Venerdie - Folgore da San Gimignano


Testo:

Ed ogni venerdí gran caccia e forte:
veltri, bracchetti, mastini e stivori,
e bosco basso miglia di staiori,
là ove si troven molte bestie accorte,

che possano veder, cacciando, scorte:
e rampognare insieme i cacciatori,
cornando a caccia presa i cornatori:
ed allor vemgan molte bestie morte.

E poi recogliere i cani e la gente,
e dicer: "L’amor meo manda a cotale".
"Alle guagnele, serà bel presente!"

"Ei par che i nostri cani avesser ale!"
"Te’, te’, Belluccia, Picciuolo e Serpente,
ché oggi è ’l dí della caccia reale!"


Parafrasi

E ogni venerdì vi sia gran caccia: veltri, bracchetti, mastini e segugi da traccia, e un bosco basso in piano, esteso migliaia di staioni [misura di superficie], là dove si trovano radunate molte bestie, sì che le vedette possano scorgerle bene cacciando; e si riuniscano insieme i cacciatori, quando i suonatori di corno soffiano forte, a caccia terminata; e allora siano uccise molte bestie. E poi, radunati i cani e la gente, si dica:
«Il mio amore manda [un dono] a colei»
«Per i santi Vangeli, sarà un  bel regalo!»
«Sembrava che i nostri cani avessero le ali!»
«Te', te', Belluccia, Picciuolo e Serpente, che questo è giorno di gran caccia!»


Commento

Al venerdì una caccia degna di re, coi veltri e i mastini; finita la battuta il cacciatore manda, in omaggio all'amata, la bestia uccisa. Il ritmo del sonetto rende efficacemente l'immagine animata della caccia, le voci, l'allegria del ritorno.


Argomenti più cercati

Seguici su

     



© Scuolissima.com - appunti di scuola online! © 2021, diritti riservati di Andrea Sapuppo
P. IVA 05219230876

Policy Privacy - Cambia Impostazioni Cookies