Mappa concettuale: A se stesso, Leopardi



A se stesso, opera di Giacomo Leopardi del 1833 è il 4° dei 5 canti detti del ciclo di aspasia perché ispirati dall'infelice amore per Fanny Targioni Tozzoletti. Segna il momento della delusione perché spento ogni entusiasmo e speranza il poeta vuole recuperare il dominio di se e della propria razionalità. Si presenta come un monologo con il proprio cuore a cui il poeta chiede di non amare più perché non c'è niente per cui valga la pena di lottare e soffrire. La vita si presenta a Leopardi come un deserto in cui non c'è posto per i sentimenti per colpa della natura che è un potere malefico a danno dei viventi.




Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".