Tema: il rispetto e la tolleranza


Tema Svolto:
La scuola ci educa al rispetto del prossimo e alla tolleranza; ognuno di noi possiede virtù e difetti, che a volte non riusciamo ad evidenziare o accettare negli altri. Ci lasciamo condizionare o influenzare dagli altri assumendo atteggiamenti che non sono dei nostri.
Ogni adolescente ha diversi amici e fa parte insieme a loro di un gruppo, con cui condivide gli stessi interessi, gli stessi gusti e le stesse abitudini. A volte però i gruppi sono molto selettivi e per farsi accettare ed entrarne a fare parte molte persone rinunciano alla loro personalità, cambiando parzialmente o completamente il loro modo di essere. In questi casi il gruppo non dovrebbe imporre questo genere di regole ed escludere chi non le rispetta, ma dovrebbe accettare l’amicizia di tutti indipendentemente dal loro modo di vestire, dal tipo di musica che ascoltano, ecc. Ma questo non accade e molti al fine di entrare in un determinato gruppo si fanno trascinare dagli altri e arrivano a fare cose a cui sono pienamente contrari, contro la propria volontà.
Io per esempio non faccio parte di nessun gruppo in particolare, ma ho sentito parlare di alcuni gruppi che hanno portato sulla cattiva strada le persone che sono entrate a farne parte. Ovviamente non tutti i casi sono negativi e non sempre tutti i gruppi sono così. Io ho degli amici che mi accettano per quello che sono e anche nella mia classe, i compagni sono abbastanza amichevoli.
Forse la parte peggiore nel gruppo di amici è che nelle persone riusciamo a vedere solamente i difetti e li evidenziamo, li usiamo come motivo per criticare gli altri o per prenderli in giro. Questo nostro modo di vedere gli altri ci impedisce di conoscere le persone a fondo e scoprire che magari sono simpatiche e hanno degli interessi in comune con noi. Infatti dovremmo trovare la parte migliore in tutti, contrariamente a quanto si fa di solito. Dobbiamo anche pensare che pure noi abbiamo dei difetti, per cui non bisognerebbe esaltare quelli altrui. Solo così potremmo essere più contenti, avere più amici o almeno andare d’accordo con più persone, invece di litigare con loro. È questa una società basata sul rispetto reciproco e sulla tolleranza e a scuola questi principi vengono continuamente discussi, ma più raramente messi in atto.



Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".