Analisi del Periodo - Grammatica
     


Analisi del Periodo - Grammatica


Si può svolgere in poco tempo ma è difficile da capire, cos'è? È l'analisi del periodo.
Il periodo è un pensiero di senso compiuto costituito da una o più proposizioni, unite fra loro in modo che ne risulti un tutto coerente sotto l'aspetto logico e grammaticale. In un periodo sono presenti almeno una proposizione principale (o indipendente), alla quale possono unirsi altre proposizioni coordinate e subordinate. Qui presente troverete schematizzate, appunto, le parti fondamentali per fare l'analisi del periodo correttamente, su richiesta siamo disponibili a dare spiegazioni aggiuntive.


Tipi di proposizione:

 PROPOSIZIONE: DEFINIZIONE:  FRASE: 
 Esplicita Proposizione il cui predicato è un verbo di modo finito.  Lucia ascolta la musica. 
 Implicita Proposizione il cui predicato è un verbo di modo indefinito.  Lucia impara ascoltando. 


Proposizioni che costituiscono un periodo:

 Principale Proposizione grammaticalmente indipendente, con verbo di modo finito. Il pianista apparve sul palcoscenico. 
 Coordinata alla principale Proposizione che ha la medesima funzione logica della principale, alla quale può essere unita con congiunzioni coordinative. Il pianista apparve sul palcoscenico e sedette al pianoforte
 Subordinata di 1° grado Proposizione grammaticalmente dipendente dalla principale e unita ad essa con congiunzioni coordinative. Il pianista apparve sul palcoscenico e sedette al pianoforte, mentre il pubblico lo incoraggiava con un applauso. 
 Coordinata alla subordinata di 1° grado Proposizione dipendente, con la medesima funzione logica della subordinata di 1° grado, alla quale è unita da congiunzioni coordinative. Il pianista apparve sul palcoscenico e sedette al pianoforte, mentre il pubblico lo incoraggiava con un applauso e si disponeva all'ascolto.


Tipi di proposizioni coordinate:

 Copulativa e, anche, inoltre, né, neanche, nemmeno, neppure... che uniscono due proposizioni.  Si alzò e se ne andò. 
 Disgiuntiva o, oppure, ovvero, ossia, altrimenti... che congiungono proposizioni di cui una esclude l'altra.  Vieni con me o  rimani a casa? 
 Avversativa ma, tuttavia, però... che uniscono proposizioni contrapposte.  Andai a letto, ma non riuscii a dormire. 
 Dichiarativa infatti, difatti, invero, cioè che confermano o spiegano quanto detto precedentemente.  Era tardi, infatti lo spettacolo era già finito. 
 Conclusiva dunque, per ciò, quindi, pertanto che uniscono proposizioni di cui l'una è conseguenza dell'altra.  Hai sbagliato, dunque devi pagare. 
 Correlativa e... e; o.. o; né.. né; sia.. sia; non solo.. ma anche; ora.. ora; tanto.. quanto; tale.. quale;.. che mettono appunto in correlazione due proposizioni.  O entri o esci. 


Tipi di proposizioni principali:

 Enunciativa o narrativa Proposizione che esprime un giudizio, riferisce un fatto, in forma affermativa o negativa.  Nel 216 a.C i Romani furono sconfitti nella battaglia di Canne.
 Interrogativa diretta Proposizione che contiene una domanda o interrogazione ed è contraddistinta dal punto interrogativo.  Perché non mi avete aspettato? 
 Esclamativa Proposizione che esprime un sentimento di meraviglia, dolore, gioia, sdegno, ironia ed è contraddistinta dal punto esclamativo. Come sono stanco!
 Imperativa Proposizione che esprime un comando, una preghiera, una proibizione. Non ascoltare le sue parole! 
 Esortativa Proposizione che esprime una preghiera, un invito, un esortazione sostituendo le imperative nelle forme mancanti.  Telefoniamo a Susanna e avvisiamola dell'accaduto. 
 Ottativa o desiderativa Proposizione che esprime un desiderio, un augurio, un'imprecazione, un rimpianto.  Oh, come vorrei che tu venissi con me allo stadio domenica! 
 Concessiva Proposizione che esprime una concessione con la quale si suppone, si ammette, si concede che un fatto sia vero o no. Abbia pure sbagliato, tuttavia non doveva essere punito così duramente. 
 Dubitativa Proposizione che esprime, sotto forma di interrogazione, dubbio o incertezza. Cosa avrei potuto dire? 
 Potenziale Proposizione che esprime un fatto come possibile o eventuale.  Chi avrebbe potuto credere alle sue parole? 


