Mercoredie - Folgore da San Gimignano


Testo:

Ogni mercoredí corredo grande
di lepri, starne, fagiani e paoni,
e cotte manze ed arrosti capponi,
e quante son delicate vivande;

donne e donzelle star per tutte bande,
figlie di re, di conti e di baroni,
e donzellette e giovani garzoni
servir portando amorose ghirlande;

coppe, nappi, bacin d’oro e d’argento,
vin greco di riviera e di vernaccia,
frutta, confetti quanti li è ’n talento,

e presentarvi uccellagioni e caccia;
e quanti sono a suo ragionamento
sí sieno allegri e con la chiara faccia.


Parafrasi

Ogni mercoledì [sia imbandito] un gran convito di lepri, starne, fagiani e pavoni, e vitelle lessate e capponi arrosto e tutte le vivande più delicate; vi siano dappertutto donne e fanciulle, figlie di re, di conti e di baroni, e giovanetti e fanciulle siano loro servitori, portando loro ghirlande in pegno d'amore; coppe, bicchieri, bacili d'oro e d'argento, vino greco di campagne ubertose e vino di vernaccia; frutta, dolci quanti se ne vogliono; e presentarvi selvaggina e cacciagione; e quanti converranno con lui [con il giovane cavaliere] siano felici e stiano con volto allegro.


Commento

Torna l'allegria davanti alla tavola imbandita di cacciagione: lepri, starne, vitelle lesse e capponi arrosto fanno bella mostra di sé; al lieto banchetto del mercoledì partecipano figlie di re e nobili, si brinda col vino greco in coppe d'oro e d'argento, i servitori portano ghirlande in segno d'amore. Si rinnova così il clima delle feste: già è lontano ogni rumore della guerra.



Nessun commento :

Scrivi un commento

I commenti dovranno prima essere approvati da un amministratore. Verranno pubblicati solo quelli utili a tutti e attinenti al contenuto della pagina. Per commentare utilizzate un account Google/Gmail, altrimenti la modalità "anonimo".