Essere l'ultima ruota del carro


Cosa significa il detto "Essere l'ultima ruota del carro" inteso come non contare quasi nulla: origine, spiegazione e come si usa nella lingua italiana.
Essere l'ultima ruota del carro è un modo di dire molto diffuso nella lingua italiana. Cosa intendiamo quando pronunciamo questa frase? Da cosa ha origine? Quando va utilizzata?



Significato e origine

L'origine di questa espressione va ricercata nel mondo contadino. L'ultima ruota del carro era una quinta ruota che si teneva di riserva come pezzo di ricambio per i trasferimenti particolarmente lunghi. Ma le ruote di un carro agricolo sono robuste e resistenti, a meno che non si finisse in qualche buca era piuttosto raro che si rompessero e, infatti, a questa ruota di scorta si dedicava poca importanza perché si era certi che il viaggio sarebbe filato tutto liscio e che non si sarebbe verificata alcuna situazione di emergenza. Quindi essere l'ultima ruota del carro vuol dire non avere alcun peso né autorità, contare molto poco o nulla.

Un'altra modo di dire, dal significato simile, è "Contare come il 2 di Briscola".



Curiosità

"L'ultima ruota del carro" è anche il titolo di un film italiano del 2013, che parla di un traslocatore a cui il padre aveva predetto un futuro da "ultima ruota del carro".



Uso

Il modo di dire viene utilizzato principalmente per scherzare, per prendersi gioco di una persona, che in alcune situazioni non viene presa in considerazione, probabilmente perché non è considerata adatta per quel tipo di compito/lavoro, oppure perché ce ne sono ancora migliori a disposizione, che possono prenderne il posto. Tuttavia, la persona trascurata è ugualmente conveniente averla vicino a sé, perché al momento del bisogno fa sempre comodo avere una persona in più su cui contare... almeno fino a quando anch'essa non si stanca di essere considerata l'ultima ruota del carro, perché si rende conto di non stare ricevendo un trattamento educato e rispettoso nei suoi confronti.

L'ultima ruota del carro potrebbe essere la persona che si invita solo per fare numero: in occasione di uscite fra amici, di gite che richiedono un numero minimo per partire, o in quella dove ci siamo passati tutti da piccoli, alcuni anche in prima persona: nelle partite di calcio o calcetto. Quelli più grassottelli o poco abili coi piedi venivano spesso esclusi dalla squadra titolare, ma messi in panchina, come seconda o terza scelta, richiamati solo per fare il portiere all'occorrenza.

Possiamo dedurre che essere l'ultima ruota del carro, in genere, è svantaggioso, specialmente quando si tratta di decisioni tra tante persone o di informazioni in ambito lavorativo. Essere esclusi in qualcosa è penalizzante dal punto di vista della carriera perché significa che non si viene ritenuti all'altezza; tuttavia, potrebbe rivelarsi un vantaggio quando le cose non vanno per il verso giusto e ci sono delle responsabilità da assumersi: non contare nulla, in questi casi, è sicuramente un vantaggio.


Esempio:
- Mi dispiace io non posso fare niente, sono l'ultima ruota del carro!
- Sono stanco di essere l'ultima ruota del carro!
- Essere l'ultima ruota del carro con niente da perdere è un ottimo punto di partenza.


2 commenti :

  1. Una banale correzione, il detto non è: come il 2 di briscola ma come il 2 sotto l'asso di briscola. Il 2 di briscola comunque resta una briscola e prende qualsiasi cosa che non è una briscola.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, le briscole nella vita reale sono gli amici o i colleghi di lavoro, e il 2 di briscola è quello che nella graduatoria, per ordine di importanza, è ultimo... ma viene usato all'occorrenza quando non ci sono altre briscole sul tavolo più alte oppure come briscola sacrificabile.
      Ovviamente esiste anche il modo di dire che hai citato e anche altre varianti, magari lo andrò a spiegare meglio in un nuovo articolo.

      Elimina

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".