O rosa e giglio e flore aloroso - Dante da Maiano


Testo:

[O] rosa e giglio e flore aloroso,
perché ancidete lo vostro servente?
Ché piango e chero voi, viso amoroso,
perciò che tutto son vostro ubidente.
Quando lo sguardo, fammi star pensoso,
tant’è gioioso, fresco ed avenente:
volere e core meo, sie coraggioso,
perch’ami lo rubino sprendïente.
E sprendïente siete come ’l sole,
angelica figura e dilicata,
ch’a tutte l’altre togliete valore.
Se risplendete, l’alto Edeo lo vole;
nulla bellezza in voi è mancata:
Isotta ne passate e Blanzif[l]ore.


Parafrasi

Rosa, giglio, fiore profumato, perché uccidete il vostro servo? Poiché io piango e invoco voi, viso amoroso, poiché io sono in tutto sottomesso alla vostra volontà. Quando lo guardo [il vostro viso] mi fa restare  pensoso, tanto è gioioso, fresco e grazioso: mia volontà e mio cuore, siate coraggiosi, perché voi amate il rubino rispendente. E splendente siete come  il sole, angelica e delicata figura, tanto che togliete valore a tutte le altre. Se siete tanto splendida è perché così vuole l'alto Iddio; non manca a voi bellezza alcuna; superata Isotta e Biancoforte.


Commento

È una raccolta di rime antiche del 1527: così è nata l'ipotesi, corretta dal Novati e dal Debenedetti, che si tratti di una invenzione umanistica. Il gusto, la lingua, l'esplicito richiamo a famosi personaggi francesi, Isotta, Biancofiore amante di Florio, fanno del maianese un «frutto un po' fuori stagione» come osserva il Contini, proprio negli anni dello Stilnovo.


Argomenti più cercati

Seguici su

     



© Scuolissima.com - appunti di scuola online! © 2021, diritti riservati di Andrea Sapuppo
P. IVA 05219230876

Policy Privacy - Cambia Impostazioni Cookies