Come inserire il refresh automatico su Blogger


Per aumentare le visualizzazioni di pagina del proprio blog bisogna sperimentare sempre, di recente ho notato che molti siti stranieri adottano uno stratagemma piuttosto strano che però sembra funzionare. Si tratta dell'aggiornamento automatico delle pagine del blog dopo un certo tot di tempo ("auto page refresh system" in inglese). Secondo il mio modesto parere non è una soluzione ideale per ogni blog perché da un lato è vero che aumentano le impression, anche del doppio, ma dall'altra parte potrebbe creare problemi se si hanno accordi pubblicitari.

Ovviamente anche gli utenti stessi che visitano il blog troverebbero strano che le pagine del blog si aggiornano automaticamente e questo potrebbe spaventarli. Il mio consiglio per quelli che vogliono utilizzare questa tecnica dell'auto refresh è quello di impostare un tempo piuttosto lungo, in modo tale che solamente agli utenti che lasceranno il pc acceso con la scheda del browser aperta sul vostro sito avverrà l'aggiornamento automatico delle pagine, ed il bello è che non ci faranno nemmeno caso.

Per aggiornare automaticamente le pagine su Blogger dovete andare su Modello > Modifica HTML e cercare il tag </head> e sopra di esso andare ad incollare il seguente codice:
<meta content='300' http-equiv='refresh'/>

Il numero "300" sta a significare che ogni 300 secondi qualsiasi pagina del blog aperta eseguirà un refresh automatico. Dato che normalmente la media di permanenza di un visitatore è inferiore a 3 minuti, presumo che dopo 5 minuti (= 300 secondi) non ci sarà alcun utente connesso sul blog e realmente interessato, a meno che non abbia lasciato di proposito il pc acceso. In questo caso è possibile sfruttare questa situazione per incrementare il numero delle impression.

Un trucchetto come questo potrebbe non piacere a Google in quanto potrebbe benissimo considerarlo un metodo artificioso per migliorare le statistiche del proprio sito (Black Hat SEO Trick o White Hat). Tuttavia se utilizzato qualche volta o solo in certi orari, sarà impossibile che possa accorgersene.

Ognuno deve essere in grado, studiando il tempo di permanenza dei visitatori tramite Google Analytics, di trovare la giusta misura di tempo per non infastidire i lettori fissi del blog. Personalmente non utilizzerò mai tecniche simili, sia perché non mi piace fare continue modifiche al blog sia perché andrebbe contro i regolamento di qualsiasi network pubblicitario.



Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".