Lasciate ogni speranza, o voi che entrate - Spiegazione


Il canto terzo dell'Inferno di Dante Alighieri ha come ambientazione l'Antinferno, ovvero il luogo dell'oltretomba dove sono tenuti gli ignavi e che precede l'entrata dell'inferno vero e proprio. Quando Dante e Virgilio giungono di fronte alla porta dell'Inferno, il primo non può far altro che notare la scritta scura e misteriosa posta su di essa. Non avendo afferrato subito il senso della frase, chiede a Virgilio il significato, quest'ultimo lo ammonisce dicendogli che non deve aver paura di entrare nell'inferno e che piuttosto deve prepararsi psicologicamente per affrontare la visione delle anime tristi dei dannati lasciando ogni esitazione (sospetto) e titubanza, essendo questo un luogo dove si incontrano le persone che hanno perduto Dio, il bene intellettuale per eccellenza.

Nel titolo trovate scritto "Lasciate ogni speranza, o voi che entrate", ma è la forma più comune e non quella corretta. In realtà la frase originale sarebbe:
Lasciate ogne speranza, voi ch' intrate.

Significato

Tale frase serve per mettere in guarda chi sta per entrare, infatti si tratta di una porta di solo andata, che durerà in eterno e che una volta varcata non c'è alcuna speranza di tornare indietro. Il significato di questa frase è che tutte le anime prima di morire sulla Terra, non pentite per i loro peccati, dovranno lasciare ogni speranza di poter vedere Dio o di andare in purgatorio a pentirsi.



Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".