Giosue Carducci: Funere Mersit Acerbo



Testo: Funere Mersit Acerbo

O tu che dormi là su la fiorita
Collina tosca, e ti sta il padre a canto;


Parafrasi: Funere Mersit Acerbo
O tu - dice il poeta, rivolgendosi al fratello Dante - che riposi là sulla fiorita collina toscana di S. Maria a Monte.

Analisi del testo: Funere Mersit Acerbo
In questo breve canto così accorato, ma pur sereno nella sua dolorosa ispirazione, il Carducci raccoglie il commosso ricordo del fratello.

Commento: Funere Mersit Acerbo
E' un sonetto ricco di verità umana e di movimento drammatico. Il poeta, un padre, sente con sgomento l'impossibilità di proteggere il suo bambino nella buia regione dei morti dove il destino l'ha spinto


Argomenti più cercati

Seguici su

     



© Scuolissima.com - appunti di scuola online! © 2021, diritti riservati di Andrea Sapuppo
P. IVA 05219230876

Policy Privacy - Cambia Impostazioni Cookies