Quando Dio messer Messerin fece, Rustico Filippi


Più vivacemente tagliato è questo profilo, più ricco di fantasia nella caricatura. Ha un sapore grottesco: troviamo anche in Rustico il fondo comico-drammatico italiano, qui travestito di immagini d'animali che diremmo surrealistiche, secondo il gusto moderno.
Rustico ama le contraffazioni: trasforma messer Messerino - forse un cavaliere, Albizzo de Caponsacchi - in uno scherzo della natura col gozzo d'un anatroccolo, la schiena d'una giraffa e la voce di un corvo, simile a un uomo soltanto nell'abito.

Testo:

Quando Dio messer Messerin fece
ben si credette far gran maraviglia,
ch’uccello e bestia ed uom ne soddisfece
che a ciascheduna natura s’appiglia:

che nel gozzo anitrocol contraffece,
nelle reni giraffa m’assomiglia,
ed uom sarfa, secondo che si dice,
nella piacente sua cera vermiglia.

Ancor, risembra corvo nel cantare,
ed e diritta bestia nel savere,
ed uomo e somigliato al vestimento.

Quando Dio il fece, poco avea che fare.
Ma voile dimostrar lo suo potere,
si strana cera fare ebbe in talento.


Parafrasi

Quando Dio fece messer Messerino,
certo intese proprio fare una cosa mai vista prima e straordinaria:
egli infatti contentò uccello, bestia e uomo,
prendendo qualcosa di ciascuna di queste tre nature.
Infatti imitò l'anatroccolo nel gozzo
sembra una giraffa nelle reni,
e sembra un uomo, come è doveroso che sia,
nella sua nella faccia tutta rossa.
Sembra poi un corvo quando canta,
e quanto a sapere è proprio una bestia,
mentre ha parvenze umane nel vestire.
Quando Dio lo creò doveva aver ben poco da fare, 
ma lo fece per dimostrare tutta la sua potenza, 
poiché si compiacque di creare un essere tanto strano.



Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".