Tipi di proposizioni subordinate:

 Soggettiva Proposizione che fa da soggetto al verbo della reggente.  E' facile individuare l'assassino. 
 Oggettiva Proposizione che fa da complemento oggetto al verbo della reggente.  Credo che Luca abbia agito per il meglio. 
 Finale Proposizione che indica lo scopo per cui avviene l'azione espressa dal verbo della reggente.  Lo supplicai, affinché rispondesse. 
 Consecutiva Proposizione che indica la conseguenza del fatto espresso dal verbo della reggente.  Era così convinto che nessuno riuscì a fargli cambiare idea.
 Causale Proposizione che indica il motivo di quanto è espresso dal verbo della reggente.  Non è potuto venire perché si è ammalato. 
 Temporale Proposizione che indica la circostanza di tempo nella quale avviene il fatto espresso dal verbo della reggente.  Tornerò a casa quando tutto sarà finito. 
 Avversativa Proposizione che esprime il concetto o il fatto che si oppone a quanto affermato nella reggente.  Invece di aiutarmi, mi fai perdere tempo. 
 Concessiva Proposizione che indica la circostanza nonostante la quale avviene il fatto espresso dal verbo della reggente.  Sebbene avesse ragione, tacque. 
 Condizionale e periodo ipotetico Indica la condizione, cioè l'ipotesi, da cui dipende l'avverarsi di ciò che si afferma. Potrei anche dormire nel fienile purché la paglia sia asciutta.
 Interrogativa indiretta Proposizione che esprime una domanda o un dubbio in forma indiretta.  Le chiesi quanto costasse quel bellissimo foulard. 
 Modale Proposizione che compie la medesima funzione del complemento di modo.  Fai come se fossi a casa tua.
 Strumentale Proposizione che compie la medesima funzione del complemento di mezzo.  Sbagliando si impara. 
 Comparativa Proposizione che compie la medesima funzione del complemento di paragone, Fu più difficile di quanto pensassi. 
 Esclusiva Proposizione che esprime una situazione che viene esclusa rispetto all'azione espressa dalla reggente.  Se ne andò senza salutare. 
 Eccettuativa Proposizione che indica la circostanza, tolta la quale, l'azione indicata dalla reggente si realizza pienamente.  Non faceva altro che divertirsi. 
 Limitativa Proposizione che compie la medesima funzione del complemento di limitazione.  Per quanto mi riguarda, non sono d'accordo. 
 Incidentale o parentetica Proposizione che si inserisce nel periodo senza alcun legame sintattico con le altre proposizioni per aggiungere un'osservazione o un chiarimento. Paolo, lo sanno tutti, è un vero amico. 
 Relativa Proposizione che si unisce alla reggente per mezzo di pronomi o avverbi relativi.  Ieri ho visto quella ragazza di cui mi ha parlato tuo padre. 



1 commenti :

  1. è bellissimo questo sito, è molto utile. domani ho la verifica e me ne ero completamente dimenticata,. sono andata subito in panico e ho iniziato a cercare siti ovunque e poi ho trovato questa che mi ha veramente tolto un peso dalla schiena. grazie a tutti gli amministratori e dal creatore di questo sito.

    RispondiElimina

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".