Di dicembre - Folgore da San Gimignano


Testo:

E di decembre una città in piano:
sale terrene, grandissimi fochi,
tappeti tesi, tavolier e giochi,
torticci accesi, star co' dadi en mano,

e l'oste inebriato e catellano,
e porci morti e finissimi cochi,
ghiotti morselli, ciascun béa e mandochi:
le botte sian maggior che San Galgano.

E siate ben vestiti e foderati
di guarnacche, tabarri e di mantegli
e di cappucci fini e smesurati;

e beffe far de' tristi cattivegli,
de' miseri dolenti sciagurati
avari: non vogliate usar con egli.

Parafrasi

E in dicembre, una città di pianura; sale a pian terreno, fuochi grandissimi; vi siano stesi soffici tappeti, si procurino tavolette per giocare; i doppieri siano accesi, si stia coi dadi in mano; e l'oste ebbro e ghiotto, e maiali sgozzati, e cuochi sopraffini, bocconi prelibati: ciascuno mangi e beva; le botti siano più grandi di quelle dell'abbazia di San Galgano. E siate ben vestiti e ben protetti da ferraioli, tabarri e mantelli, e da cappucci enormi e ben fatti; e fatevi beffe dei miseri infelici, dei dolenti sciagurati avari: non abbiate niente a che fare con essi.

Analisi del testo

Note:
San Galgano = ricca abbazia cistercense che sorgeva presso Siena.

Commento

Si torna in città col dicembre che viene: davanti al fuoco, a lume di candela si gioca ai dadi e poi ancora si gustano ghiotti bocconi e si vuotano le botti. Vestiti di calde zimarre, tabarri e mantelli si ride alle spalle degli avari che non sanno godere. Lasciateli perdere, conclude Folgore.



Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".