Tema sulla Shoah


Il 27 gennaio ricorda senza dubbio, la peggiore strage del secolo appena trascorso, la cosiddetta Shoah, che in lingua ebraica significa 'distruzione'. In effetti, è avvenuta una vera e propria distruzione di vite umane. Il popolo ebraico, dalla diaspora è stato in continuo migrare; gli ebrei esiliati da Israele hanno vagato per il mondo, ed erano arrivati ad essere presenti in tutta Europa e già alla fine dell'800 le idee nazionaliste avevano iniziato a considerare, quella ebraica, una razza inferiore, che avrebbe potuto rovinare la razza pura, ovvero quella tedesca, detta ariana, una razza che non aveva avuto alcun incrocio con nessun altra razza. Durante la seconda guerra mondiale, il cancelliere della Germania era Adolf Hitler. Egli iniziò già dai primi anni '30 ad architettare una vera e propria soluzione finale contro quelli che lui considerava "esseri inferiori", oltre agli ebrei: gli zingari, gli omosessuali, i testimoni di Geova etc. Hitler fece costruire dapprima dei ghetti, tra cui ricordiamo i più famosi: Terezin, Di Varsavia, Rzezow, Lodz etc. perlopiù in Polonia ed in Cecoslovacchia. Qua, in questi quartieri ghetto fecero concentrare tutta la popolazione ebrea d'Europa. Le condizioni dei ghetti erano pessime: la gente viveva ammassata, non c'erano i viveri e la gente moriva di malattie al tempo diffusissime, come il tifo. Quando i ghetti non non bastarono più si andò oltre: vennero fatti costruire dei veri e propri campi di sterminio nei quali, una volta entrati, gli ebrei non sarebbero mai più potuti uscire. Auschwitz, fu la casa della morte ed insieme ad Auschwitz ci furono: Treblinka, Sobibor, Birkenau. Sei milioni di persone furono uccise. la morte più cruenta era quella nelle camere a gas che i nazisti facevano passare come docce. 'Andate a farvi la doccia' dicevano, ma in realtà i prigionieri erano mandati in una camera dove, invece d'acqua sgorgava giù ziklom B, un veleno potentissimo che uccideva la gente in pochi minuti. Una volta morti, i cadaveri venivano cremati e le loro ceneri, disperse nei laghi. Al loro arrivo i prigionieri si spogliavano e quelli ridotti troppo male venivano giustiziati sommariamente insieme ad anziani e bambini. Quelli che erano più o meno in forze venivano rasati e mandati a lavorare come assistenti dei nazisti: cacciavano i denti d'oro ai cadaveri, facevano dei capelli coperte e tessuti da vendere sul mercato e spogliavano i corpi dei loro vestiti, tutto ciò ovviamente non per cattiveria, ma per conquistarsi una razione di cibo. Nel 1945, carri armati sovietici e americani, diedero fine a questa terribile strage, liberando i prigionieri dai campi impauriti, con gravi malattie e sottopeso. Tantissimi i ragazzi orfani, senza più un identità ma solo un numero di riconoscimento tatuato sul braccio. Le origini di questa strage sono appunto da far risalire al tempo della diaspora, nei secoli avanti Cristo. Gli ebrei privati della loro nazione avevano migrato in tutto il mondo. Col tempo intrapreso una carriera e a fine '800 vennero considerati come esseri umani che 'avevano rubato il lavoro alla gente della nazione', poi la strage definitiva fu data non solo da questo, ma anche da un odio infondato di uomini che ritenevano i propri fratelli colpevoli di essere di una 'razza' non pura. Nel tempo tantissimi film e documentari sono andati in onda su questa strage. Anche la nostra patria Italia ha un patrimonio cinematografico degno di nota ovvero 'La vita e bella' che parla della Shoah raccontata ad un bimbo come un gioco, un film senz'altro emozionante. Le testimonianze che sono vive della strage sono poche e stanno al museo di Auschwitz. Entrando in questo museo, si esce sicuramente cambiati, consapevoli di appartenere alla specie umana che purtroppo molto spesso si accanisce contro se stessa. Io penso che questa è stata una delle peggiori macchie nere della storia dell'umanità e spero che ogni uomo porga sempre una mano ad un suo simile, perché altrimenti tra noi e una qualunque bestia, non ci sarebbe differenza.



Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".