Wifi fa male alla salute? Vero o falso?


È davvero pericoloso per la nostra salute tenere sempre acceso il wifi? E per i neonati? Qual è la distanza di sicurezza e quali sono i rischi?

Il Wi-Fi (noto anche come WiFi o WLAN) è una rete wireless che coinvolge almeno un'antenna Wi-Fi connessa a Internet e una serie di computer, laptop, smartphone e/o altri dispositivi wireless che comunicano in modalità wireless con l'antenna Wi-Fi. Le apparecchiature Wi-Fi si trovano oggigiorno nella maggior parte delle case, delle scuole e delle aziende. Probabilmente stai leggendo questo articolo utilizzando un dispositivo attualmente connesso al Wi-Fi e facendo delle ricerche sulla rete avrai trovato pensieri opposti riguardo la sua pericolosità: tumore, sterilità, mal di testa, nausea, vertigini, perdita della concentrazione o addirittura niente di tutto questo. Pertanto vi starete chiedendo se fa davvero male oppure no, e quale sia l'unica e sincera verità sul Wi-Fi.



Cosa sappiamo sul Wi-Fi

Lo spettro elettromagnetico può essere diviso in due sezioni, a seconda che le onde siano dotate o meno di energia sufficiente a ionizzare gli atomi della materia con la quale interagiscono:
  • Radiazioni non ionizzanti (NIR = Non Ionizing Radiations), comprendono le radiazioni fino alla luce visibile e non possiedono l'energia sufficiente per modificare le componenti della materia e degli esseri viventi (atomi, molecole).
  • Radiazioni ionizzanti (IR = Ionizing Radiations), coprono la parte dello spettro dalla luce ultravioletta ai raggi gamma e possiedono capacità di ionizzare e di penetrare all’interno della materia.
Il campo elettromagnetico a radiofrequenza emesso dal Wi-Fi essendo un tipo di radiazione non ionizzante viene dichiarato come non pericoloso, sebbene comunque faccia parte della categoria legata all'inquinamento elettromagnetico o elettrosmog. Addirittura nel 2007 l'Agenzia per la protezione della salute del Regno Unito (HPA) ha affermato che il livello di radiazioni emesse dai dispositivi Wi-Fi è assai più basso rispetto a quello dei telefoni cellulari ed essere esposti al Wi-Fi per un anno determina "la stessa quantità di radiazioni emesse da una telefonata di 20 minuti".
È anche vero che dal 2007 a oggi sono cambiate tante cose, per esempio vi è il 5G, ma ciò che si dice riguardo al Wi-Fi è sempre lo stesso: NON FA MALE!

Sull'argomento si è esposta anche  l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) affermando che "non si prevedono effetti sulla salute dall'esposizione ai campi a radiofrequenza delle reti wireless".

Dal momento che spesso si telefona nelle vicinanze di un neonato o addirittura tenendolo in braccio, direi che non è il caso di porsi il problema del Wi-Fi se fa bene o male, perché seguendo questa logica gli avete già fatto molto più male con una telefonata (stesso discorso vale anche usando la connessione del telefono senza Wi-Fi che è ancora più pericolosa).

La regola principale riguardo al corretto uso del Wi-Fi è la seguente: riporre il modem Wi-Fi lontano dai letti e dalle pareti confinanti con letti. In ogni caso, non dormire mai vicino a un modem Wi-Fi acceso e mantenersi sempre a distanza di qualche metro da esso.

Altri consigli utili sono quello di evitare di mettere il portatile sulle proprie ginocchia e tenere lo smartphone distante almeno 1 metro dal proprio letto.



Esperienza personale

La mia esperienza personale va un po' controcorrente rispetto a quanto detto sopra. Ci tengo a precisare che non è una critica verso la tecnologia Wi-Fi che ho sempre usato senza problemi, ma un'esperienza negativa col modem per la fibra ottica quando il wifi è acceso (che tutt'ora uso ma con più attenzione rispetto a prima).


