Scuolissima.com - Logo


Giovanni Pascoli: L'Assiuolo


La lirica è divisa in strofe, scandite dall'onomatopea chiù, che riproduce il verso dell'uccello ed è anche il nome con cui esso viene chiamato nel dialetto romagnolo. Le immagini con cui il poeta rappresenta il paesaggio notturno, abbozzate e sfumate, e i suoni che lo percorrono, sono il simbolo di uno stato d'animo dominato dall'inquietudine di fronte all'ignoto.

Testo: L'Assiuolo
Dov’era la luna? ché il cielo
notava in un’alba di perla

Parafrasi: L'Assiuolo
Mi chiedo dove sia andata a finire la luna, visto che il cielo era immerso in un chiarore perlaceo.

Analisi del testo: L'Assiuolo
Secondo la critica moderna questa lirica per il suo linguaggio e il tono simbolico si può considerare la più perfetta dell’arte pascoliana.

Commento: L'Assiuolo
Il componimento delinea un paesaggio notturno.

Figure retoriche: L'Assiuolo
Questi suoni creano un'atmosfera di tensione ed attesa.


🧞 Continua a leggere su Scuolissima.com

Cerca appunti o informazioni su uno specifico argomento. Il nostro genio li troverà per te.


Oppure...
Esegui una ricerca a caso ►

© Scuolissima.com - appunti di scuola online! © 2023, diritti riservati di Andrea Sapuppo
P. IVA 05219230876

Policy Privacy - Cambia Impostazioni Cookies