Buon sangue non mente - Significato


Perché si dice "Buon sangue non mente": origine, spiegazione e come si usa nella lingua italiana.

Buon sangue non mente è un proverbio italiano che si sente abbastanza spesso nei film in cui uno dei personaggi più anziani ha visto crescere due individui appartenuti a due generazioni diverse, quindi, si sente il dovere di esprimere un proprio giudizio quando queste due persone sono legate da un rapporto di parentela, in questo caso quello tra genitore e figlio.



Significato

Questo proverbio sta a significare che un figlio o una figlia abbiano ereditato da uno dei genitori o da entrambi, una loro specifica caratteristica che li contraddistingueva. Esse possono essere caratteristiche positive o pregi (il talento, la forza di volontà, il coraggio, l'altruismo ecc.) o negative (la pigrizia, la svogliatezza, la paura, l'egoismo ecc.).



Origine

Quando ancora le ricerche scientifiche non erano giunte a uno stato avanzato come quello di oggi (cioè non si sapeva nulla della genetica), si pensava che i caratteri ereditari dipendessero dal sangue (mentre oggi sappiamo che dipendono dai geni di un individuo). Il primo a chiarire le modalità attraverso cui avviene la trasmissione dei caratteri ereditari fu Gregor Mendel, ricorrendo a incroci tra individui con caratteri differenti (ibridazione).

Tuttavia il carattere di una persona non ha nulla a che vedere con i geni ereditari. Sono ereditarie le tendenze a comportarsi in un determinato modo, ma non il carattere. Il carattere di una persona è frutto dell'educazione ricevuta, del contesto in cui è vissuta e delle situazioni affrontate. Se vi state chiedendo perché un figlio possa avere un carattere simile a quello dei genitori è semplicemente perché tende ad imitarli e perché loro lo hanno educato secondo i loro metodi.

Il proverbio, ovviamente, salta la parte scientifica e trae subito le sue conclusioni.



Come si usa?

Questo proverbio lo si usa quando si individuano delle somiglianze tra genitore e figlio. È piacevole sentirselo dire se usato per fare un complimento, mentre è terribile se usato in modo negativo perché infierisce sia sulla persona che lo riceve e, soprattutto, verso i suoi familiari.

Esempio positivo:
Giulio ha un buon fiuto per gli affari. Proprio come suo padre. Buon sangue non mente!

Esempio negativo:
Credi di risolvere i problemi attraverso l'alcool. Anche tuo padre usava lo stesso metodo, e guarda che fine che ha fatto. Beh, buon sangue non mente!


Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".