Paradiso canto 23 - Riassunto


Appunto di letteratura italiana contenente il riassunto del ventitreesimo canto (canto XXIII) del Paradiso dantesco.
Beato Angelico, Incoronazione della Vergine, Firenze, Galleria degli Uffizi

Tempo: 13 aprile 1300, mercoledì dopo Pasqua

Luogo
: Cielo ottavo - stelle fisse

Intelligenze motrici: Cherubini

Personaggi
: Beatrice, Dante, la vergine Maria, l’arcangelo Gabriele

Spiriti beati
: Spiriti trionfanti.
Le schiere dei beati si presentano come migliaia di lucerne illuminate intensamente dalla luce che dall’alto scende su di loro direttamente da Gesù Cristo. Essi celebrano il trionfo della Vergine invocandola e cantandone le lodi, e la cima della loro fiamma si protende verso l’alto come per seguirla quando essa si eleva a raggiungere Cristo.



Sintesi

Trionfo di Cristo
Nell'attesa della visione di Cristo, preceduto dalla schiera dei beati dell'Empireo, Beatrice guarda estasiata verso la parte più alta della volta celeste, dove il sole sembra rallentare il suo moto. Il suo viso è luminoso e gli occhi pieni di gioia. Dante vede allora brillare la figura di Cristo che si innalza sui beati redenti con il suo sacrificio, inondandoli della sua luce, ma gli occhi del poeta non riescono a sostenerne lo splendore, e la mente, immergendosi in questa visione, non è in grado di ricordare: lo spirito ha travalicato i sensi, e di qui è nato l'oblio.


Inadeguatezza umana
Beatrice ritiene ormai Dante capace di sostenere la vista del suo viso, perciò lo invita ad aprire gli occhi e a guardarla, ma Dante rimane abbagliato e sente le sue forze incapaci di descrivere la luminosità dell'amata. Beatrice allora lo esorta a rivolgere l'attenzione verso gli spiriti inondati dalla luce di Cristo, tra i quali ci sono la Vergine e gli Apostoli. Dante affronta la nuova visione sottoponendo a uno sforzo supremo i propri occhi, ma, pur vedendo la schiera dei beati illuminata dalla luce abbagliante, non riesce a individuare la figura di Cristo.


Trionfo di Maria
L'attenzione del poeta viene attratta allora dalla Vergine, luminosa più di tutti gli altri spiriti, sul cui capo ruota a forma di corona l'angelo Gabriele, che ne canta le lodi con melodia dolcissima, accompagnata dal grido del nome Maria, innalzato dalla schiera dei beati. Circondata dalla corona angelica, la Vergine ascende al Primo Mobile seguendo suo Figlio, ma gli occhi di Dante, a causa della distanza del margine interno del Cielo, si rivelano incapaci di starle dietro. Intanto la schiera dei beati indirizza la propria fiamma verso la Vergine in segno d'affetto e canta dolcemente le note di Regina Coeli.


LEGGI ANCHE: Paradiso canto 23 Analisi e Commento


Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail.