Foscolo: In morte del fratello Giovanni


Testo: In morte del fratello Giovanni
Un dì, s'io non andrò sempre fuggendo di gente in gente, me vedrai seduto

Parafrasi: In morte del fratello Giovanni
Il poeta spera che forse un giorno, se il destino non lo costringerà a fuggire da un luogo all'altro, potrà andare a sedersi sulla pietra che copre il sepolcro del fratello a piangerne la giovinezza stroncata nel fior degli anni.

Analisi del testo: In morte del fratello Giovanni
Il sonetto, essenziale e rapido nelle sue immagini, ha la sobrietà e la linearità della poesia classica, ma evidenzia anche il commosso sentimento di un'anima romantica.

Commento: In morte del fratello Giovanni
Ugo Foscolo scrisse questo sonetto circa un anno dopo la morte del fratello Giovanni Dionigi che, non avendo potuto soddisfare un debito di gioco, l'8 dicembre del 1801 si era suicidato a Venezia.

Figure retoriche: In morte del fratello Giovanni
il fior de' tuoi gentili anni caduto. Qual è il fior degli anni? la giovinezza

Mappa concettuale: In morte del fratello Giovanni
Schema riassuntivo della poesia In morte del fratello Giovanni


Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".