Una mela al giorno leva il medico di torno


Cosa significa il proverbio "Una mela al giorno leva il medico di torno": origine, spiegazione e come si usa nella lingua italiana.

Una mela al giorno leva il medico di torno è uno di quei proverbi della lingua italiana che sentiamo di frequente, specie in televisione quando si parla di virus e influenza o nelle riviste che affrontano l'argomento salute e benessere. Quello che ci si chiede è cosa rende la mela così speciale e perché non si dice lo stesso per altri frutti come la banana o la pesca.


Significato

Quello che non tutti sanno è che la mela possiede proprietà benefiche ben superiori ad altre tipologie di frutta e se addirittura esiste un proverbio che lo afferma, vuol dire che il suo valore già si conosceva da molto tempo addietro. Mangiando altra frutta potrete ottenere tutti i singoli benefici della mela, ma questo è l'unico frutto che le racchiude tutti al suo interno.

Qui di seguito ne riportiamo alcuni:

1) La mela contiene contiene vitamine importanti come provitamina A, vitamine B1 (che combatte inappetenza, stanchezza e nervosismo), B2 (che facilita la digestione, protegge le mucose della bocca e dell’intestino e rinforza capelli e unghie), B6, E e C (che migliora notevolmente il nostro sistema immunitario).

2) Previene le malattie cardiache.

3) Ha poche calorie. Una mela di dimensioni medie ha fra le 70 e le 100 Calorie.

4) Le mele prevengono molti tipi di tumori come il cancro al colon, il cancro della prostata ed il cancro al seno. Però lo studio americano fa riferimento solo ed esclusivamente alla buccia delle mele.

5) Aggiustano i valori del colesterolo. Riduce il colesterolo cattivo e aumenta quello buono

6) Prevengono le carie. Il succo di mele ha proprietà che possono uccidere fino all'80% dei batteri, inoltre contiene l'acido ossalico che sbianca i denti. Così toglie anche il dentista di torno!

7) Protegge da malattie cerebrali. Questa è una cosa che pochi sanno ma forse è la più importante.

8) È l'ideale per i diabetici perché ha pochi zuccheri e tiene sotto controllo la glicemia.

9) Fa bene ai polmoni. Si ritiene che mangiando mele si riesce a respirare meglio.

10) Sono buone!! Ce ne sono di vari gusti e colori (verdi, rosse, gialle) e non a caso si tratta di uno dei frutti più apprezzati dagli italiani.


Appunto perché gli effetti benefici delle mele sono tanti, il proverbio ci scherza su, lasciando intuire che mangiandole quasi non serve nemmeno recarsi periodicamente dal dottore per farsi visitare, perché si starà sempre bene... e che il cibo, quello sano e naturale, è la migliore medicina!



Origine

L'origine di questo proverbio è incerta, come tutti i proverbi d'altronde, e anche se non lo si può attribuire a nessuno con certezza, vi sono state varie persone del passato che l'hanno usato, seppure in forma leggermente diversa, ma con lo stesso significato.

Molte fonti dicono che il primo uso conosciuto di questo proverbio fu di Pembrokeshire (Galles) nel 1866 :
Eat an apple on going to bed And you'll keep the doctor from earning his bread.


Altre fonti attribuiscono il proverbio a Benjamin Franklin, affermando che lo abbia incluso nel "Poor Richard's Almanack" (pubblicato dal 1732 al 1758).


Il Dizionario dei cliché sostiene che le versioni di questo detto risalgono al diciassettesimo secolo o prima, e che fece la sua comparsa nella proverbiale raccolta di John Ray del 1670.
He that would an old wife wed, Must eat an apple before he goes to bed


Ancora un'altra fonte sostiene che il proverbio risalga all'antica Roma.



Uso

Una frase in forma di filastrocca che si utilizza molto spesso quando si dice a qualcuno che deve mangiare più frutta, quindi la mela, che è disponibile tutte le stagioni dell'anno.

- Basta dolciumi per spuntino, ho comprato apposta delle mele! E come dice il famoso proverbio: una mela al giorno toglie il medico di torno...


Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".