Sintesi la belle epoque


La belle epoque è una breve stagione di nemmeno 40 anni che dalla fine dell'800 termina negli orrori degli anni della Prima Guerra Mondiale. Questa Epoca Bella deve l'universalità della denominazione in lingua francese al fatto indiscusso che Parigi ne fu la capitale e fucina incessante di tendenze che contagiarono, dove più, dove meno, l'intera Europa. Questa visione del mondo e della vita sopra le righe nasce dal sentire diffuso che si stava finalmente cavalcando la tigre delle profonde trasformazioni che segnarono tutto l'800, prima fra tutte la Rivoluzione Industriale, beneficiando ampiamente dei suoi frutti in molti ambiti vitali, quali il commercio, i trasporti, le comunicazioni, l'edilizia. Dunque la maggior circolazione di danaro e l'ottimismo sono gli ingredienti base della Belle Epoque.
Del resto la vita appariva in quel tempo davvero più facile e sorridente come mai prima di allora. L'architettura e il gusto artistico nell'arredare e nell'oggettistica subiscono in questo periodo profonde trasformazioni con l'affermarsi del Liberty, movimento stilistico che coinvolse il gusto di un'intera epoca, quella belle époque appunto che caratterizzò l'Europa fino alla vigilia della Prima Guerra Mondiale. La Rivoluzione Industriale, che trasformò l'Europa nella seconda metà dell'800, diede vita ad una "reazione" all'esasperato meccanicismo industriale con l'affermarsi in vari campi (arte, architettura, design, moda) di un assecondare, al contrario, la natura, con le sue linee a "colpo di frusta" ed i motivi floreali, nonché l'uso di materiali "caldi" come legno, ferro e vetro in contrapposizione a pietra e cemento. Il Liberty nacque in ambito architettonico, grazie al belga Victor Horta. Lo stile era molto decorativo, e si basava su invenzioni stilistiche che non avevano più nulla in comune con gli stili del passato, negando tutto l'apparato decorativo di colonne, capitelli o murature medievali. Dal Belgio, dove fu chiamato «Art Nouveau», questo nuovo stile si diffuse in tutta Europa toccando vari campi, prendendo vari nomi, che ne sottolineavano in ogni caso il carattere di novità: «liberty», in Inghilterra; «jugendstil», in Germania; «secessione», in Austria; «modernismo» in Spagna. In Italia, prima che si affermasse l'attuale denominazione di liberty, fu chiamato stile «floreale», poiché le decorazioni erano realizzate soprattutto con motivi vegetali.

LEGGI ANCHE: La belle epoque completa per tesina



Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".