Poesie per la festa della donna


In occasione dell’8 marzo presento una raccolta di poesie sulla festa della donna, riprese dal web e da libri di poesia e, molte delle quali portano la firma di personaggi e autori importanti. Le scrivo nella speranza che possiate dedicare un augurio speciale alle donne importanti della vostra vita: mamme, mogli, nonne, fidanzate, cugine, amiche, sorelle e colleghe di lavoro. Se invece siete in cerca di testi più semplici per onorare questo giorno o divertenti per far ridere la vostra lei, vi consigliamo la lettura delle frasi di auguri per la festa della donna.

(Donna di Madre Teresa di Calcutta)
Tieni sempre presente che la pelle fa le rughe,
i capelli diventano bianchi,
i giorni si trasformano in anni...
Però ciò che è importante non cambia;
la tua forza e la tua convinzione non hanno età.
Il tuo spirito è a colla di qualsiasi tela di ragno.
Dietro ogni linea di arrivo c'è una linea di partenza.
Dietro ogni successo c'è un'altra delusione.
Fino a quando sei viva, sentiti viva.
Se ti manca ciò che facevi, torna a farlo.
Non vivere di foto ingiallite...
insisti anche se tutti si aspettano che abbandoni.
Non lasciare che si arrugginisca il ferro che c'è in te.
Fai in modo che invece che compassione, ti portino rispetto.
Quando a causa degli anni non potrai correre, cammina veloce.
Quando non potrai camminare veloce, cammina.
Quando non potrai camminare, usa il bastone.
Però non trattenerti mai!


Sono terra scura e fertile
suolo robusto
dove appoggi piedi sicuri
e corri
Sono cielo sereno
a volte di tempesta...
e mare increspato di onde
portatrici di vita
Sono grembo di madre
passione profonda di amante
sorriso d'amica
e tenera carezza di ala
consolatrice
Sono la risata del tuo giorno
e le lacrime
che piangi in segreto
di notte
Sono...
sono una donna.


Sorridi donna
sorridi sempre alla vita
anche se lei non ti sorride

Sorridi agli amori finiti
sorridi ai tuoi dolori sorridi comunque

Il tuo sorriso sarà:
luce per il tuo cammino
faro per naviganti sperduti

Il tuo sorriso sarà:
un bacio di mamma
un battito d'ali
un raggio di sole per tutti.


(Alla mia donna - Marco Pellecani)
Oh Donna, tu che mia figlia in grembo portasti
Bella donna! Meravigliosa!
Sei.... come il sole che riscalda,
legna che brucia nel camino, l'inverno.
Sei... come musica che rompe il silenzio!
Sei... quella voce che rassicura,
chiama, chiede dove sono!
Sei... quella parte che mancava in me,
ora, non più
perché sei con me!
Tu Sei la Mia Donna.


(8 Marzo - Michele Luongo)
Buon 8 marzo, a tutte le donne
A quelle che non hanno il dono di un sorriso
A quelle che non hanno una carezza sulla pelle
A quelle che non conoscono la dolcezza
A quelle che in silenzio subiscono la violenza.
A quelle che non possono sciogliersi i capelli al vento
Buon 8 marzo, a tutte le donne
A quelle che abbracciano con amore
A quelle che illuminano l’anima
A quelle che parlano dentro oltre lo sguardo
A quelle che sorridono con i colori dell’arcobaleno
A tutte quelle che danno energia alla libertà della vita


(Donna: creatura inimitabile - Francesca Lamanuzzi)
Elevazione di uno sguardo sfuggente,
sapore di acqua di rose,
velluto caldo e morbido,
esistenza profonda e misteriosa,
animo libero e sensuale...
dimostrazione di un amore casto e puro
simbolo del peccato dall'inizio dei tempi
ora sublime e insostituibile


(Corpo di donna - Pablo Neruda)
Corpo di donna, bianche colline, cosce bianche,
assomigli al mondo nel tuo gesto di abbandono.
Il mio corpo di rude contadino ti scava
e fa scaturire il figlio dal fondo della terra.
Fui solo come un tunnel. Da me fuggivano gli uccelli
e in me irrompeva la notte con la sua potente invasione.
Per sopravvivere a me stesso ti forgiai come un'arma,
come freccia al mio arco, come pietra per la mia fionda.
Ma viene l'ora della vendetta, e ti amo.
Corpo di pelle, di muschio, di latte avido e fermo.
Ah le coppe del seno! Ah gli occhi d'assenza!
Ah le rose del pube! Ah la tua voce lenta e triste!
Corpo della mia donna, resterò nella tua grazia.
Mia sete, mia ansia senza limite, mio cammino incerto!
Rivoli oscuri dove la sete eterna rimane,
e la fatica rimane, e il dolore infinito.


(Sorrido di donna)
Sorridi donna
sorridi sempre alla vita
anche se lei non ti sorride

Sorridi agli amori finiti
sorridi ai tuoi dolori sorridi comunque

Il tuo sorriso sarà:
luce per il tuo cammino
faro per naviganti sperduti

Il tuo sorriso sarà:
un bacio di mamma
un battito d'ali
un raggio di sole per tutti.



