All'insaputa o A insaputa: come si scrive?



Il termine "insaputa" sta a significare "senza che si sappia" o "di nascosto". Esso non si regge da solo ma ha bisogno di una locuzione avverbiale. Pertanto all'insaputa è una forma corretta in presenza di un sostantivo, essendo un calco linguistico sul francese "à l'insu", presente nella nostra lingua a partire dal primo Ottocento.

ESEMPIO:
- arrivò all'insaputa,
- all'insaputa di tutti,
- a insaputa del capo.


Prima dell'Ottocento, nella lingua italiana veniva utilizzata la locuzione "senza saputa"; in un primo momento ha avuto la meglio perché i difensori della purezza della lingua censurarono immediatamente all'insaputa, che poi come abbiamo visto ha avuto la meglio.


Il termine "a insaputa" è corretto solo nel caso in cui si vada ad aggiungere un aggettivo possessivo.

ESEMPIO:
- a mia insaputa,
- a tua insaputa,
- a sua insaputa,
- a nostra insaputa,
- a vostra insaputa,
- a loro insaputa.


Argomenti più cercati

Seguici su

     



© Scuolissima.com - appunti di scuola online! © 2021, diritti riservati di Andrea Sapuppo
P. IVA 05219230876

Policy Privacy - Cambia Impostazioni Cookies