Come proteggere gli occhi da computer, cellulari, televisione


La maggior parte delle persone trascorre molto tempo davanti il computer, i motivi possono essere diversi: c'è chi lo usa per motivi di lavoro e chi invece per trascorrere il tempo libero (nelle chat, nei siti di giochi online, e per scaricare contenuti); in realtà lo si utilizza anche per studiare ma so per certo che per le ricerche scolastiche di uno studente medio non si impiegano più di 15 minuti (ehehe). Il computer accoppiato ad internet è un ottimo strumento per informarsi ed imparare cose nuove, oltre a trovare amicizie e nuovi amori ma può essere un problema per chi quotidianamente lo utilizza per troppe ore. Questo perché il pc così come qualsiasi altro dispositivo digitale come smartphone, il tablet o la TV creano disturbi alla vista. Per disturbi alla vista si intendono l'arrossamento degli occhi, il sentirseli secchi, oppure notare un calo temporaneo della vista (lo si nota maggiormente di sera).

Quanto tempo state davanti a computer o cellulari? Quattro ore, sette ore, più di dieci? La maggior parte di noi gli dedica circa 6-9 ore al giorno, il 28% passa più di dieci ore al giorno di fronte il monitor del pc e altri tipi di schermo.

Anche dopo sole 2 ore gli occhi possono sentirsi in tensione, non ha importanza in questo caso il fattore dell'età o della graduazione della vista, questo sintomo di stanchezza è dovuto agli occhi che si asciugano rapidamente davanti ad uno schermo perché l'occhio riduce drasticamente la frequenza dei battiti di ciglia di ben 5 volte. Inoltre anche quella volta che l'occhio si chiude per necessità è molto probabile che tale operazione avviene in modo incompleto in quanto l'occhio non copre completamente la cornea e di conseguenza ecco l'arrivo dell'affaticamento della vista, stanchezza e anche del mal di testa.

Cosa fa più male?

Tra stare 3 davanti al cellulare, pc o tv quello che fa più male per la vista è il cellulare perché lo schermo è più piccolo e ci si sforza maggiormente, a seguire troviamo il computer ed infine la televisione che fa meno male perché la si guarda almeno a 2 metri di distanza

La luce blu

Gli schermi digitali di computer è smartphone emettono luce blu (o luce visibile ad alta energia) che fa invecchiare la vista molto più rapidamente rispetto al normale - questo secondo gli studiosi - certo, può sembrare una cosa allarmistica in quanto sono molte le persone che stanno davanti al computer ma non portano nemmeno le lenti però sul fatto che crea disturbi nel sonno e sulla concentrazione direi che non ci sono affatto dubbi, sfido chiunque a stare molte ore davanti al computer e non sentirsi un po' rintronato.

Soluzioni, precauzioni e protezioni

Non è difficile proteggere gli occhi dai danni causati dalla luce emessa dagli schermi, richiede solo qualche conoscenza e piccoli aggiustamenti nelle operazioni quotidiane.

1) Abbassare le luce: Al contrario di come si legge in giro, quando si utilizza il computer, la stanza non deve essere molto luminosa, al contrario si deve abbassare la luminosità in modo che l'elemento più luminoso sia appunto il computer; nel caso in cui si devono leggere fogli o scrivere può essere utile una lampada da scrivania.

2) Ridurre l'abbagliamento: Non solo la luce esterna ma anche quella interna del computer va regolata nel giusto modo, per prima cosa si devono eliminare i riflessi, nel computer non devono apparire finestre o oggetti della stanza che potrebbero provocare disagio. Esistono schermi anti riflesso ma la soluzione migliore è quella di posizionare il computer lontano da una finestra e pulirlo regolarmente.

3) Ridurre al minimo l'esposizione alla luce blu: Bisogna evitare di esporsi alla luce blu almeno 2-3 prima di andare a coricarsi, in quanto ciò altera il ritmo circadiano (l'occhio si adatta alla luce modificando i processi biologici e comportamentali). A tal proposito si può provare ad utilizzare programmi che regolano automaticamente la luminosità dello schermo del computer in base all'ora del giorno.

4) Regola del 20-20-20: Questa semplice regola ma molto utile per riposare l'occhio è guardare distogliere lo sguardo dallo schermo ogni 20 minuti e fissare un oggetto distante almeno 20 metri di distanza per almeno 20 secondi.

5) Postura corretta: Per diminuire la fatica degli occhi bisogna sedersi davanti al computer nella posizione corretta, si devono evitare tutte quelle posizioni sregolate che per convinzione diciamo che sono più comode; in realtà oltre al mal di collo e di schiena danneggiano la vista perché si guarda lo schermo da troppo distanti o troppo vicino e anche in modo inclinato.

6) Vitamina A: Le patate dolci, le carote, le verdure a foglia verde contengono tutti la vitamina A e fanno bene per il processo della rodopsina nel far percepire la luce alla retina in modo corretto.

7) Ascoltare il corpo: ci si sente stanchi di stare davanti al computer, anziché stropicciare gli occhi, dovete prendervi almeno una piccola pausa, sciacquarsi la faccia, aprire e chiudere gli occhi per almeno 10 volte per rinvigorirli un po'.  Se questi piccoli metodi non bastano prenotatevi una visita di controllo dall'oculista per verificare se avete bisogno di occhiali da vista o proprio per il computer, o se il problema è l'occhio asciutto potrebbe anche consigliarvi l'uso di gocce lubrificanti in caso di necessità. Gli acquisti fai da te in questi casi non servono a nulla, anzi potrebbero peggiorare la situazione, serve sempre il parere dell'esperto.

E' un argomento che interessa un po' tutti, se ne sapete di più lasciate un commento.



2 commenti :

  1. Ho letto di tutto, ma dell'inclinazione dello schermo, nessuna parola: grazie lo stesso.Pietro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello che conta è l'altezza, se la parte superiore dello schermo è all'altezza dei tuoi occhi, ti basterà inclinarlo leggermente verso l'alto. Più è posizionato in basso e più lo devi inclinare verso l'alto, oppure compri una sedia con le ruote che si alza e si abbassa a tuo piacimento e risolvi il problema :)

      Elimina

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".