Come una mimosa
A voi che ora siete nella primavera,
che potete ancor cogliere i fiori dell’età,
correre tra i giovani prati verdi e assolati,
il mio invito è a vivere la giornata con sincerità.
Accogliete, vi prego, angeli dagli occhi cristallini,
la purezza di un cielo colorato come diamante,
disdegnate la falsa luce dei lampi
e l’ingannevole rumore dei tuoni;
Disdegnate, vi dico, creature libere e sognanti,
il bacio avvelenato di una bellezza che vi inganna,
accogliete il profumo morbido di una povera rosa.
Perché voi, che siete libere farfalle,
dalle ali vergini di una scia di luce,
come una mimosa,
in mezzo a un mondo sporco e al dolore eterno,
con una parola,
segnate la fine del mio inverno.


(Essere o dare - Samuele Ardigò)
Le donne donano la vita,
le donne sono vive,
le donne regalano comprensione,
le donne sono lacrime non soluzione,
danno speranza,
sono dolore,
danno l'idea della perfezione,
sono il dannato rimorso dell'essere,
danno valore al creato,
sono il crudele ghigno del creato...
Amo le donne per quello che sono non per quello che danno



(Donna - Rabindranath Tagore)
Donna, non sei soltanto l'opera di Dio
ma anche degli uomini, che sempre
ti fanno bella con i loro cuori.
I poeti ti tessono una rete
con fili di dorate fantasie
i pittori danno alla tua forma
sempre nuova immortalità.
Il mare dona le sue perle,
le miniere il loro oro,
i giardini d'estate i loro fiori
per adornarti, per coprirti,
per renderti sempre più preziosa.
Il desiderio del cuore degli uomini
ha steso la sua gloria
sulla tua giovinezza
Per metà sei donna,
e per metà sei sogno


(Donne non solo l'8 marzo)
Donne deluse
da labbra di fiele,
lasciate da parte
o ridotte in catene,
donne usurpate
strappate alla vita,
piccole donne
e una grande ferita.
Donne sfruttate,
incomprese, sedate,
da un mondo che ancora
invoca barbarie.
Donne comunque
accezione speciale
stille di gioia
nel cielo d'estate,
lasciate fiorire
come dolci promesse,
vincitrici morali
di molte scommesse;
donne in un grido
per un giorno migliore,
donne per sempre
messaggere d'amore


(Tu donna di Massimo G.)
Tu
tu sei la brezza prima della tempesta
tu sei l'arcobaleno dopo il temporale
tu sei il sole che colora di gioia il mio cuore
tu sei la stella che illumina il mio cielo
tu sei un sospiro d'amore nella notte.
Tu, donna.
Forza, allegria
gioia, semplicità
orgoglio, insicurezza
certezza, paura
speranza, stanchezza.
Semplicemente tu, donna



(La donna delle stagioni)
Dolce, sei come la primavera
riempi di sole le notti
ed i miei giorni.
Improvvisa, sei come l'estate
mentre le stelle ti stanno a guardare
la luna sorride
a ogni tuo sorriso,
e io t'amo.
Triste a volte, come l'autunno
il giallo autunno,
che spoglia la terra
mentre io vorrei spogliare te
da ogni indecenza e ipocrisia
per poterti amare.
Bianca infine, sei come l'inverno
che copre la natura,
ma io ti vedo nuda e semplice
accanto a me,
perché ti voglio amare


(di M. Ruggi)
A te donna,
goccia di rugiada,
perla di desiderio,
gemma di solitudine,
labirinto di pensieri
dove smarrirsi,
spazio infinito
in cui ritrovarsi,
orli di vita strappati,
schegge di felicità rapita...
Faro luminoso
nell'isola dell'amore,
a te voglio approdare,
con la mia umile barchetta,
colmo di gratitudine!


Donne leggiadre
come farfalle
scie luminose
come stelle
essenze profumate
come primavere
fantasie colorate
come arcobaleni
tutto racchiuso nel cuore di donna.


(Donna non sei solo - Rabindranath Tagore)
Donna, non sei soltanto l' opera di Dio,
ma anche degli uomini, che sempre
ti fanno bella con i loro cuori.

I poeti ti tessono una rete
con fili di dorate fantasie;
i pittori danno alla tua forma
sempre nuova immoralità.

Il mare dona le sue perle,
le miniere il loro oro,
i giardini d' estate i loro fiori
per adornarti, per coprirti,
per renderti sempre più preziosa.

Il desiderio del cuore degli uomini
ha steso la sua gloria
sulla tua giovinezza.
Per metà sei donna, e per metà sei sogno.


(di William Shakespeare)
Per tutte le violenze consumate su di lei,
per tutte le umiliazioni che ha subito,
per il suo corpo che avete sfruttato,
per la sua intelligenza che avete calpestato,
per l’ignoranza in cui l’avete lasciata,
per la libertà che le avete negato,
per la bocca che le avete tappato,
per le sue ali che avete tarpato,
per tutto questo:
in piedi, signori, davanti ad una Donna!



Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".