Inferno Canto 2 - Riassunto


Appunto di letteratura italiana contenente il riassunto del secondo canto (canto II) dell'Inferno dantesco.

Tempo: tramonto di venerdì santo, 8 aprile del 1300

Spazio: il leggero pendio iniziale del colle della Grazia al limite della selva oscura (la diserta piaggia)

Personaggi: Dante e Virgilio



Sintesi

L'invocazione alle Muse
Scende il tramonto e, mentre tutti gli uomini cessano dalla fatica del lavoro quotidiano, Dante si appresta a intraprendere l'arduo viaggio infernale. Prima di iniziare la narrazione, tuttavia, prega le Muse che gli concedano l'ispirazione necessaria e, contemporaneamente, chiede aiuto al suo stesso ingegno dichiarando di confidare nella memoria, che registra con fedeltà ogni avvenimento


Le esitazioni di Dante
Il poeta è indeciso se seguire,Virgilio, perché, non avendo fiducia nelle proprie capacita, ignora le ragioni per le quali a lui dovrebbe essere stato concesso il privilegio del viaggio ultraterreno. In passato, infatti, soltanto a Enea e a San Paolo fu permesso di visitare l'aldilà con lo spirito e con il corpo. A ciascuno di loro, però, era stata affidata un'alta missione da compiere: al primo la fondazione di Roma, la città dove, dopo la nascita dell'impero, avrebbe avuto la sua sede il papa, vicario di Cristo in terra; al secondo, che giunse fino al terzo cielo del Paradiso, il consolidamento della fede cristiana fra gli uomini.


L'esortazione di Virgilio
Virgilio rimprovera a Dante la sua viltà e, per spronarlo a mettere da parte ogni indugio, gli rivela di essere un'anima del Limbo e di essere stato pregato da Beatrice, discesa dal Paradiso di soccorrerlo e di fargli ritrovare la retta via che lo possa condurre alla salvezza eterna. Beatrice, che per volere di Dio è in condizione di non dover temere neppure il contatto con l'Inferno, gli ha rivelato di essere stata sollecitata da Santa Lucia, su invito della Madonna, perché allontani il pericolo della dannazione eterna di Dante.


Dante riprende il cammino
Virgilio, quindi, lo esorta a mettere definitivamente da parte ogni tentennamento e a seguirlo.
Il poeta, sentendosi rassicurato, esprime a Virgilio la sua ormai irremovibile decisione di intraprendere il viaggio ultraterreno sotto la sua guida.


LEGGI ANCHE: Inferno Canto 2 - Analisi e Commento


Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".