INIZIAMO...
Premetto che ho sempre utilizzato internet, con la rete cablata, con chiavetta USB, ADSL con wifi, stampante con wifi, mouse e tastiere con wifi. Spesso ho anche lasciato il telefono con internet e wifi attivo anche a un metro di distanza dal mio letto e non ho mai avuto problemi di nessun tipo fino a quando non ho attivato la connessione con fibra ottica.

QUESTA LA MIA ESPERIENZA:
Quando da ADSL sono passato alla fibra ottica (per risparmiare in bolletta e avere internet più veloce e sicuro), per prima cosa ho attivato il wifi del modem e l'ho lasciato acceso 24 ore su 24 come ho sempre fatto. Il modem è posizionato a una corretta distanza di sicurezza di qualche metro (almeno 3 metri e mezzo) e in più vi è anche una parete che separa la mia posizione da quella del modem. In questo modo il Wi-Fi mi prende in tutte le stanze della casa mentre all'aperto il segnale si mantiene su valori medio/bassi, ovviamente in alcune stanze prende molto bene (in quella in cui lavoro e in quella in cui dormo), nelle altre molto meno perché vi sono più pareti e quindi più barriere che riducono la potenza del segnale.

Il punto è che ho come la sensazione che il Wi-Fi della fibra ottica disturbi la mia vita di tutti i giorni. Di giorno per ovvie ragioni non rimango fermo nella stessa posizione dal momento che rispetto la regola di alzarmi ogni 20 minuti quando sono davanti al computer (a cui si aggiungono ulteriori pause e tutte le volte che non sono dentro casa). Il problema si presenta di notte, o per essere precisi, solo quando la mattina mi sveglio per alzarmi: un forte mal di testa, simile a quello che si ha quando si è preso un forte raffreddore, che dura per tutta la giornata. Ci tengo a precisare che si può avere mal di testa perché le ore di sonno possono non essere abbastanza, per problemi alla vista o per la troppa esposizione alla luce blu degli schermi, ma non era questo il mio caso, dato che sono in salute e un malessere non appare o scompare a comando. Era la stessa settimana in cui ho ricevuto il vaccino anti-covid, per cui avevo già messo in conto un po' di febbre e mal di testa per quella settimana, infatti non sono riuscito a capire subito che l'origine del mio mal di testa fosse legato solo ed esclusivamente al Wi-Fi del modem per la fibra ottica. Davo per scontato che non avendo avuto problemi col modem ADSL non ne avrei avuti nemmeno col modem per la fibra ottica (che tra l'altro ho posizionato 2 metri più distante rispetto alla precedente posizione).

Ho fatto delle ricerche su qualche forum e ho trovato persone che lamentavano mal di testa che duravano tutta la giornata, ma ricevevano tutti come risposta che il wifi non facesse male e che sicuramente era dovuto ad altri problemi di salute (tra cui lo stress), e notavo che il modo in cui descrivevano il loro malessere era molto simile al mio. Nel frattempo il mio mal di testa aumentava di giorno in giorno, perché quello di prima andava a sommarsi a quello del giorno successivo. Notavo anche che sentivo il bisogno di smettere di lavorare dentro casa e trascorrendo più tempo all'aria aperta ed esposto al calore del sole mi sentivo meglio, sparivano le fitte. Dopo un paio di settimane in cui mi stavo rassegnando alla cronicità di questo fastidioso mal di testa, che stava iniziando a portarmi seri disturbi del sonno (risveglio anticipato, dolore agli occhi, e un po' di vertigini perché non era un sonno di qualità), ho deciso di spegnere il wifi per tutta la notte, per fare un tentativo. Pensavo sarebbe stato un tentativo inutile perché "il wifi non fa male" e stavo già rispettando "la distanza di sicurezza", quindi il problema in teoria doveva essere qualcos'altro, e invece no, era proprio il wifi (del modem con fibra ottica). L'indomani mi sono svegliato benissimo perché avevo domito molto bene, proprio come dormivo prima dell'installazione di questo modem. Il mal di testa era ancora presente ma era già diminuito di molto.

