Proverbi siciliani


In questa pagina trovate una raccolta di proverbi, modi di dire e detti siciliani, una lingua che suscita parecchio interesse verso chi l'ascolta e, in particolare le frasi fatte, come i proverbi, sono molto ricercate perché rispecchiano la saggezza popolare. Alcuni dei proverbi inclusi nell'elenco sono di origine italiana, tuttavia essendo utilizzati anche in Sicilia, li trovate tradotti in siciliano. Subito dopo la frase in siciliano, segue la traduzione letterale in italiano e poi il relativo significato.

1) U rispettu è misuratu, cu lu porta l’havi purtato.
Il rispetto è misurato. Chi lo porta lo riceve.
Il rispetto si porta nella stessa misura con cui si riceve.

2) Cu mancia fa muddichi.
Chi mangia fa briciole.
Chi fa qualcosa commette qualche errore al contrario di chi fa nulla oppure nel senso che si lascia sempre traccia di quello che si fa.

3) U lupu di mala cuscenza comu opira penza.
Il lupo disonesto pensa degli altri ciò che potrebbe fare lui.

4) Aceddu 'nta la aggia non canta p'amuri, ma pi raggia.
Uccello in gabbia non canta per amore, ma per rabbia.
È riferito a chi si arrabbia non potendosi esprimere liberamente.

5) Nuddu si pigghia si non si rassumigghia.
Le persone si scelgono perché si somigliano.
Spesso due partner si mettono insieme perché hanno in comune molti caratteri.

6) Munti cù munti non s`incontrunu mai.
I monti non s'incontrano mai con altri monti.
Invece le persone prima o poi s'incontrano.

7) U bonu no vali cchiù di nu tintu sì.
Il no detto con grazia vale più del sì detto sgarbatamente.

8) Quannu u diavulu t'accarizza voli l'arma.
Quando il diavolo ti adula vuole l`anima.

9) A pignata vaddata non vugghi mai.
La pentola guardata non bolle mai

10) L'arbulu s'addizza quannu è picciriddu.
L'alberto si raddrizza quando è piccolo.

11) Megghiu sulu ca mala accumpagnatu.
Meglio solo che male accompagnato.

12) Attacca lu sceccu unni voli u patruni.
Lega l'asino dove vuole il padrone.
Fare qualcosa come ti hanno detto e non prendere iniziative.

13) U lettu fa du cosi, si non dormi t'arriposi. 
Il letto fa due cose, se non dormi ti riposi

14) Megghiu n'ovu oggi ca na iaddina dumani.
Meglio l' uovo oggi e la gallina domani

15) Cu non fa nenti non sbagghia nenti.
Solo chi non fa niente non commette errori.

16) Lu sceccu porta a pagghia, e lu sceccu si la mancia.
L'asino porta la paglia, e l'asino se la mangia.

17) Adduma i fari prima di parrari.
Accendi il lume della ragione prima di parlare.

18) Prima 'i parari mastica i paroli. 
Prima di parlare mastica le parole.

19) Usa zoccu hai e non chiangiri chiddu ca non hai.
Adopera quello che hai e non piangere per ciò che non possiedi.

20) Lu giuvini uziusu, sennu vecchiu è bisugnusu.
Il giovane ozioso, quando è vecchio sarà bisognoso.
Chi non semina in gioventù, non raccoglie in vecchiaia.

21) U sticchiu è duci e cu'unnavi jetta vuci.
La vagina è dolce e chi ne è privo si lamenta.

22) Di `na rosa nasci `na spina. Di `na spina nasci `na rosa.
Da una rosa nasce una spina, da una spina nasce una rosa.

23) Zoccu nasci si vattja.
Quello che nasce si battezza.

24) Megghiu vivìri n'gnornu di liuni ca cent'anni di pecura.
Meglio vivere un giorno da leone, che cent'anni da pecora.

25) Voli a vutti china e a mugghieri 'mbriaca.
Vuole la botte piena e la moglie ubriaca.

26) Cu nesci arrinesci.
Chi esce, riesce.
Chi si allontana dal suo ambiente viene a trovarsi in una condizione migliore.

27) Venisti pi futtiri e fusti futtutu.
Sei venuto per fregare e sei stato fregato.
Volevi fare troppo il furbo e ci ha rimesso di persona.

28) U pupu, quannu si vesti bonu, si senti puparu.
Il pupo, quando si veste bene, si sente puparo.

