Biografia: Erik Marie Remarque



Biografia:
Erik Remark (questo il suo vero nome), nacque a Osnabruk (in Westfalia) nel 1898. Nel 1916, giovanissimo e pieno di entusiasmo si arruolò volontario nella prima guerra mondiale e quella dura esperienza gli fece comprendere l’assurdità di combattere un nemico che in realtà è un uomo e gli fece scoprire i valori della fratellanza e della condanna di ogni forma di violenza. Manifestò queste convinzioni nel suo romanzo più famoso Niente di nuovo sul fronte occidentale (1929), un’amara analisi delle spaventose distruzioni materiali e spirituali che la guerra inevitabilmente porta con sé. Nel 1932, sospettato di disattivo dal governo nazista che stava prendendo il potere, si trasferì in Svizzera e nel 1939, alla vigilia della II guerra mondiale, emigrò negli Stati Uniti e prese la cittadinanza americana. Morì nel 1970.

Le idee e la poetica
La caratteristica delle opere di Remarque è un crudo realismo che nasce dal bisogno di testimoniare i fatti con obiettiva lucidità. Tutta le sue opere sono una radicale condanna delle sue conseguenze; sono quindi ispirate a ideali pacifisti e di solidarietà umana. Lo scrittore non perde mai di vista l'uomo e i suoi sentimenti, smarrimento, dolore, paura, odio, ansia di bene, bisogno di tenerezza, amore per la vita: da questo sgorgano pagine di profonda sensibilità, anche se, talvolta, indulgenti a qualche enfasi retorica.

Le sue opere di maggior successo sono:

Niente di nuovo sul fronte occidentale (Im Westen nichts Neues, 1929): è un appassionata cronaca in prima persona dell'esperienza di Remarque nella prima guerra mondiale. L'autore descrive gli orrori dei campi di battaglia del fronte occidentale dove egli combatté. Il titolo è polemico: vuole indicare che quelli che vengono narrati non sono fatti eccezionali, ma è la routine della guerra, fatti di tutti i giorni che possono far dire, a chi sta nelle retrovie e aspetta notizie, che non c'è niente di nuovo.

Arco di Trionfo (Arc de Triomphe, 1947): una appassionata storia d'amore che ha per sfondo Parigi durante l'occupazione tedesca della Francia, nella seconda guerra mondiale.

Tempo di vivere tempo di morire (Zeit Zu leben und Zeit zu sterben, 1954): un giovane soldato tedesco, durante una licenza dal fronte, incontra una ragazza sola e disperata dopo che il padre è stato ucciso dai tedeschi perché ebreo. In mezzo alle macerie di Wedern dilaniata dai bombardamenti, i due giovani si amano e si sposano, ma la guerra non darà loro la possibilità di godere la loro gioia.

Dai romanzi di Remarque sono stati tratti dei film di successo:
All'Ovest niente di nuovo,
Arco di Trionfo,
Tempo di vivere, tempo di morire.


Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail.


© Scuolissima.com - appunti di scuola online! © 2021, diritti riservati di Andrea Sapuppo
P. IVA 05219230876

Policy Privacy - Cambia Impostazioni Cookies