Riassunto 25 capitolo del Principe, La Fortuna


di Machiavelli
Capitolo XXV


Machiavelli inizia questo capitolo dicendo che secondi gli uomini le cose succedono sono per metà opera della frtuna e per l’altra metà opera di Dio. Invece Machiavelli dice che per il 50% le cose avvengono grazie alla fortuna e per il restante 50% avvengono in seguito alle azioni umane. Poi fa diminuire questa percentuale dando però campo alle azioni umane e dicendo che la fortuna è come un fiume in piena e nel momento di calma si devono costruire e rinforzare gli argini per far sì che il fiume non straripi (azioni preventive).
Gli uomini devono tenere un atteggiamento prudente. L'uomo deve saper adattare il suo comportamento alla situazione,quindi deve essere impetuoso e previdente. Poi si paria di Giulio II che è stato un uomo impetuoso perché si impadronì di Bologna senza che nessuno glielo impedisse. Machiavelli conclude dicendo che gli uomini sono felici se la fortuna è in linea.
Poi dice che bisogna essere prudenti perché la fortuna è donna e come loro ama i giovani che sono di temperamento impetuoso, quindi la fortuna la si può tenere in pugno battendola.


Argomenti più cercati

Seguici su

     



© Scuolissima.com - appunti di scuola online! © 2022, diritti riservati di Andrea Sapuppo
P. IVA 05219230876

Policy Privacy - Cambia Impostazioni Cookies