Creare sitemap per Wordpress


Avete già provveduto a creare una sitemap per il vostro blog Wordpress? Se non l'avete già fatto dovete iniziare a pensarci e quale miglior momento di adesso dato che sto per spiegarvi passo passo come crearne una? Prima di creare una sitemap dovete sapere di cosa si tratta perché magari inconsapevolmente ne avete già una, essa non è altro che una mappa del sito elencata in modo gerarchico, cioè dalla pagina più importante a quella meno importante. Lo scopo della sitemap è quello di agevolare il crawler dei motori di ricerca, non solo quello di Google, ma anche quelli meno usati come Bing, MSN Search e Yahoo in modo tale che gli spider che spulciano il vostro sito non hanno bisogno di eseguire ricerche accurate impiegando tra l'altro più tempo perché possono appunto sfruttare la mappa della sitemap che avverte quando ci sono pagine nuove, cancellazioni o modifiche di pagine create in precedenza. Questo non significa che vi posizionerete meglio su Google ma che Google si accorge prima dei vostri cambiamento (sono due cose differenti). Quando si crea una sitemap solitamente si ottiene un link simile al seguente:
http://www.nomesito.it/sitemap.xml
A seconda dei metodi o dei plugin utilizzati si possono ottenere più link di sitemap, che sia uno o due o tre link questo poco importa perché se il plugin utilizzato riesce a implementarla in un unico URL significa che è efficiente anche così.

 Per creare una sitemap si possono sia utilizzare siti online, è possibile crearla manualmente ma se usate Wordpress perché non sfruttare plugin che svolgono accuratamente questa operazione? Tra l'altro vengono utilizzati da tantissime persone e sono in continuo aggiornamento, per cui risultano una garanzia per i gestori di un blog, eccovi i migliori:

1) Wordpress SEO: tra le tante funzioni che raccoglie questo plugin, uno dei più importanti nel mondo di Wordpress, vi è anche la possibilità di creare sitemap andando nella sezione interna Sitemap XML, mettendo la spunta sulla casella in alto, poi su Fare ping a Yahoo e Ask.com. Potete anche decidere di escludere certe pagine, categorie, tag dalla sitemap, è consigliato fare la sitemap su tutto ma se avete bloccato l'indicizzazione a certe pagine conviene escluderle dalla sitemap (quando possibile).

Lo stesso plugin dice che la sitemap verrà egenrata dopo la pubblicazione di un articolo, fatto questo dovete cliccare sul pulsante XML Sitemap dove vi appariranno 4 link che corrispondono a 4 sitemap e sono:
  • /post-sitemap.xml
  • /page-sitemap.xml
  • /category-sitemap.xml
  • /post_tag-sitemap.xml

2) Google XML Sitemap: se vi serve solo un plugin che invia la sitemap punto e basta questo è quello che fa per voi, è molto più leggero di Wordpress SEO perché fa solo questo. Genera una sola sitemap che ha un formato link standard di questo tipo: nomesito.it/sitemap.xml, che può essere personalizzato secondo le proprie esigenze dall'apposita sezione.
Già di default è regolato molto bene, però consiglio di mettere la spunta su "Non utilizzare il calcolo automatico della priorità. Tutti gli articoli hanno la stessa priorità definita in "Priorità"". Cioè il calcolo della sitemap verrà così eseguito in base ai numeri impostati con un valore che va da 0,0 a 1,0.


Dopo aver installato il plugin e creato la sitemap dovete inserirla su Google Webmaster Tools selezionando il sito aggiunto, andando su Scansione > Sitemap >Aggiungi/Testa Sitemap e qui incollare la parte dell'URL successiva al nome del dominio e poi cliccare sul pulsante Invia Sitemap (nel caso di Wordpress SEO dovete incollare tutte e 4 le URL).


Sugli strumenti di Google Webmaster Tools i contenuti indicizzati non appariranno immediatamente, forse soltanto le pagine più importanti mentre i tag, le categorie e le immagini faranno la loro apparsa solo in seguito, quindi non preoccupatevi se all'inizio non ci saranno subito tutti i link.



Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".