico, passano alla scuola e a coloro che la compongono: insegnanti ed altri alunni; in questo ambiente il ragazzo inizia a instaurare le prime amicizie e a venire a contatto con nuove espressioni e nuovi comportamenti, che ne influenzeranno la crescita.
La fascia comprendente l’età adolescenziale, dai dodici ai diciassette - diciotto anni, è, a mio parere, il periodo nel quale i fattori esterni influiscono maggiormente la formazione della persona, questi fattori posso essere molteplici, tra i principali si possono distinguere: la società, intesa sia come amici che come mass media, la scuola e inoltre ritorna a farsi sentire, a volte in modo sbagliato, il fattore famiglia che non sempre aiuta l’individuo, pretenzioso di autonomia, a crescere, interessandosi troppo o troppo poco nei suoi confronti.
Nell’età adolescenziale i ragazzi fanno molte esperienze, le quali in un futuro potrebbero sì nuocergli ma anche aiutarlo a conoscere tutto quello che c’è da sapere sulla vita; in questo particolare periodo l’individuo inizia a creare una propria filosofia di vita un proprio modo di essere in relazione alle proprie esperienze, solo nel caso che il ragazzo imbocchi una strada di crescita profondamente sbagliata, la famiglia deve intervenire sull’educazione, non in modo radicale ma in modo dialogato, affinché il ragazzo capisca i propri errori in modo da non rifarli in futuro.
Le amicizie influenzano molto la crescita e il modo di pensare del giovane, frequentando compagnie diverse si possono ascoltare diversi punti di vista e diversi modi di vivere la vita.
La scuola, dal mio punto di vista, viene considerata solo come luogo di insegnamento, ma soprattutto come punto di incontro e di ritrovo dei diversi pensieri delle “culture” espresse da alunni e insegnanti.
In questa società ogni individuo deve creare un proprio modello che rispecchi il suo carattere e il suo pensiero, questo modello, tuttavia, viene comunque influenzato dai soliti fattori esterni cioè esperienze, famiglia, società, scuola, amicizie.


Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail.


© Scuolissima.com - appunti di scuola online! © 2021, diritti riservati di Andrea Sapuppo
P. IVA 05219230876

Policy Privacy - Cambia Impostazioni Cookies