La splendiente luce, quando apare - Chiaro Davanzati


Testo, parafrasi, analisi e commento del sonetto "La splendiente luce, quando apare" scritto da Chiaro Davanzati.

Testo:

La splendiente luce, quando apare,
in ogne scura parte dà chiarore;
cotant'ha di vertute il suo guardare,
che sovra tutti gli altri è 'l suo splendore:

così madonna mia face alegrare,
mirando lei, chi avesse alcun dolore;
adesso lo fa in gioia ritornare,
tanto sormonta e passa il suo valore.

E l'altre donne fan di lei bandiera,
imperatrice d'ogni costumanza,
perch'è di tutte quante la lumera;

e li pintor la miran per usanza
per trare asempro di sì bella cera,
per farne l'altre genti dimostranza.



Parafrasi

La luce sfolgorante, quando appare, rischiara ogni luogo buio; il suo sguardo racchiude tanta virtù che il suo splendore supera tutti gli altri: così la mia donna riconforta, al solo guardarla, chiunque abbia una pena; subito lo fa ritornare felice, tanto la sua virtù è eccellente e straordinaria. E le altre donne ne fanno una bandiera, imperatrice di ogni buon costume, perché è la luce che le illumina tutte; e i pittori sono soliti guardarla per trarre una copia da un sì dolce viso, onde poterlo mostrare a tutti.


Commento

Il tema iniziale del sonetto, presente in una lauda cortonese e in Bonagiunta, ha fatto pensare a una fonte comune, provenzale; Guinizelli lo riprende nel sonetto Vedut'ho la lucente stella diana. Qui il motivo non si stacca dalla convenzione cortese che fa di «madonna» un esempio per le altre donne e un modello per i pittori.


Argomenti più cercati

Seguici su

     



© Scuolissima.com - appunti di scuola online! © 2021, diritti riservati di Andrea Sapuppo
P. IVA 05219230876

Policy Privacy - Cambia Impostazioni Cookies