Tema: social network e isolamento


Molti sociologi affermano che i social network tendono sempre più a isolare l'uomo dalla vita reale, proiettandolo in modo sempre più coinvolgente in un mondo virtuale. Condividi anche tu questa tesi?

Tema svolto:
Condivido la tesi dei sociologi, secondo cui i social network risultano uno strumento dannoso per molte persone che pensano di trovare un nuovo modo di approcciarsi alla società, rimanendo vittime di una vera e propria dipendenza. La perdita di interesse verso il mondo reale è una della prime conseguenze e secondo me una delle più gravi. Queste sono spesso persone che fanno fatica a stringere dei legami affettivi reali e si rifugiano nei social network, come Facebook o Twitter, talvolta cambiando la propria identità con la persona che vorrebbero essere. C'è chi giustifica questo modo di agire, affermando che i social-network aiutano le persone ad aumentare la fiducia in se stessi e a dar loro qualche ora di evasione da situazioni difficili ma su questo non sono affatto d'accordo perché "evadere" non è il modo giusto per affrontare ed eventualmente risolvere i problemi. Rifugiarsi in un mondo virtuale, dimenticando quello reale, non è secondo me, che un modo per nascondere il proprio dolore, in modo tale che non bisogna sforzarsi di andare a cercare il reale motivo del disagio.
Prima o poi infatti si dovrà spegnere il computer e i problemi che si è cercato di ignorare ritorneranno, forse anche più grandi di prima. C'è inoltre chi pensa che i social-network aiutino persone con qualche difficoltà a relazionarsi a trovare un nuovo modo di approccio. Neanche questa secondo me è una cosa del tutto positiva perché se da una parte può aiutarci a conoscere nuove persone, dall'altra rischia di diminuire le nostre capacità di rapportarci all'interno della società, qualità molto importante anche in ambito lavorativo.
I social-network possono essere molto utili se usati correttamente ma se ne abusiamo ci danno solo la pericolosa illusione di aver trovato un modo per evadere dai nostri problemi e dalle nostre vite, e un posto sicuro in cui rifugiarci.



Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".