Scuolissima.com - Logo


Pronomi riflessivi


Le forme  (tonica) e si atona di terza persona singolare e plurale sono dette pronomi riflessivi perché stanno al posto della persona, animale o cosa che compie l'azione: l'azione si produce, si "riflette" sul soggetto stesso.
Anche le forme mi, ti, ci, vi possono avere funzione riflessiva in frasi come:
io mi lavo, tu ti pettini, noi ci vestiamo.


Fate attenzione:
Pierino non pensa a sé (= a se stesso).
Pierino non pensa a lui (= a un'altra persona).
Essi non pensano a sé (= a se stessi).
Essi non pensano a loro (= ad altre persone).


Solo con le preposizioni o con le locuzioni tra, fra, in mezzo a e simili, e solo al plurale, si ha loro invece di  anche se ci si riferisce alla stessa persona che compie l'azione:
Ridevano tra loro.
Non vogliono estranei in mezzo a loro.


Per saperne di più: I pronomi allocutivi
Quando ci rivolgiamo direttamente a qualcuno usiamo i pronomi personali tu, voi, lei, ella, e loro, che in questo caso si chiamano pronomi allocutivi (dal latino àlloquor = rivolgere la parola). Usiamo il tu con le persone con cui siamo in confidenza (Tu sei troppo generoso); con gli altri usiamo Lei, Ella, Loro,e raramente Voi (per lo più con la minuscola), chiamati anche pronomi di cortesia.

  1. L'aggettivo o il participio che si riferiscono a Lei o a Loro concordano al maschile o al femminile secondo che ci rivolgiamo a un uomo o a una donna. A volte l'accordo può avvenire anche con il titolo e non con la persona: Sua Maestà è attesa o è atteso.

  2. Nelle forme atone avremo La, Le, Li, che oggi si scrivono generalmente con la minuscola: Le scrivo, gentile signora, per informarLA (o per informarla) di ciò. Lo stesso vale per Voi, usato per lo più nella corrispondenza commerciale e nella parlata meridionale: Vi scriviamo per informarVI (o informarvi) del nostro arrivo.

  3. Anche noi (al posto di io) è usato come plurale di maestà da personalità ufficiali, per dare solennità ai loro discorsi fatti in nome della collettività: Noi, in qualità di presidente della Repubblica, dichiariamo solennemente che...; oppure dagli scrittori come plurale di modestia: Noi riteniamo (invece di io ritengo) che la crisi si risolverà presto.


🧞 Continua a leggere su Scuolissima.com

Cerca appunti o informazioni su uno specifico argomento. Il nostro genio li troverà per te.


Oppure...
Esegui una ricerca a caso ►

© Scuolissima.com - appunti di scuola online! © 2023, diritti riservati di Andrea Sapuppo
P. IVA 05219230876

Policy Privacy - Cambia Impostazioni Cookies