Tema Svolto: I Diritti Umani


Il problema della pace si intreccia inevitabilmente con quello dei diritti dell'uomo. Non si può infatti parlare di ordine mondiale quando intere popolazioni non godono di tali diritti. Sono diritti dell'uomo quell'insieme di diritti fondamentali delle persone che sono riconosciuti dal diritto internazionale. I primi ad essere conquistati attraverso vere e proprie rivoluzioni tese a limitare il potere arbitrario dei sovrani assoluti sono stati i diritti di libertà (di culto, di pensiero, di domicilio, di circolazione, di iniziativa economica). Anche se preceduto da altri fatti illustri, come il Bill of rights che consacrava la gloriosa rivoluzione inglese del 1689, la dichiarazione dei diritti dell'uomo e del cittadino votata nel 1789 agli inizi della rivoluzione rappresenta il documento più famoso in cui questi diritti vengono proclamati. Se i diritti di libertà garantiscono l'agire dell'uomo dalla prepotenza del potere politico, i diritti politici (di voto, di organizzazione, politico e sindacali, di associazione in partiti) intendono promuovere la partecipazione di cittadini alla vita politica, cioè alla determinazione dei fini dello stato. In quanto strumenti di una redistribuzione democratica del potere, questi diritti si imposero in modo più graduale nel corso del XIX e XX secolo.
Alle libertà civili e politiche si sono aggiunti i diritti sociali, come quelli all'istruzione e all'assistenza per l'invalidità, la vecchiaia e la protezione contro la disoccupazione.
Anche questi diritti che implicano un impiego attivo nello stato per una maggiore giustizia sociale, sono stati conquistati soltanto nella 1° metà di questo secolo dopo dure lotte delle organizzazioni operaie e popolane. Nuovi diritti, la cui tutela è stata resa necessaria dall'evoluzione della tecnica del sistema economico e produttivo come il diritto alla pace, alla qualità della vita, all'ambiente, alla salute, all'integrità del patrimonio genetico. Diritti in realtà soltanto pensati perché cospirazioni ideali per la quale si battono associazioni e movimenti sempre più numerosi. Tutti questi diritti hanno ottenuto un riconoscimento universale grazie alla dichiarazione universale dei diritti dell'uomo, elaborata nel 1948 su impulso dell'ONU. Mentre le singole costituzioni riconoscono diritti più o meno estesi ai cittadini di questo o di un'altro stato, i destinatari della Dichiarazione sono tutti gli uomini, indipendentemente della cittadinanza o della nazionalità e dunque l'affermazione dei diritti contenuta in essa è universale. Quando fu approvata molti paesi dentro all'ONU, votarono contro o si astennero. Oggi tutti gli stati del mondo proclamano di essere d'accordo, almeno su un nucleo fondamentale di valori: il principio di uguaglianza, diritto di non essere sottoposti a trattamenti disumani o degradanti, l'autodeterminazione dei popoli; mentre si considerano gravi le violazioni dei diritti umani come il genocidio, la discriminazione razziale, la pratica della tortura, il rifiuto al riconoscere il diritto di autodeterminazione dei popoli.


Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail.


© Scuolissima.com - appunti di scuola online! © 2021, diritti riservati di Andrea Sapuppo
P. IVA 05219230876

Policy Privacy - Cambia Impostazioni Cookies