L'ho riacceso dalla mattina alla sera perché lavoro usando internet e anche se non lavoro così tante ore lo lascio acceso per comodità fino a quando non vado a dormire. Ho sempre quella sensazione che la testa sia più "pesante", come soggetta a delle pressioni quando mi avvicino al modem per attivare o spegnere il wifi, ma durante il giorno riesco a lavorare serenamente davanti al computer cosa che prima non riuscivo a fare perché il mal di testa, a causa del fatto che non dormivo bene, non mi permetteva di concentrarmi al meglio.

Per la seconda notte consecutiva ho spento il Wi-Fi e il mal di testa non era più presente al mattino seguente. E così ho risolto il problema definitivamente: niente wifi di notte e wifi attivo solo di giorno.

Una notte, un po' per pigrizia e un po' per testare (come una cavia da laboratorio), non ho spento il wifi di proposito e l'indomani mattina il mal di testa era ritornato. Non così forte come in precedenza, perché si trattava solo di una notte, ma era ritornato. Ed è scomparso nuovamente dormendo la notte successiva col wifi spento. Non sono un medico o un esperto in questo campo, probabilmente davvero non fa male, ma nel mio caso mi distruggeva inconsciamente il sonno, come se 8 ore di sonno col wifi acceso corrispondessero a 4 ore di sonno col wifi spento. Infatti sentivo il bisogno di dormire anche il pomeriggio per riposare la mente (cosa che non risolveva il problema essendo il wifi acceso, anzi mi sentivo peggio) e di indossare un copricapo invernale per ridurre le fitte alla testa (questa soluzione un po' aiutava).

Inoltre leggo spesso di persone che hanno bisogno di aumentare il proprio segnale Wi-Fi, probabilmente è questo uno dei motivi per cui non avvertono alcun problema, ovvero per loro il segnale è già debole. Nel mio caso, attraverso una comune app Android che rileva l'intensità del wifi, ho notato che nella mia postazione di lavoro e nella mia camera da letto mi dava sempre valori eccellenti e inizialmente mi segnalava -23dBm, invece posizionandomi proprio davanti al modem ottenevo un punteggio di -1dBm (notare che sono valori negativi e che per legge non è possibile superare il valore positivo di 20 dBm, quindi i valori rilevati rispettano gli standard dell'Unione Europea). Non essendo riuscito a trovare un modo per depotenziare il wifi, ho preso uno strato di cartone (il coperchio di uno scatolo di scarpe abbastanza grande) e l'ho avvolto con due fogli di alluminiocarta stagnola, poi l'ho posizionato dietro al modem (come una grotta del presepe, lasciandogli lo spazio per non farlo surriscaldare) a fare da ostacolo tra esso e la mia posizione abituale (area di lavoro).

Modem Wi-Fi - A mali estremi estremi rimedi

Così facendo ho notato che il valore era salito a -47dBm. Portandolo a -50dBm il segnale wifi diminuiva di qualità passando da eccellente a molto buono, quindi avrei potuto abbassarlo ulteriormente aggiungendo altri strati di fogli di alluminio. Questa soluzione fai da te, che diminuisce l'intensità del wifi, ma non risolve il problema per il mio sonno, l'ho fatta come un qualcosa in più perché, come già detto, il modem lo spengo per tutta la nottata e di giorno non ho nessun problema a sopportare il wifi acceso.

Questa insolita esperienza mi ha dato modo di riflettere e ho voluto condividerla con voi in modo che chi dovesse trovarsi nella mia stessa situazione possa studiare la soluzione più adatta alle proprie esigenze.


Argomenti più cercati

Seguici su

     



© Scuolissima.com - appunti di scuola online! © 2021, diritti riservati di Andrea Sapuppo
P. IVA 05219230876

Policy Privacy - Cambia Impostazioni Cookies