Eugenio Montale: Xenia


Gli “Xenia” indicano le cose straniere, (xenofobia), ma in principio erano i doni che i latini facevano agli ospiti al momento della loro partenza. In questo caso sono le poesie che Montale ha dedicato alla moglie che è partita, cioè morta.

I temi: sono i dolci ricordi della moglie, alla quale quando era in vita non aveva mai dedicato nulla. Lei che era cieca vedeva dentro le persone molto meglio di coloro i quali vedono la luce del sole giornalmente.

La forma: poesie brevissime a volta di 2 versi e a volte collegate con poesie successive, sembra appunto quasi un diario.

Lo stile: semplice e colloquiale così come la Mosca (la moglie) e tutte le persone a cui lei si affezionava.



Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".