29) Ogni cani è liuni na sò casa. 
Ogni cane nelle sua casa si sente un leone.

30) Dui su' i putenti, cu avi assai e cu non avi nenti.
Due sono i potenti, chi ha tanto e chi non ha niente.

31) U pisci fete siempre ra testa.
Il pesce inizia a puzzare dalla testa.
Il mal governo o le cattive qualità derivano da chi sta più in alto e impone le sue idee.

32) Servu d'autru si fa cu dici i sigretu ca sapi. 
Chi racconta i propri segreti si fa servo degli altri.

33) Chiddu ca fa p'i mo denti non fa p`i me parenti.
Ciò che è utile per me non lo è per gli altri.

34) U varagnu fa passari 'a stanchizza.
Il guadagno fa passare la stanchezza

35) Fai beni e scordatilu, fai mali e pensaci. 
Fai il bene e dimenticalo, fai il male e pensaci.

36) U suli quannu affaccia, affaccia pri tutti!
Il sole quando si affaccia, si affaccia per tutti!

37) U Signuri runa pani a cu unnavi renti.
Il Signore dà il pane a chi non ha denti.
È una metafora su chi elargisce beni a chi non è in grado di usufruirne o, in senso più ampio, a chi non ne ha bisogno.

38) U micceri bannìa chiddu chi avi.
Il mercante pubblicizza la sua merce.

39) Quannu ‘u piru è maturu casca sulu.
Quando la pera é matura cade da sola.
Col passare del tempo le situazioni si chiariscono da sole.

40) Spenni picca e arricchirai, para picca e `nzirtirai, mancia picca e campirai.
Spendi poco e diventerai ricco, parla poco e sarà la scelta migliore,mangia poco e vivrai a lungo.

41) Arbulu ca non fa ciuri e non fa frutti tagghialu di sutta.
Albero che non fa fiori né frutti taglialo alla base.

42) Iunciti cu li megghiu e facci a spisa pà via.
Frequenta le persone migliori anche se ciò comporta qualche sacrificio.

43) Un c'è minchia senza cugghiuna.
Non c'è pene senza testicoli.

44) Un patri campa centu figghi, ma centu figghi non campanu un patri. 
Un padre mantiene cento figli, mentre cento figli non riescono a mantenere un padre.
Si usa dirlo quando famiglie numerose decidono di portare il padre anziano in ospizio dopo che questi si era sacrificato una vita per fare ben figurare i figli in società.

45) Si a ogni cani c'abbaia ci tiri `na petra non t`arrestunu vrazza.
Se vuoi tirare una pietra ad ogni cane che abbaia le tue braccia non ce la faranno.

46) U surdu 'un è cu nun senti, ma cu nun voli sentiri.
Il sordo non è chi non sente, ma chi non vuole sentire.iciliani

47) Dissi lu puddicinu ndi la nassa: "unni maggiuri c'è, minuri cessa".
Disse il pulcino nel nido: "dove c'è il maggiore, il minore smette"

48) Zoccu ora si schifia veni lu tempu ca si disia.
Quello che adesso si disprezza un giorno sarà desiderato.
Non denigrare niente e nessuno.

49) Testa ca nun parra si chiama cucuzza.
Testa che non parla si chiama zucca.
Chi non parla al momento giusto è uno zuccone ed è inutile che poi si lamenti per le posizioni o scelte prese da altri.

50) Megghiu testa di lucertula ca cuda di liuni.
Meglio testa di lucertola, che coda di leone.

51) Tri pila avi u poccu e u poccu avi tri pila.
Tre peli ha il porco e il porco ha tre peli.

52) Quannu la furtuna vota ogni amicu s'alluntana.
Quando la fortuna volta le spalle tutti gli amici si allontanano.

53) Si vô futtiri 'u tô vicinu, curcati prestu e susiti matinu.
Se vuoi fregare il vicino, vai a letto presto e alzati di buon mattino.

54) Morti non veni mai senza scasciuni. 
Non si muore senza un motivo.

55) Si voi lu beni pensa a lu mali.
Se vuoi il bene pensa al male.

56) Quannu la lingua voli parrari, prima a lu cori a dumannari.
Quando la lingua vuole parlare, deve prima chiedere al cuore.

57) Sarba a pezza pi quannu veni u purtusu.
Conserva la pezza per quando avrai un buco da tappare.

58) Ri venniri e di matti, ne s'accatta ne si patti.
Di venerdì e di martedì né si fanno acquisti, né si intraprendono viaggi.

59) Quannu u sceccu un voli vìviri, e nutule friscàrici.
Quando l'asino non vuol bere è inutile fischiargli.

60) Si pi paura di corvi 'n si semina linusa, non putissimu aviri la cammisa.
Se per paura dei corvi non si semina il lino, non potremmo avere la camicia.

61) Assai vali e pocu costa a malu parrari bona risposta.
Una buona risposta a cattive parole vale molto e costa poco.

62) Pani schittu cala rittu.
Pane senza companatico, va giù facilmente.

63) Petra ca un fa lippu sa tira a china.
Chi non fa radici è destinato ad andare in rovina.

64) Acqua, cunsigghiu e sali a cu n`addumanna 'n ci nni dari. 
Acqua, consiglio e sale non darne a chi non te ne chiede.

65) Ogni lassata è pessa.
Ogni lasciata è persa.
Significa che non bisogna rifiutare nulla.

66) Ogni ficateddu ri musca è sustanza.
Ogni fegato di mosca è sostanza.
Anche una cosa piccola, insignificante, può essere importante.

67) Lu dottu si canusci a lu parrari e li campani a lu sunari.
Il dottore si conosce nel parlare, le campane al suono.

68) Aspittari e non veniri, jiri a tavula e non manciari, jiri o lettu e non durmiri su'  tri peni di muriri.
Aspettare qualcuno che non viene, andare a tavola e non mangiare, andare a letto e non dormire sono tre pene da morire.

69) Ogni bucu è pirtusu, e cu nun lu tappa e garrusu; ma si u bucu è fitusu migliu essiri garrusu !
Ogni buco è orifizio, e chi non lo tappa è omosessuale; ma se il buco è puzzolente è meglio essere omosessuale.

70) Non è "mpurtanti chiddu ca si cunta 'mpurtanti è chiddu ca cunta. 
Non è importante quello che si racconta, importante è quello che conta.

71) Occhiu ca non vidi cori ca non doli.
Occhio che non vede cuore che non duole.

72) U picca mi basta, u assai m'assupecchia.
Il poco mi basta, l'assai mi avanza.

73) Nta codda ruppa ruppa ci va ntô menzu cu non ci cuppa.
Nella corda nodi nodi, ci va di mezzo chi non ha colpa.

74) U re corna ni fa e non ni voli fatti.
Il re le corna le fa ma non ne vuole fatti.

75) Megghiu pierdiri ca strapierdiri.
Meglio perdere poco che perdere molto.

76) Megghiu nu sceccu vivu ca un dutturi mortu.
Meglio un asino vivo che un dottore morto.

77) Megghiu diri "chissacciu" ca diri "chissapìa."
È meglio dire "che ne so" che dire "che ne sapevo.

78) Megghiu u' tintu canusciutu ca u bonu a' canusciri.
È meglio un cattivo conosciuto piuttosto che un buono sconosciuto.
Meglio una persona già conosciuta di ci si sanno i difetti che una nuova da conoscere.

79) La guerra, quannu veni, veni pi tutti.
La guerra, quando arriva, arriva per tutti.

80) L'omu gilusu mori curnutu.
L'uomo geloso muore cornuto.

81) La petra uffruta di n'amicu è comu un pumu.
La pietra offerta da un amico è come una mela.

82) La megghiu palora è chidda ca nun si rici.
La parola migliore è quella non si dice.
Piuttosto che parlare a vanvera è meglio stare zitti.

83) A matinata fa a jurnata.
La mattinata fa giornata.
Svegliarsi al mattino di buon ora per fare qualcosa è molto utile e fa scorrere meglio l'intero giorno.

84) L'ebba tinta nun mori mai.
L'erba cattiva non muore mai.
È difficile liberarsi della gente cattiva.

85) I picciriddi annu a parrari sulu quannu piscia a jaddina.
I bambini devono parlare solo quando fa pipì la gallina.
I bambini non devono intromettersi nei discorsi dei più grandi.

86) Iochici, iochici cà minchia do pupu!
Gioca, gioca col pisello del pupo!

87) I picciuli sunnu nta vucca di tutti e nta sacchetta di nuddu.
I soldi sono sulla bocca di tutti e nella tasca di nessuno.

88) Futti e futtitinni. - Fotti e non ci pensare.

89) Ci dissi lu surci a la nuci: Dammi tempu chi ti perciu! Rispunni la nuci a lu surci: 'chiu tempu passa e 'chiù dura mi fazzu!!
Disse il topo alla noce: dammi tempo che prima o poi riuscirò ad aprirti. Rispose la noce al topo: più tempo passa e più dura mi faccio.

90) Cu spatti avi la megghju patti. 
Chi divide (chi fa le porzioni) sceglie la parte migliore.

91) Cu va cô zoppu a l'annu zuppìa.
Chi va con lo zoppo alla fine dell'anno zoppica.

92) Cu lassa la via vecchia pi la nova sapi chiddu chi lassa ma un sapi chiddu ca trova.
Chi lascia la strada vecchia per la nuova sa quello che lasca ma non sa quello che troverà.
Non lasciare mai il certo per l'incerto, non avventurarsi a casaccio.

93) Chiusa na porta si rapi un purtuni.
Chiusa una porta si apre un portone.

94) Falla comu voi, sempri cucuzza è!
Condiscila come vuoi, rimarrà sempre una zucca.
Quando una cosa non è buona all'origine, non c’è rimedio per poterla migliorare.

95) Cu si vaddò si savvò!
Chi si guardò (le spalle) si salvò!

96) Ccu amici e ccu parenti, 'un accattari e 'un vinniri nienti.
Con gli amici e con i parenti, non comprare e vendere niente.
Non fare affari in denaro con amici e parenti perché si può litigare e perdere l'amicizia o la parentela.

97) Amicu cu tutti e fidili cu nuddu.
Amico con tutti e fedele con nessuno.

98) Cu' arrobba pri manciari, nun fa piccatu.
Chi ruba per mangiare, non fa peccato.

99) Lu travagghiu d'autru nun si senti. - Il lavoro degli altri non si sente.

100) Cu pava prima, mangia pisci fitusu.
Chi paga prima, mangia pesce marcio.

101) A scaciuni do figghiolu … a matri s’ammucca l’ovu.
Con la scusa del figlioletto .. la mamma si mangia l’uovo.

102) Si voi campari filici e cuntenti, finciti orvu, surdu e 'gnuranti.
Se vuoi vivere felice e contento fa finta di essere cieco, sordo e ignorante.

103) A iaddina fa l'ovu e 'o iaddu c'abbampa u culu.
La gallina fa l'uovo e al gallo brucia il sedere.
Ci si lamenta di qualcosa che ha fatto male agli altri.

104) Fa chiù dannu 'n cretinu ca nu porcu 'nto jardinu.
Fa più danno un cretino che un porco nel giardino.

105) Cu avi picciuli campa filici e cu nunn'avi perdi l'amici.
Chi ha soldi vive felice chi non ne ha perde gli amici.

106) Cu voli beni un senti fetu d'agghiu.
Chi vuole bene non sente l'odore dell'aglio.

107) Bonu tempu e malu tempu nun duranu tuttu u tempu.
Il tempo buono e il tempo cattivo non durano mai in eterno.

108) Cu si vanta ca so vucca o è asino o è cucca.
Chi si loda da solo o è un asino o una civetta.

109) Cu' bedda voli appariri, tanti guai havi a patiri.
Chi bella vuole apparire tanti guai vuole subire.

110) Cu avi lingua passa u mari.
Chi ha la lingua attraversa il mare.

111) Li maccaruna si fannu a ghiri e veniri.
I maccheroni si fanno muovendo avanti e indietro (il mattarello).
Chi la fa l’aspetti.

112) Aranci aranci, cu havi guai si li chianci.
Aranci aranci, chi ha guai se li pianga da solo.

113) La fimmina è comu li muluna: mmezzo a centu ci nn'è bona una.
La donna é come i meloni: in mezzo a cento ce n'é una buona.

114) Megghiu 'na vota arrussiari chi centu voti aggianniari.
Meglio arrossire una volta che farsi giallo di bile cento volte.
Con i prepotenti occorre trovare la forza di ribellarsi almeno una volta, per evitare di subire sempre angherie e sopraffazioni.

115) Lu giovani uziusu, sennu vecchiu è bisugnusu. 
Il giovane ozioso, quando è vecchio sarà bisognoso.

116) Cui sempri viri a prucissioni e a missi, lignu nunn'è ppi fari crucifissi. 
Chi sempre vedi a processioni e a messa, non è legno per fare crocifissi.

117) Lu lupu di mala cuscenza comu opira penza.
Il lupo disonesto pensa degli altri ciò che saprebbe fare lui.

118) Parlu cu tia figghia sentimi tu nora.
Parlo con la figlia affinché la nuora mi ascolti.

119) Ci sunnu chiddi chi un fanno e un fannu fari.
Ci sono quelli che né fanno loro né fanno fare agli altri

120) Un promettiri voti a li Santi nè cuddureddi a li picciriddi.
Non fare promesse ai Santi né dolci ai bambini (se non le mantieni perdi la loro fiducia!)

121) Sputa 'n celu ch' in facci torna.
Se sputi verso il cielo (lo sputo) ti ritornerà in faccia.

122) Cu cu lo focu ioca prestu sabbrucia.
Chi gioca con il fuoco presto si brucia.

123) Di l'anniatu li robbi arrestano, di l'abbruscatu mancu chisti.
Dell'annegato almeno si possono recuperare i vestiti, dell'arso neanche quelli.

124) Cu d'un sceccu fa un cavannu, lu primu cavuciu su lu pigghia iddhu.
Chi di un asino fa un cavallo, il primo calcio se lo prende lui stesso.

125) Ci rissi lu priuri a la batissa: "senza sordi un sinni canta missa".
Dice il priore alla badessa:"senza soldi non se ne canta messa!".
Nulla è gratis, tutto ha un prezzo.

126) Diu unni scanza!... di fimmini tinti, d'omini spani, di surdi finti, di mali cristiani; di figghi rummulusi, di scarpi stritti, di monachi pulacusi, di 'ttaccacravatti; di gnuranti prisintusi, di minzugnari, di parrini ziccusi, di stritti cumpari; di pani muffutu, di vino 'citusu, di viddanu arriccutu, di sinnacu piducchiusu. 
Dio ci liberi!... da donne cattive, da uomini imberbi, da finti sordi, da cattivi cristiani; da figli pignucolosi, da scarpe strette, da monache podagrose, da usurai; da ignoranti presuntuosi, da bugiardi, da preti tirchi e ficcanaso, da compari stretti; da pane ammuffito, da vino acetoso, da villano arricchito, da sindaco pidocchioso

127) Megghiu lu tintu di bona razza, ca lu megghiu di mala razza...
Meglio il cattivo di buona razza, che il migliore di mala razza.

128) Megghiu un ovu oggi chi n'addina dumani.
Meglio un uovo oggi che una gallina domani.
Approfitta delle occasioni oggi perché domani potrebbe essere tardi.

129) Ri chiddu chi viri, pocu ni criri; ri chiddu chi senti, nun cririri nenti.
Credi poco a quello che vedi e per nulla a quello che senti.

130) L'immurutu pi la sò via lu so immu un si lu talia.
La gente parla sempre su gli altri..non guardando i propri difetti.

131) Cu s'avanta cu li sò renti..unnavi nenti.
Chi vanta la propria persona con la propria bocca... non ha niente di quello che crede di avere o di essere.

132) Si vò passari la vita cuntenti, statti luntanu di li parenti. 
Se vuoi essere contento stai lontano dai parenti.

133) Sparagna la farina quannu la visazza è china, quannu 'a visazza è sdivacata servi a nenti la sparagnata.
Risparmia il denaro quando lo puoi fare, perchè quando il denaro non c' è non hai nulla da risparmiare.

134) Lu ventu 'n chiesa ci voli ma unn' ava astutari li cannili.
Il vento in chiesa è gradito finché non spegne le candele.
Mai esagerare.

135) Pigghiari lu focu cu li mani di l'avutri.
Prendere il fuoco con le mani degli altri.
Far fare agli altri le cose più spiacevoli o pericolose.

136) Amaro cu ci cummatte cornutu chi non lo aiuta.
Amaro chi soffre cornuto chi non l'aiuta.

137) Cu joca sulu vinci.
Chi gioca solo vince.

138) Ajo raggiuni ma ma mancio squarata u stissu.
Ho ragione, ma mangio lo stesso "senza condimento".

139) 'Nzoccu piaci a'i 'mo rienti, nun ni' rugnu a'i mo' parenti.
Ciò che è gradito al mio palato, lo mangio solo io e non ce ne è per nessuno!

140) A tempi di pira: "zì Pè, zì Pè!"; fineru li pira e finiu lu ziu Pè.
Quando le pere sono mature: "zio Peppe!"; finite le pere finito lo zio Peppe.

141) A tu si ca si omu...no to soru!
Tu sei che sei un uomo......no tua sorella!

142) A vigna si chianta quannu u vinu 'un vali nenti.
Il vigneto va piantato quando il vino non ha valore di mercato.

143) A vossia la rota firria, lu cavaddru è pilusu e vossia è garrusu.
A voi (maschile) le gira la ruota, il cavallo è peloso e lei è un gay.

144) Arrè ci torni 'ccu la minchia di lu pupu! E' San Caloriu e nun'è pupu!
Ancora insisti con questo dannato pupazzo! È San Calogero e non è un pupazzo!

145) Avi cchiu corna di 'na lapa china di crastuna.
Ha più corna di una ape piaggio da cui si smerciano chiocciole.

146) Carta scritta leggiri si voli.
Carta scritta la si vuol leggere.

147) Cchiù scuru di mezzanotti 'un pò fari.
Più buio di mezzanotte non può fare.
Peggio di così non può andare

148) Chiossà tira un pilu di sticchiu ca un carro di vò.
Tira più un pelo di vagina che un carro di buoi.

149) Ci dissi u sceccu a u mulu: "semu nati pi dari lu culu"!
Disse l'asino al mulo "siamo nati per dare il culo".

150) Cicciu, pudditru, lazzaruni e latru! Ci li futtisti li chiavi a San Pietru! Ci li mittisti rarrieri 'a lu quadru, Cicciu, pudditru, lazzaruni e latru!
Sei un mariuolo irrispettoso con tale inesperienza ed incoscienza da non portare rispetto nemmeno ai "Santi".

151) Cilò cilò a pena è mia ma i guai su tto!
Cilò cilò la pena è mia ma i guai sono tuoi

152) Circari Jaccia p'arruttari.
Cercare sedano per eruttare.

153) Cu lu dammi e cu lu te l'amicizia sempri c'è, ma cu lu dammi dammi dammi tutti cosi vannu strammi.
Con il "dammi" e con il "prendi" l'amicizia sempre c'è, ma con il "dammi dammi dammi" tutte cose vanno a rotoli.

154) Cu nasci tunnu non po moriri pisci spatu.
Chi nasce tonno non può morire pesce spada.

155) Cu non mancia 'n pista, mangia ammucciuni!
Chi non mangia a tavola, mangia di nascosto.

156) Di babbi com'a tia ni fazzu un fasciu li mettu a pipitusciu e po ci pisciu.
Di poco intelligenti come te ne raccolgo una catasta, li ammucchio e poi ci urino sopra.

157) È inutili ca t'allisci e fai cannola... U santu è fattu 'i mammuru e nun sùra
È inutile fare moine, la statua del santo è di marmo e non suda.

158) I chiacchiri su chiacchiri e i maccaruni su chiddi ca incunu a panza.
Le parole son chiacchiere ma i maccheroni son quelli che saziano.
Valgono più i fatti delle parole.

159) In tempu di carestia ogni puttusu è galleria.
In tempo di carestia ogni buco è galleria.

160) La robba stinnuta è mezza vinnuta.
La roba stesa e' mezza venduta.

161) Lu jornu unni vogghiu e la sira spardo l'ogghiu.
Di giorno non mi va e la sera consumo l'olio.
Le cose che si potrebbero fare alla luce del sole vengono fatte la sera sciupando olio, inteso quello delle antiche lampade ad olio.

162) Lu libru di l'infamità t'accattasti e la prima infamità già mi la facisti.
Il libro delle infamie ti sei comprato e la prima infamia già mi hai fatto

163) Megghiu co picca godiri ca cu assai triuliari.
Meglio con poco godere che con molto lamentarsi.

164) Megghiu scecchi ca malati.
Meglio ignoranti che ammalati.

165) Megliu 'u strunzu cafuddratu 'a lu nesciri ca a trasiri.
È indicato sforzare il proprio ano per defecare e non per farsi penetrare.

166) Munnu è statu e munnu sarà.
Mondo è stato e mondo sarà.

167) Na chianata do critazzu nun c'a fazzu nun c'a fazzu.
Nella salita del cretaccio non ce la faccio non ce la faccio.

168) Ogni purtusu è paradisu.
Ogni pertugio è un paradiso.

169) Ogni sgarratura è moda.
Ogni errore è moda.

170) Ognunu vorrica a so patri chi peri ri fora.
Ognuno seppelisce il proprio padre con i piedi di fuori.

171) Parrari picca e vèstiri di pannu, nun fannu mai dannu.
Parlare poco e vestire elegantemente, non fa mai male.

172) Prima 'i parrari mastica i paroli.
Prima di parlare mastica le parole.
Rifletti bene sulle parole che stai dicendo.

173) Quannu chiuavi stam' in chiazza, quannu un chiuavi stam' in chianura.
Quando piove stiamo in piazza quando non piove stiamo in pianura.

174) Rizzi, pateddri e grangi: spenni assà e nenti mangi.
Ricci di mare, patelle e granchi: spendi molto e mangi poco.
Per certe cose non conviene spendere tanti soldi.

175) Semu cu l'acqua intra e u cannolu fora.
Siamo con l'acqua in casa e il rubinetto fuori.

176) Si nò vòi fattu tantu, levati da minchia e iettati i'cantu.
Se non lo vuoi fatto tanto, levati dalla minchia e vattene altrove.

177) Si travaglia e si fatica pi la panza e pi la fica.
Si lavora e si fatica per la pancia e la vagina.

178) Ti vo mparari a fari ddetta? La chitarra e la scupetta.
Vuoi imparare a fare i debiti? La chitarra e il fucile.

179) Troppa strittianza fa mala crianza.
Troppa vicinanza fa insospettire.

180) U cavaddu bonu si viri a longa cussa.
Il cavallo buono si vede alla lunga distanza.
Prima di dare un giudizio positivo su una persona è opportuno affermarlo dopo averlo visto in azione per un tempo ragionevolmente lungo.

181) U pisci feti da testa.
Il pesce puzza dalla testa.

182) U puttusu è puttusu e cu no ntuppa è jarusu!
Il buco è il buco, chi non lo tappa è gay.

183) U sceccu co sceccu s'araspa.
L'asino si strofina con un altro asino.

184) Un pezzu i carni crura fa addiviaittiri a criatura.
Un pezzo di carne cruda fa divertire la creatura.
Nessuna ragazza resiste al sesso nemmeno la più ingenua e riservata.

185) U supecchiu è comu u mancanti.
L'eccedenza è come l'assenza.

186) Si ficiru i ficu.
Si sono fatti i fichi.
Quando una cosa è conclusa, come se si arrivasse alla soluzione ed al finale.

187) Non c'hai mancu l'occhi pi chianciri.
Non ho nemmeno gli occhi per piangere.

188) Non hai mancu u tempu pi moriri.
Non ho nemmeno il tempo per morire.
Per dire che si è troppo impegnati.

189) U vicinu è comu un serpenti s'unti vidi ti senti
Il vicino è come un serpente: se non ti vede, ti sente.

190) Cu duna lu pani a lu cani di cu, perdi lu cani e lu pani di cchiu'.
Chi dà il pane al cane di qualcuno, non rivedrà più il cane e a maggior ragione il pane.
A volte il bene fatto non viene ricambiato.

191) Pensa la cosa avanti chi la fa, ca la cosa pinsata è bedda assa'.
Pensa a cosa fare prima di farla, che la pensata è bella assai.
Riflettere bene prima di fare qualcosa.

192) Vaiu p'acchianari ma sempri scinnu, cercu di ridiri un'ura e chianchiu un'annu.
Vado per salire ma sempre scendo, cerco di ridire un'ora e piango per un anno.
È l'amara constatazione di una condizione economica in peggioramento. Pochi momenti di gioia, spesso si alternano a lunghe sofferenze.

193) Di tanti chi mi vidinu muriri, iu sulu mi lu pigliu lu pinseri.
Di tanti che mi vedono morire, solamente io me ne preoccupo.
Solo chi soffre si preoccupa veramente delle proprie disgrazie.

194) Ammuccia ammuccia chi tuttu pari.
Nascondi tutto tanto si vede.
Non saper mantenere un segreto e farlo conoscere involontariamente.

195) Arrivati a la cinquantina, un malannu ogni matina.
Dopo i cinquant'anni ogni mattina viene un malanno.
Dopo una certa età cominciano i mali fisici.

196) Ascippa e chianta.
Togli e metti.
Si dice per chi ama ripetere sempre la stessa cosa.

197) Avi la cammisa cacata.
Ha la camicia sporca di cacca.
Serve ad indicare qualcuno con la coscienza sporca.

198) A tràsiri e nèsciri.
Ad entrare ed uscire.
Dicesi di un discorso fra il dire e il non dire.

199) Cancianu li sunatura ma la musica è sempri la stessa.
Cambiano i musicisti ma la musica non cambia.
Nonostante cambino le persone, il risultato negativo non cambia.

200) Cu cchiù spenni menu spenni.
Chi più spende meno spende.
È riferito a chi per risparmiare deve comprare una cosa più volte, spesso è meglio spendere di più e la cosa dura anche di più.

201) Cu futti futti Diu pirduna a tutti.
Chiunque fotte (in tutti i sensi) Dio lo perdona.
Si dice quando si pensa che i delitti e i misfatti commessi non saranno mai scoperti e quindi resteranno impuniti.

202) Pigghiari la via di l'acitu.
Prendere la via dell'aceto.
Come il vino che comincia a guastarsi, per indicare una persona che peggiora nel proprio comportamento.

203) Spogghi'a Cristu e vesti a Maria.
Spoglia a Cristo e veste a Maria.
Per riparare una cosa se ne rovina un'altra.

204) Ogghiu fitusu e patedda spunnata.
Olio sporco e padella bucata.
Si dice quando incontri due persone che valgono poco oppure una società formata da due persone poco raccomandabili.

205) Nuddu 'mmiscatu cu nenti.
Il nulla mischiato al niente.
Dicesi di persona o fatto che non ha alcuna rilevanza.

206) Megghiu perdiri chi straperdiri.
È meglio perdere che perdere ancora di più.
Interrompere una iniziativa che va male, per evitare di aggravare la situazione: per evitare di perdere tutto il resto.

207) Lu cani muzzica sempre lu strazzatu. 
Il cane morde sempre il poveraccio.
La mala sorte si accanisce sempre sui poveri sventurati

208) Li vai di la pignata li sapi la cucchiara chi li rimina.
I guai della pentola li conosce solo il cucchiaio che li mescola.
Ognuno conosce la propria vita e le proprie sofferenze.

209) Iunciti cu li megghiu e perdici li spisi.
Frequenta le persone migliori anche se ti costano.
Frequenta e stai in compagnia con le persone migliori, dal punto di vista morale, anche se ciò comporta qualche spesa in più.

210) L'arvulu s'addrizza mentri è nicu.
L'albero si raddrizza intanto che è piccolo.
I figli si educano quando sono piccoli.

211) La casa capi quantu voli lu patruni.
La casa è capiente per quanto vuole il padrone.
L'ospitalità dipende dalla volontà del padrone di casa.

212) La lingua unn'avi ossa ma rumpi l'ossa. 
La lingua non ha ossa ma le rompe.
Con le parole si può far così male tanto da provare anche dolore fisico.

213) L'acqua lu vagna e lu ventu l'asciuga.
L’acqua lo bagna ed il vento l’asciuga.
Si dice dice a una persona che non fa nulla di buono.

214) Fa beni e scordatillu, fa mali e pensaci.
Fai del bene e dimenticalo, fai del male e pensaci.
Se fai del bene non aspettarti lusinghe varie se invece fai del male riflettici per non ripeterti.

215) Fatti nomina e va curcati.
Fatti la nomina e vai a dormire.
Una volta che ti sei fatto valere, puoi dormire sonni tranquilli.

216) Dura cchiù na quartara ciaccata chi una sana.
Dura di più un recipiente di terracotta (giara) lesionata che una intera.
Spesso una persona malaticcia vive più di una persona sana (integra).

217) Di cu sunnu li figghi, si l’annaca.
I figli di chi sono se li culla.
Ciascuno deve accudire i propri figli, non aspettare niente dagli altri.

218) Cu pratica maestru, all'annu addiventa mastru.
Chi fa pratica da un maestro dopo un anno diventa artigiano specializzato.
Chi fa pratica apprende così bene che poi potrà insegnare agli altri.

219) Cu nasci tunnu un pò mòriri quadratu.
Chi nasce rotondo non può certo morire quadrato.
Si dice di persona che non cambierà mai e combinerà sempre gli stessi errori.

220) Cumannari è megghiu di futtiri.
Comandare è meglio che fare l'amore.
A volte si trova più piacere a comandare che a fare l'amore.

221) Cu fa carteddi, ‘ni fa lari e ‘ni fa beddi.
Chi fa cesti ne fa brutti e ne fa belli.
Nelle cose che realizziamo non sempre raggiungiamo i migliori risultati.

222) Petra ch'un fa lippu ciumi si la porta.
Pietra che non si copre di muschio viene portata dal fiume.
Chi non è ben inserito in un ambiente finirà per trovarsi male.



Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".