Riassunto Libro 4 Odissea
     


Riassunto Libro 4 Odissea


Riassunto del libro IV (quarto) dell'Odissea.

Telemaco incontra Menelao ed Elena a Sparta, dipinto di Jean-Jacques Lagrenée, 1795

Telemaco e Pisistrato giungono alla reggia di Menelao, mentre si festeggiano le nozze dei suoi figli, e restano abbagliati dalla ricchezza della casa; Menelao li invita a partecipare al banchetto e, dopo aver narrato brevemente il suo viaggio di ritorno, parla di sé e dice di essere un uomo triste, nonostante le ricchezze, provato dalla perdita di tanti amici e soprattutto dall'assenza di Odisseo.
Elena, intanto, sopraggiunta, vede in Telemaco una straordinaria somiglianza con il padre; Pisistrato rivela che egli è veramente il figlio di Odisseo. Menelao allora ricorda con accenti affettuosi l’amico, destando in tutti una grande tristezza. Elena, per calmare il dolore, versa nel vino un farmaco che fa dimenticare le pene e durante il banchetto, lei e Menelao raccontano episodi della guerra.
Il mattino seguente Menelao narra a Telemaco le vicende del suo viaggio, predicando anche il ritorno e la vendetta di Odisseo: trattenuto dagli dèi in Egitto, ormai privo di scorte per i suoi uomini, vaga disperato, quando Eidotea, la figlia del vecchio dio marino Proteo, gli suggerisce di tendere un agguato al padre per conoscere il rimedio alla sua forzata sosta. Aiutato da Eidotea, Menelao riesce a trattenere Proteo, nonostante egli si trasformi in tutti gli animali, nell’acqua e nel fuoco, e lo costringe a svelargli come potrà onorare gli dèi per ottenere il ritorno in patria. Il vecchio gli narra anche la morte di Aiace in una tempesta, colpito dall'ira degli dèi e il tradimento di Clitennestra e di Egisto; aggiunge inoltre che Odisseo è trattenuto dalla ninfa Calipso su un'isola e non può partire perché non ha più né imbarcazione né compagni. Proteo predice a Menelao che egli non scenderà nell’Ade, ma andrà nei Campi Elisi, una sorta di paradiso, in quanto sposo di Elena e genero di Zeus.
Seguendo i consigli di Proteo, Menelao riesce a tornare in patria dopo otto anni. Vorrebbe che Telemaco si fermasse a Sparta alcuni giorni, ma il giovane rifiuta poiché deve tornare presto a Pilo dove ha lasciato i compagni.
A Itaca, intanto, i pretendenti scoprono che Telemaco è veramente partito per il viaggio progettato e temono che voglia tornare per fare vendetta: perciò preparano un agguato. Penelope, venuta a conoscenza delle macchinazioni, dapprima accusa Euriclea, che, pur conoscendo il piano del figlio, l’ha tenuta all’oscuro di tutto, poi segue il suo consiglio di offrire un sacrificio ad Atena. La dea, impietosita dal suo dolore, le invia un sogno consolatore che la rassicura sul felice ritorno del figlio. I Proci, intanto, sono appostati presso l’isola Asteride ad attendere Telemaco per ucciderlo.


CONTINUA SU: Riassunto Libro 5 Odissea



Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".