Tempi del Modo Congiuntivo


Prima di iniziare a spiegare il congiuntivo, inserisco delle frasi che analizzeremo in subito dopo:
  1. Prego, si sieda (presente).
  2. La fortuna ti assista (presente).
  3. Magari pagasse (imperfetto) il debito!
  4. Non so dove sia andata (passato).
  5. Poteva darsi che avesse avuto (trapassato) fretta.
  6. Se avessi (imperfetto) un lavoro, sarei più tranquillo.
  7. Ammettete che abbia avuto (passato) ragione.

Il modo congiuntivo può esprimere:
  • esortazione (primo esempio)
  • desiderio (secondo esempio)
  • dubbio (quarto esempio)
  • possibilità (quinto esempio)
  • ipotesi (sesto esempio)
  • concessione (settimo esempio)

I tempi del congiuntivo sono quattro:

 Il presente: indica un fatto che si può realizzare nel presente, ed esprime anche un augurio, un comando, un invito: Si accomodi. Faccia presto!
 L'imperfetto: indica un fatto che si poteva realizzare nel passato, in relazione di contemporaneità con un altro fatto passato: Speravo che venisse!
esprime anche un augurio, un desiderio:
Si ricordasse almeno dell'anniversario!
 Il passato: indica un fatto che si poteva realizzare nel passato in relazione di anteriorità con un altro fatto collocato nel presente: Mi auguro che l'abbia aggiustato.
 Il trapassato: Indica un fato che si poteva realizzare nel passato, in relazione di anteriorità con un altro fatto passato: Temevo che fosse già partito.


L'uso del congiuntivo
Come nella maggior parte delle lingue moderne, anche in italiano il congiuntivo tende lentamente a cedere il posto all'indicativo che è più facile da usare e non genera errori.
Spesso il congiuntivo ha il significato dell'indicativo, per cui sentono dire frequentemente frasi come:
Credo che tu hai (= abbia) ragione.
Penso che ce la fai (= faccia).
Se ero (= fossi) più giovane, venivo (= verrei) con voi.
E' l'unica persona che lo sa (= sappia).
Lo hanno promosso non perché era (= fosse) preparato ma perché aveva ormai sedici anni.

LEGGI ANCHE: Frasi con il modo congiuntivo


Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail.